Questo forum utilizza dei Cookie per tenere traccia di alcune informazioni. Quali notifica visiva di una nuova risposta in un vostro topic, Notifica visiva di un nuovo argomento, e Mantenimento dello stato Online del Registrato. Collegandosi al forum o Registrandosi, si accettano queste condizioni.

Tutti gli orari sono UTC+01:00




Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 77 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente 1 2 3
Autore Messaggio
MessaggioInviato: gio giu 22, 2017 1:36 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 7:02 pm
Messaggi: 21051
Località: Ovunque ci sia una birra ghiacciata
Si, senza superare i 100 km/h ed in pianura, però, col clima spento. Ed appena c'è una salita l'autonomia crolla

https://www.tesla.com/it_IT/models

Sul sito della tesla si può prendere il modello dotato delle batterie più performanti, quella da 100 kw/h. Autonomia teorica, in pianura, 594 km ( ma tesla dice che la reale varia secondo le modalità d'uso).
Basta portare la velocità da 100 a 120 km/h, quella che si terrebbe in autostrada, mettere i cerchi da 21 al posto dei 19, accendere il clima.. e l'autonima teorica scende a 435 km, ovvero già 160 km in meno di quella dichiarata inizialmente, e siamo sempre sulla teorica

Poi nella realtà le cose cambiano completamente. In rete si trova il resoconto di un Lugano-Roma con la Tesla P85d (autonomia dichiarata sopra i 500 km ,distanza Lugano Roma 691 km). Risultato? 3 soste per arrivarci; prima ricarica a Melegnano, seconda ricarica a Modena, terza ricarica ad Arezzo (fatta anche contando di dover tornare da Roma ad Arezzo senza poter ricaricare). Ora, sommando la distanza Roma-Arezzo all'andata Lugano-Roma, siamo sui circa 960 km. La Tesla ha dovuto ricaricare 3 volte per percorrere questa distanza, per un totale di tempi di ricarica di 140 minuti circa, tenendo medie orarie basse.
Con quelle medie i 960 km li fa anche la mia auto, con un tempo per fare il pieno di 5 minuti.
https://attivissimo.blogspot.it/2015/09 ... ge-da.html

Io non dico nè che l'elettrico non sia il futuro nè che non mi piaccia l'auto elettrica. Dico solo che con le tecnologie attuali delle batterie e delle ricariche un'auto elettrica può essere limitata ad un uso cittadino o poco più (interland), oppure può essere un'ottima auto per chi fa sempre lo stesso percorso di qualche decina di km e si ferma abbstanza per ricaricare.
Ma scordati di poter prendere un'auto elettrica per andare da Bologna a Milano, fermarti li 30 minuti, poi spostarti a Monza, altri 30 minuti, poi andare vicino a como e poi la sera tornare a Bologna. Con un'elettrica non lo fai nè adesso nè fra 5 anni. Se poi invece devi andare da Bologna a Campiglio, o Cortina, con tutto il dislivello da affrontare, il viaggio non lo fai proprio perchè la carica dell'auto non ce la fa a farlo.
Senza contare il problema enorme; l'elettrica ti impone di pianificare le soste con un grosso margine prudenziale; se col tuo diesel o benzina vai in riserva, sai che arrivi al prossimo distributore e riparti, al massimo apsettando 10 minuti se hai davanti due auto a rifornire. Se ci vai con l'elettrica non sai nè se arrivi alla prossima colonnina nè quanto devi aspettare che si liberi nè quanto ti toccherà star li a ricaricare l'auto. Quindi sei obbligato a pensare di fermarti quando la carica arriva attorno al 30%, anche se hai ancora un 100-150 km di autonomia, perchè se arrivi al supercharger e ci sono già attaccate auto o aspetti 40-60 minuti o prosegui per il prossimo, che è quello che farebbero tutti.

Questo ovviamente al netto che se passiamo tutti all'elettrica serve il nucleare ;)


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


MessaggioInviato: gio giu 22, 2017 8:54 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom nov 21, 2010 8:25 pm
Messaggi: 8396
Località: Earth - Sol III
https://twitter.com/Tyreal76/status/877567593074143232


Top
   
MessaggioInviato: gio giu 22, 2017 9:17 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab set 16, 2006 2:41 pm
Messaggi: 21525
Località: RomaCapitale
ci sono 2 strade da percorrere.

una è il pacco batterie intercambiabile, in modo che al "distributore" ti tolgano le tue e ti mettano batterie al 100% in 2 minuti.
ovviamente si aprirebbe il caso batterie uniformi, se ne prendo una fallata poi di chi è la colpa, ecc

altra strada (leggevo qualcosa oggi ma non ci credo) la carica wireless in movimento. a quel punto l'auto diventa un filobus :)
ma dubito la tecnologia attuale sia in grado di farlo.

http://www.lastampa.it/2017/06/22/motor ... agina.html

per il resto, per ora, poco da dire. Potrebbe al massimo funzionare in città dove - se i mezzi funzionano - l'auto non è necessaria.
ottimo invece sarebbe per i progetti di car sharing e via discorrendo. Dove i percorsi sono brevissimi e non ci vorrebbe molto ad elettrificare il tutto (colonnine di parcheggio ecc ecc)

cmq le vendite di elettriche in europa sono tutt'altro che basse. anzi.

_________________
non posso aspettar l'Ateca... :mrgreen:


Top
   
MessaggioInviato: ven giu 23, 2017 7:23 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 7:02 pm
Messaggi: 21051
Località: Ovunque ci sia una birra ghiacciata
billy079 ha scritto:
ci sono 2 strade da percorrere.

una è il pacco batterie intercambiabile, in modo che al "distributore" ti tolgano le tue e ti mettano batterie al 100% in 2 minuti.
ovviamente si aprirebbe il caso batterie uniformi, se ne prendo una fallata poi di chi è la colpa, ecc


C'hanno già provato, mi sembra un imprenditore israeliano supportato da renault o Dc. Un flop cosmico (il cambio non è poi così agevole come aprrebbe sulla carta)



Cita:
altra strada (leggevo qualcosa oggi ma non ci credo) la carica wireless in movimento. a quel punto l'auto diventa un filobus :)
ma dubito la tecnologia attuale sia in grado di farlo.

http://www.lastampa.it/2017/06/22/motor ... agina.html


Letto pure io tempo fa. Potrebbe essere il futuro; ma devi rifare tutte le infrastrutture (strade) d'Italia, o almeno le direttrici principali. Lavoro immane, costosissimo, con disagi immensi. Però potrebbe essere una strada da percorrere




Cita:
cmq le vendite di elettriche in europa sono tutt'altro che basse. anzi.


Perchè nel cumulato ci mettono dentro anche le ibride plug in, e si arriva a circa 150-170.000 esemplari all'anno. Togli le plug in e togli gli incentivi ed il mercato crolla.

Che, ripeto, non sono contro l'auto elettrica, io reputo il motore a scoppio preistoria indegna di essere passata ai nostri figli. Ma la momento, stante la tecnologia attuale su accumulatori e ricarica, è una tecnologia totalmente inadatta alla mobilità di massa.


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


MessaggioInviato: ven giu 23, 2017 2:02 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven lug 13, 2007 3:17 pm
Messaggi: 2096
Non so dove metterla, se qui o se nel 3d della crisi

http://www.offertevolkswagen.it/

Tanto bene non mi pare stiano messi


Top
   
MessaggioInviato: ven giu 23, 2017 2:30 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 10159
mauro65 ha scritto:
Non so dove metterla, se qui o se nel 3d della crisi

http://www.offertevolkswagen.it/

Tanto bene non mi pare stiano messi



Intanto i profitti del marchio Vw nel primo trimestre sono passati da 67 a 894 milioni di euro (Cina esclusa) pur continuando a perdere soldi in India, Nord e Sud America. Gli sconti non dicono tutto.


Top
   
MessaggioInviato: ven giu 23, 2017 4:39 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab set 16, 2006 2:41 pm
Messaggi: 21525
Località: RomaCapitale
daimlerchrysler ha scritto:
mauro65 ha scritto:
Non so dove metterla, se qui o se nel 3d della crisi

http://www.offertevolkswagen.it/

Tanto bene non mi pare stiano messi



Intanto i profitti del marchio Vw nel primo trimestre sono passati da 67 a 894 milioni di euro (Cina esclusa) pur continuando a perdere soldi in India, Nord e Sud America. Gli sconti non dicono tutto.


considerando quanto guadagnano su tiguan e quanti ne vendono è ovvio.
sui suv - si sa - la marginalità è maggiore.

cmq arrivato anche a me SMS poche ore fa per golf/polo/up km0 con extra sconto entro fine mese...

_________________
non posso aspettar l'Ateca... :mrgreen:


Top
   
MessaggioInviato: lun giu 26, 2017 3:49 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 10159
Immagine

5 veicoli elettrici per il marchio Vw entro il 2022.


Top
   
MessaggioInviato: sab ago 19, 2017 9:39 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 10159
PEBBLE BEACH, California, USA -- Volkswagen has confirmed plans to build a production version of its all-electric I.D. Buzz van in 2022 for consumer and commercial applications.

The van -- or microbus in VW parlance -- will have Level 3 autonomous capabilities in the commercial version. The Buzz will be one of three electric vehicles VW is planning on its MEB architecture. The family of EVs includes the I.D. Crozz SUV and the I.D. hatchback.

The automaker confirmed the plans Saturday in Pebble Beach, channeling the California lifestyle that helped turn Volkswagen's Bus from the 1960s into an icon.

"The Microbus, which is what the Bulli is called in America, has always been part of the California lifestyle," VW brand CEO Herbert Diess said in a statement ahead of the debut. "Now we're bringing it back by reinventing the Bulli as an electric vehicle."

The production Buzz will be 4942mm long -- 216mm inches shorter than a Honda Odyssey minivan and about 102mm shorter than a Ford Explorer. It will be built at the Hanover, Germany, plant where all six earlier generations of VW's van were built. It will be exported throughout Europe, the U.S. and China.

Because of the compact powertrain and flexible platform architecture, VW is promising the Buzz will have variable seating configurations. While only the commercial iteration was announced with Level 3 autonomy, VW has previously said all I.D. models would be fully autonomous by 2025.

Volkswagen didn't disclose the Buzz's range though the concept version had about 435 km of range on the EPA test cycle for its two-motor, 369-hp system. The range of the production version is expected to be higher than that by the time the Buzz hits the road in the next decade.

VW ha smentito le voci che volevano la fine del progetto minibus elettrico, la nuova riedizione del Bulli arriverà nel 2022 e punterà soprattutto all' America.


Top
   
MessaggioInviato: sab ago 19, 2017 11:00 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar apr 08, 2008 1:42 pm
Messaggi: 8015
Località: Sardinia
billy079 ha scritto:
ci sono 2 strade da percorrere.

una è il pacco batterie intercambiabile, in modo che al "distributore" ti tolgano le tue e ti mettano batterie al 100% in 2 minuti.
ovviamente si aprirebbe il caso batterie uniformi, se ne prendo una fallata poi di chi è la colpa, ecc

altra strada (leggevo qualcosa oggi ma non ci credo) la carica wireless in movimento. a quel punto l'auto diventa un filobus :)
ma dubito la tecnologia attuale sia in grado di farlo.

http://www.lastampa.it/2017/06/22/motor ... agina.html

per il resto, per ora, poco da dire. Potrebbe al massimo funzionare in città dove - se i mezzi funzionano - l'auto non è necessaria.
ottimo invece sarebbe per i progetti di car sharing e via discorrendo. Dove i percorsi sono brevissimi e non ci vorrebbe molto ad elettrificare il tutto (colonnine di parcheggio ecc ecc)

cmq le vendite di elettriche in europa sono tutt'altro che basse. anzi.


Io l'elettrico lo vedrei bene con ricarica in movimento NON wireless, in stile pista Polistyl.

_________________
-- LE IENE PORTANO BENE --
- Renault New Laguna Sportour 4Control 2.0 dCi 150cv - 06/2010 -
- Suzuki GSR 600 K6 - 04/2006


Top
   
MessaggioInviato: mar nov 28, 2017 7:44 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 10159
Target achieved: At the fourth works meeting of the year, the Audi Works Council joined the management in announcing the extension of job security until the end of 2025. The deal covers the entire workforce of AUDI AG. General Works Council Chairman Peter Mosch and Audi CEO Rupert Stadler also announced that two all-electric SUV models are to be built at the Ingolstadt site from 2021.
“We have long been fighting for a job guarantee up until the end of 2025. Our colleagues need that certainty, and that is something we can now finally give them,” declared Peter Mosch at the start of the works meeting.

The General Works Council Chairman also emphasized the vital importance of these firm decisions by the Company in an age of ongoing digitalization and new drive technologies, in order to allay employees’ fears about the future. “That is why specifically the decision on the two new all-electric SUVs is another milestone on our road to a secure future,” added Mosch. The employee representatives took the decision as firm evidence that Audi will not merely rise to the challenges of digitalization and electric mobility, but will lead the way in those fields.

It is their belief that further investment by the Board of Management in future technologies, qualification programs, domestic locations and employment will take the Company in a very promising direction.

“It’s clear that the electrification of the site and the expected developments in the car market will continue to demand flexibility from the workforce, but equally clear that the Company needs to rise to the challenge to make this future employee-friendly. Come what may,” declared General Works Council Chairman Peter Mosch.

The Chairman of the Board of Management of AUDI, Rupert Stadler, views the Audi plan of attack as a clear commitment to the German sites and to maintaining their competitiveness. The plan of attack envisages 20 electrified models by 2025, of which more than ten will be automobiles with all-electric drive; this is earmarked as a core component of the “Audi. Future.” agreement. “Building up manufacturing capacity for electric cars in Germany is at the heart of this pact for the future, which we are currently negotiating. It demonstrates our clear commitment to the future of the Ingolstadt and Neckarsulm plants.” And with an eye to the current challenges, Stadler added: “The transition to electric mobility and the general volatility of car markets demand immense flexibility from the Company and its workforce.”

Audi ha appena annunciato che produrrà 2 suv esclusivamente elettriche a Ingolstadt a partire dal 2021 ma già nel 2018 e nel 2019 usciranno altre 2 suv elettriche. Quindi in 3 anni 4 suv elettrici. Ci sarà tutto questo mercato?


Top
   
MessaggioInviato: mar nov 28, 2017 9:16 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab set 16, 2006 2:41 pm
Messaggi: 21525
Località: RomaCapitale
poi sta mania di fare i modelli "solo" elettrici. ma perchè? boh.

_________________
non posso aspettar l'Ateca... :mrgreen:


Top
   
MessaggioInviato: mar nov 28, 2017 9:42 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 10159
Quello lo capisco, ha un motivo di costi. Vw da una parte e Porsche insieme ad Audi dall’altra stanno creando 2 piattaforme elettriche ( la prima dal segmento B a quello D e la seconda per le ammiraglie e le supersportive). Il pianale MQB ha la capacità di avere versione elettriche ma lo spazio permette range fino a 300 km. Creare un pianale pensato in gran parte solo per contenere le batterie permetterà autonomie tra i 400 e i 600 km ( i primi per la compatta di segmento C, i secondi per il suv). Le stime parlano di costi di produzione inferiori del 25% rispetto a vetture dotate di motori a combustione e tempi di produzione tagliati del 30%.
Di fronte alle sempre più stringenti normative anti inquinamento ha quindi senso produrre veicoli esclusivamente elettrici.
Il problema è se esiste un mercato così vasto per assorbire questa produzione. Non sta in piedi economicamente la produzione di 10.000 vetture elettriche l’anno, devono essere raggiunti volumi molto più elevati. Quasi tutti i costruttori prevedono una quota di EV di almeno il 25% entro il 2030. L’acquirente medio di una compatta sarà così rapido nel salire sul carro delle elettriche con tutti i problemi di ricarica ( ed è un solo problema ne potrei citare mille). Mi risulta difficile credere che nel 2025 si venderanno in Europa 250.000 I.D. elettriche invece che 500.000 Golf all’anno.


Top
   
MessaggioInviato: mer nov 29, 2017 12:20 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven lug 13, 2007 3:17 pm
Messaggi: 2096
Ad oggi una vettura elettrica pura costa circa il doppio di una azionata dal classico motore endotermico. Per di più c’è l’incognita batterie, a quanto pare dopo circa 8 anni, forse 10, vanno sostituite. Non che uno tenga l’auto così a lungo, ma, visto il costo delle batterie, ciò implica di fatto l’azzeramento totale dei valori residui. Queste le prime valutazioni immediate che potrebbe fare l’uomo della strada messo di fronte ad un preventivo per un’auto elettrica.

Aggiungiamo alcune ulteriori considerazioni:
- per far fronte all’eventuale domanda di ricariche, prima di tutto bisogna costruire un bel po’ di nuove centrali elettriche, poi bisogna duplicare le dorsali di distribuzione e quindi disseminare le città di migliaia e migliaia di colonnine, ovviamente previa sventratura di strade e marciapiedi per posare i conduttori necessari;
- l’incremento di domanda di batterie metterà ancora più in tensione il mercato delle particolari materie prime necessarie, rendendo dunque ancora meno convenienti le elettriche pure;
- sì aprirebbero enormi problemi di riciclo delle batterie esauste a causa dei volumi in gioco (ma questo potrebbe essere anche un fattore positivo, si creano nuove aree di business)

Magari i costruttori faranno in modo da poter dimostrare ai decisori di essere pronti a produrre su larga scala, ma di non poter passare all’azione causa carenze infrastrutturali, ottenendo quindi ampie proroghe e deroghe alle normative di omologazione.


Top
   
MessaggioInviato: mer nov 29, 2017 8:23 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 7:02 pm
Messaggi: 21051
Località: Ovunque ci sia una birra ghiacciata
daimlerchrysler ha scritto:
Audi ha appena annunciato che produrrà 2 suv esclusivamente elettriche a Ingolstadt a partire dal 2021 ma già nel 2018 e nel 2019 usciranno altre 2 suv elettriche. Quindi in 3 anni 4 suv elettrici. Ci sarà tutto questo mercato?


Servono solo ed esclusivamente ad abbassare le emissioni medie di gamma per poter continuare a vendere i modelli assetati di carburante


Top
   
MessaggioInviato: mer nov 29, 2017 8:36 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 7:02 pm
Messaggi: 21051
Località: Ovunque ci sia una birra ghiacciata
mauro65 ha scritto:

Aggiungiamo alcune ulteriori considerazioni:
- per far fronte all’eventuale domanda di ricariche, prima di tutto bisogna costruire un bel po’ di nuove centrali elettriche, poi bisogna duplicare le dorsali di distribuzione e quindi disseminare le città di migliaia e migliaia di colonnine, ovviamente previa sventratura di strade e marciapiedi per posare i conduttori necessari;


Verissimo. Paradossalmente potrebbe anche avere un imaptto molto positivo sul nostro pil,ma intanto i soldi li devi tirare fuori e devi sventrare le città

Cita:
- l’incremento di domanda di batterie metterà ancora più in tensione il mercato delle particolari materie prime necessarie, rendendo dunque ancora meno convenienti le elettriche pure;


A meno che non vengano studiati nuovi materiali, ma per ora è come dici tu

Cita:
- sì aprirebbero enormi problemi di riciclo delle batterie esauste a causa dei volumi in gioco (ma questo potrebbe essere anche un fattore positivo, si creano nuove aree di business)




Anche questo è vero, potrebbe nascere un nuovo business, tra l'altro del tutto positivo, visto che si parla di riciclo.

Anyway, non mi ricordo chi, forse altroconsumo ( a cui do comunque poco credito) ha provato 3 elettriche su strada; percorrenze reali del 40% inferiori al promesso. E senza riscaldamento acceso perchè non era ancora troppo freddo.


Top
   
MessaggioInviato: sab dic 02, 2017 10:24 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 10159
Durante la conferenza stampa di fine novembre Diess ha fornito qualche dettaglio sulla strategia elettrica del marchio Vw. Innanzitutto spiega chiaro e tondo perché stanno abbracciando la tecnologia elettrica: entro il 2020 le case europee ( con alcune eccezioni) devono raggiungere una media di emissioni pari a 95 gCO2/km. Questo target è praticamente impossibile da raggiungere solo con i motori a combustione. Una vettura di segmento B al massimo può scendere a 85 gCO2/km, una di segmento C a 95. Il crollo del Diesel e l’ascesa dei suv rendono sempre più difficile rimanere dentro ai limiti. L’ibridizzazione dei motori permetterebbe invece ancora miglioramenti importanti ma non sufficienti e soprattutto è una tecnologia troppo onerosa per i segmenti A e B. L’elettrico diventa quindi una scelta obbligata ma qui c'è l’ inghippo. Dei 1,5 milioni di auto elettriche previste dal gruppo Vw nel 2025 ben 2/3 saranno vendute in Cina quindi la diffusione delle elettriche in Europa ed USA sarà ridotta.

Out of topic: oltre a Smart anche Mini potrebbe diventare un marchio esclusivamente elettrico almeno negli USA.


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 77 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente 1 2 3

Tutti gli orari sono UTC+01:00


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Limited
Traduzione Italiana phpBBItalia.net