Questo forum utilizza dei Cookie per tenere traccia di alcune informazioni. Quali notifica visiva di una nuova risposta in un vostro topic, Notifica visiva di un nuovo argomento, e Mantenimento dello stato Online del Registrato. Collegandosi al forum o Registrandosi, si accettano queste condizioni.

Tutti gli orari sono UTC+01:00




Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 908 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente 126 27 28 29 30 31 Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: ven set 07, 2018 6:52 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun mar 13, 2006 11:56 pm
Messaggi: 11920
Vediamo che succederà, speriamo ci sia qualche novità positiva per il prodotto.


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


MessaggioInviato: mer set 12, 2018 5:39 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11120
Fiat Chrysler Automobiles is seeking more than 6 billion euros ($7 billion) for its car-part unit Magneti Marelli SpA in exclusive sale talks with a supplier owned by KKR & Co., a private equity firm that’s eyeing a lower pricetag, people familiar with the matter told Bloomberg.

The U.S. fund may aim to pay around 5 billion euros because conditions for Fiat’s alternative plan of spinning off the division have deteriorated, said the people, who asked not to be named because the talks are private. Fiat Chrysler chose to begin talks with KKR over an offer from competing fund Apollo Global Management of more than 6 billion euros, they said. KKR would merge Marelli with its Japanese parts maker Calsonic Kansei, which is leading the talks.

The difference in valuation between Fiat and KKR is a major hurdle that has led to two extensions on the original end-August deadline to complete the discussions, the people said, adding that talks may still fall apart. The deal is considered complex because it would combine Asian and European competitors.

A spokesman for Fiat Chrysler declined to comment as did KKR.

The sale of Magneti Marelli would become one of the first major decisions for Fiat Chrysler CEO Mike Manley, who took over on July 21, days before Sergio Marchionne died. Marchionne, who had favored a separation of the business by distributing shares to investors, had said Fiat was open to changing its mind for a "big check."

Magneti Marelli may achieve an enterprise value of $7.6 billion based on comparisons with peers and will likely receive high-yield credit ratings, Bloomberg Intelligence said in a note. The automotive supplier could provide Fiat Chrysler with more than $2 billion in dividends. 

Market conditions for a spinoff and a listing of the unit on the Milan stock-exchange have deteriorated in recent months as global trade tensions and profit warnings from automakers including Fiat Chrysler, as well as suppliers like Continental AG, have eroded confidence in the industry.

Volvo delay

Magneti Marelli’s French competitor, Faurecia SA, trades at about 3.8 times expected earnings before interest, taxes, depreciation and amortization. At the same valuation, the Fiat unit would be worth less than 4 billion euros, the people said. Marelli is expected to report about 1 billion euros in earnings before interest, taxes and other expenses this year. 

Volvo Cars this week delayed plan for a share sale, saying the timing is "not optimal." The backtracking from plans that were said to involve a share sale as early as this fall in Sweden and Hong Kong shows the worsening strain from trade conflict. Still, luxury carmaker Aston Martin is pushing ahead with its plan for a London initial public offering.

Before embarking on talks with KKR, Fiat fielded interest for the car-parts business from other potential buyers in addition to Apollo, including an unnamed Asian parts supplier and Bain Capital, people familiar with the matter said last month.

The Italian-American carmaker has said it’s sticking to plans decided by the board in April to spin off the business, while pledging to evaluate bona fide proposals for alternative transactions.


Il piano iniziale per Magneti Marelli era la quotazione (nello stesso modo di Fiat Industrial e Ferrari) ma lo stesso Marchionne non aveva escluso la possibile vendita ad un singolo acquirente. Non dimentichiamoci che nel 2017 Samsung arrivò vicinissima all'acquisto di MM, sfumato per l'esosità di Maglionne. Il fondo KKR sarebbe in trattative esclusive con FCA che avrebbe richiesto 6 miliardi di euro. Una richiesta follie, ad esempio Continental ag produce utili per 6 miliardi di euro l'anno e vale 30 miliardi circa. È possibile che le paure per un calo delle borse stiano spingendo la dirigenza FCA a sacrificare la quotazione.


Top
   
MessaggioInviato: gio set 13, 2018 10:26 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 11:50 am
Messaggi: 9501
Per una società industrial un multiplo di 6 X EBITDA non è fuori mercato e porterebbe MM alla valorizzazione richiesta dal venditore. Tuttavia, MM sconta il fatto di essere sostanzialmente monocommittente dunque una valutazione di mercato potrebbe essere fuorviante.

_________________
Esiste una quantità di oggetti meccanici che aumentano gli stimoli sessuali di certe donne: primo fra questi è la Porsche 911.

Guidare di traverso è una delle cose più belle che un uomo possa fare da vestito.


Top
   
MessaggioInviato: gio set 13, 2018 10:23 pm 
Non connesso

Iscritto il: dom nov 21, 2010 8:25 pm
Messaggi: 9396
Località: Earth - Sol III
Del precedente post ho capito solo le congiunzioni


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


MessaggioInviato: gio set 13, 2018 10:27 pm 
Connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom feb 18, 2007 11:08 pm
Messaggi: 13737
Località: Bologna
Per me è una supercazzola

_________________
Fede

"Il capezzolo è la ciliegina sulla tetta.


Top
   
MessaggioInviato: ven set 14, 2018 6:19 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun mar 13, 2006 11:56 pm
Messaggi: 11920
Se ho capito bene, Zebrone dice che il prezzo non è tanto sballato, il problema è che vende sostanzialmente solo a Fiat quindi è un business molto a rischio.
Aggiungo che Continental ha messo sul mercato una parte delle sue divisioni per raccogliere soldi freschi da investire in automazione ed elettrificazione ma, nel contempo, dichiarando che saranno business senza un futuro a lungo termine (powertrain). In sostanza sono aziende che oggi valgono qualcosa e domani potrebbero non valere più nulla.


Top
   
MessaggioInviato: ven set 14, 2018 8:56 am 
Non connesso

Iscritto il: dom nov 21, 2010 8:25 pm
Messaggi: 9396
Località: Earth - Sol III
Sì, capito, grazie.
Non mi sembra un'analisi tanto improba, anzi...


Top
   
MessaggioInviato: ven set 14, 2018 9:33 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11120
Strosek ha scritto:
Se ho capito bene, Zebrone dice che il prezzo non è tanto sballato, il problema è che vende sostanzialmente solo a Fiat quindi è un business molto a rischio.
Aggiungo che Continental ha messo sul mercato una parte delle sue divisioni per raccogliere soldi freschi da investire in automazione ed elettrificazione ma, nel contempo, dichiarando che saranno business senza un futuro a lungo termine (powertrain). In sostanza sono aziende che oggi valgono qualcosa e domani potrebbero non valere più nulla.



Una piccola correzione, Continental ha deciso di dividersi in 3 gruppi (struttura a Holding) e di portare una parte della divisione Powertrain in borsa. C’ è una pressione enorme per estrarre valore dalle aziende, se persino Vw si piega a quotare la divisione Trucks significa che la strategia marchionnesca ha trionfato.
Imho i 6 miliardi richiesti da FCA ( n.b. non conosco la situazione debitoria di MM) non corrispondono alla redditività, creazione di cash flow e forza del business.
In caso di una vendita sarebbe la prima volta che FCA realizza liquidità per se’ stessa e non per gli azionisti.


Top
   
MessaggioInviato: ven set 14, 2018 10:35 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 11:50 am
Messaggi: 9501
Tyreal_Reloaded ha scritto:
Del precedente post ho capito solo le congiunzioni



Per determinare il prezzo di una società target, generalmente, si parte da coefficienti "di mercato" da applicare ad alcuni indicatori economici della target.

L'indicatore principe è l'EBITDA (in italiano MOL, Margine Operativo Lordo) che corrisponde al reddito di un'azienda basato solo sulla sua gestione operativa, quindi senza considerare gli interessi (gestione finanziaria), le imposte (gestione fiscale), il deprezzamento di beni e gli ammortamenti. EBITDA è infatti l'acronimo di Earnings Before Interests Taxes Depreciation and Ammortization (qui i commercialisti potranno essere più accurati di me).

A seconda delle tendenze del mercato, come detto, il valore della società viene determinato in prima battuta applicando dei coefficienti che dipendono dal settore della società. Per le società industriali, generalmente, si considera il coefficiente-base 6x EBITDA.

Una volta determinato questo parametro "generale" bisogna poi tenere conto della situazione particolare della società (posizionamento del mercato, PFN, possibili rischi/liablities, ecc. ecc.) per determinare un primo prezzo.

Il fatto che una società sia monocommittente, in generale, rappresenta un rischio potenziale perché gran parte del tuo business dipende da un soggetto che oggi è la tua controllante ma domani sarà un terzo indipendente e questo potrebbe comportare una rilevante contrazione dei ricavi.

Spero sia tutto sufficientemente chiaro.

_________________
Esiste una quantità di oggetti meccanici che aumentano gli stimoli sessuali di certe donne: primo fra questi è la Porsche 911.

Guidare di traverso è una delle cose più belle che un uomo possa fare da vestito.


Top
   
MessaggioInviato: ven set 14, 2018 10:37 am 
Non connesso

Iscritto il: dom nov 21, 2010 8:25 pm
Messaggi: 9396
Località: Earth - Sol III
Tutto chiaro, grazie.


Top
   
MessaggioInviato: sab set 15, 2018 6:49 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun mar 13, 2006 11:56 pm
Messaggi: 11920
daimlerchrysler ha scritto:
Una piccola correzione, Continental ha deciso di dividersi in 3 gruppi (struttura a Holding) e di portare una parte della divisione Powertrain in borsa. C’ è una pressione enorme per estrarre valore dalle aziende, se persino Vw si piega a quotare la divisione Trucks significa che la strategia marchionnesca ha trionfato.

Sì, ma continental cerca di estrarre valore per usarlo in divisioni diverse. Sostanzialmente non ritiene che la parte motore abbia un futuro certo e punta tutto su elettrificazione e guida autonoma.


Top
   
MessaggioInviato: dom set 16, 2018 11:31 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11120
Strosek ha scritto:
daimlerchrysler ha scritto:
Una piccola correzione, Continental ha deciso di dividersi in 3 gruppi (struttura a Holding) e di portare una parte della divisione Powertrain in borsa. C’ è una pressione enorme per estrarre valore dalle aziende, se persino Vw si piega a quotare la divisione Trucks significa che la strategia marchionnesca ha trionfato.

Sì, ma continental cerca di estrarre valore per usarlo in divisioni diverse. Sostanzialmente non ritiene che la parte motore abbia un futuro certo e punta tutto su elettrificazione e guida autonoma.


Nel caso di Continental come in quello di Daimler si ricerca in primo luogo di realizzare una capitalizzazione più elevata. La divisione Powertrain (la quale ha sempre guadagnato parecchio di meno rispetto alla divisione pneumatici) nel medio termine diventerà meno rilevante, quindi è meglio (secondo Continental) iniziare a venderne una parte per finanziare le altre attività.

Riguardo a MM rispetto ad altre aziende (Faurecia, Valeo, Bosch, Magna, Bosch e Continental) è piccolina, in più non ha mai avuto una redditività significativa. Ecco perché imho il prezzo richiesto da FCA mi sembra piuttosto elevato.


Top
   
MessaggioInviato: lun set 17, 2018 8:47 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11120
plant. Photographer: Matthew Lloyd/Bloomberg
LISTEN TO ARTICLE
3:21
SHARE THIS ARTICLE
Share
Tweet
Post
Email
In this article
FCAU
FIAT CHRYSLER AU
17.50USD+0.04+0.23%
KKR
KKR & CO INC-A
27.52USD+0.34+1.25%
EUR
Euro Spot
1.1633EUR+0.0008+0.0688%
CON
CONTINENTAL AG
150.50EUR+0.65+0.43%
Fiat Chrysler Automobiles NV will evaluate other potential buyers for its Magneti Marelli parts unit because the carmaker views a bid made by KKR & Co. as too low, people familiar with the discussion said.

KKR offered less than the 6 billion euro ($6.98 billion) minimum valuation Fiat sought, which ended the exclusivity of the talks, said the people, who asked not be named because the matter is confidential. The Italian carmaker can now evaluate other inquiries received for the unit while it prepares to eventually separate the Milan-based company and distribute shares to investors, another viable way to extract value and simplify the group’s structure.


Fiat declined to comment, and KKR wasn’t immediately available to comment outside business hours.

The U.S. fund wanted to pay around 5 billion euros for Marelli because conditions for Fiat’s alternative plan of spinning off the division have deteriorated, people familiar with the matter said Sept. 12. Talks with KKR, which would merge Marelli with its Japanese parts maker Calsonic Kansei, could still revive if the private equity firm raises its valuation, the people said. Fiat’s board in April approved the plan to spin off the auto-parts unit.

The sale of Marelli would become one of the first major milestones for Fiat Chrysler Chief Executive Officer Mike Manley, who took over July 21, days before predecessor Sergio Marchionne died. Marchionne, who had favored a separation of the business by distributing shares to investors, had said Fiat was open to changing its mind for a “big check.”

The decision on Marelli will also be the first M&A decision to be taken by Chairman John Elkann, who had been working with Marchionne for over 14 years, after the deal maestro passed away. Without the right price, the preferred route remains the spin-off of Marelli, which was approved by its board in April, the people said.


Market conditions for a spinoff and a listing of the unit on the Milan stock-exchange have deteriorated in recent months as global trade tensions and profit warnings from automakers including Fiat Chrysler, as well as suppliers like Continental AG, have eroded confidence in the industry. Marelli’s French competitor, Faurecia SA, trades at about 3.8 times expected earnings before interest, taxes, depreciation and amortization. At the same valuation, the Fiat unit would be worth less than 4 billion euros, the people said. Marelli is expected to report about 1 billion euros in Ebitda this year.

Volvo Cars earlier this month delayed plan for a share sale, saying the timing is “not optimal.” The backtracking from plans that were said to involve a share sale as early as this fall in Sweden and Hong Kong shows the worsening strain from trade conflict. Still, luxury carmaker Aston Martin is pushing ahead with its plan for a London initial public offering.

Marelli may achieve an enterprise value of $7.6 billion based on comparisons with peers and will likely receive high-yield credit ratings, Bloomberg Intelligence said in a note Sept. 12. The automotive supplier could provide Fiat Chrysler with more than $2 billion in dividends, according to Joel Levington, Bloomberg Intelligence senior credit analyst.

Before embarking on talks with KKR, Fiat fielded interest for the car-parts business from other potential buyers including Apollo Global Management, an unnamed Asian parts supplier and Bain Capital, people familiar with the matter said last month.


Secondo Bloomberg Fiat avrebbe rifiutato l’offerta di KKR di 5 miliardi di euro per Magneti Marelli ritenendola troppo bassa. Nell’ambiente finanziario c’ è forte preoccupazione per il possibile deterioramento delle condizioni macro economiche, quindi non sembrerebbe il tempo migliore per una quotazione.


Top
   
MessaggioInviato: ven set 21, 2018 7:42 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11120
brand is preparing the launch of two models, which would be produced at the Kragujevac plant. Local news have already started to talk about the plans for this plant, which is 67% owned by FCA and 33% by the Serbian State, and employs around 2.400 people. It is not only an important source of employment but also a key exporter (8% of the country’s total exports).

The product to arrive first is going to be the hybrid version of the Fiat 500L, which is only produced in Serbia for the global markets. This model, which would be called 550L, is expected to be presented in the coming months, possibly in Geneva 2019. It would help both the brand and the model to regain traction. Fiat would finally enter the AFV market, which is growing fast. And the 500L would receive a boost as its current registrations are sinking.

The second model would have to wait more time but it seems to be a key product. The project 601 is a frugal B-SUV that would sit next to the 500X but would become the “Duster” of Fiat. This car, which was anticipated by this website in an article in October 2017, is set to increase the presence of Fiat in the popular B-SUV segment attacking from the bottom. It would arrive in 2019 and would feature everything that the 500X lacks: affordable, bigger and comfortable, just as Dacia does with the Romanian-built Duster.

These products make part of a relaunch plan of FCA’s Serbian operations, which will be presented this week. It aims to increase the production levels  of the plant, as it is currently operating at 30-40% of its capacity. During the first six months of this year, Fiat sold around 37.000 units of the 500L and 500L Living, down by 16%. The factory can build up to 186.000 units per year. So far, this plant has survived because of the very cheap workforce, which has a starting gross monthly salary of 350 euro.

However, the plant needs products and the two cars would guarantee its survival in the coming years. The plan targets an annual production of 150.000 units. After five or six years the budget SUV would be replaced by another generation and by that time the 500L would be discontinued. Ford has just done it with its Romanian plant, by replacing the B-Max with the Ecosport. It makes sense except for one thing: in the 5 year plan presented in June, Fiat was supposed to become a semi-premium brand. A Duster by Fiat would go against that plan.

Advertisements



Alcune indiscrezioni provenienti dalla Serbia parlano dell'introduzione della 500L ibrida nel 2019, successivamente (non a breve, quindi 2021-2022) arriverà una Fiat simil-Duster.


Top
   
MessaggioInviato: ven set 21, 2018 11:08 am 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4022
Magari stavolta si svegliano e fanno una Fiat Duster identità o quasi per Brazil da produrre la e per noi da produrre in Serbia.
Se la fanno veramente nel 2019 effettivamente una versione ibrida, coi tempi che corrono, potrebbe rivitalizzare un po' un'auto ormai morta come 500L

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010


Top
   
MessaggioInviato: ven set 21, 2018 7:11 pm 
Connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven lug 13, 2007 3:17 pm
Messaggi: 2896
daimlerchrysler ha scritto:
Alcune indiscrezioni provenienti dalla Serbia parlano dell'introduzione della 500L ibrida nel 2019
Fatto per il Doblò (e lo stanno facendo), è praticamente fatto anche per la 500L, che usa la stessa reet di bordo


Top
   
MessaggioInviato: mar set 25, 2018 6:29 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11120
mber 24, 2018 19:30 CET

Fiat Chrysler Automobiles is nearing the appointment of Pietro Gorlier, COO of its components business, as the new head of Europe as part of a broad reorganization that may be announced as early as this week, people familiar with the matter told Bloomberg.

Gorlier, a native of Turin, Italy, is the leading candidate to replace Alfredo Altavilla, who left the company at the end of August, after FCA's board picked Jeep head Mike Manley to succeed Sergio Marchionne, said the people, who asked not to be identified before a public announcement. A final decision hasn’t been made and other executives are still being considered, they added. Fiat declined to comment.

Gorlier, 55, oversees components makers Magneti Marelli and Mopar.

The carmaker will announce its new Europe chief as part of a management reshuffle by Manley, 54, who took the CEO reins on July 21 as Marchionne’s health worsened. The former CEO died July 25, the same day Manley told investors that the carmaker was cutting its profit target for the year.

A final decision on the new head of Europe may be made at a meeting of Fiat Chrysler’s executive council, the company’s top management body, later this week, the people said. Gorlier probably will be replaced by an internal manager at Magneti Marelli, they said. Fiat is evaluating bids for the unit after rejecting an initial offer by KKR’s Calsonic Kansei, people familiar with the matter said Sept. 16.

Gorlier was one of Marchionne’s closest aides. He joined Fiat in 1989 as a market analyst for its Iveco truck maker and moved to the parent company in 2006. When Fiat agreed to take management control of Chrysler in 2009, Gorlier was one of the few executives who moved from Turin to Detroit. In 2015 he was named head of Marelli and lead its turnaround as Fiat was preparing to spin off the unit.

The Italian manager will face a number of challenges: maintaining profit in the region that typically underperforms others at Fiat Chrysler amid price competition and lower margins; complete the transformation from mass-car production to more profitable Alfa Romeos and Maseratis, and moving from diesel to hybrid and electric cars, including at two engine plants in Italy.

Manley’s reorganization also may include some top positions in North America, the people said. Before being named CEO in July during the dramatic weekend when Marchionne’s condition worsened, Manley was head of the Jeep and RAM trucks divisions.

CFO Richard Palmer, who also was a contender for the CEO job, has increased his duties by adding merger and acquisition duties.

Pietro Gorlier dovrebbe essere nominato ceo di FCA EMEA (Europa, Africa e medio Oriente). Il torinese è uno dei manager preferiti di Marcionne ed era stato considerato per il posto di ceo del gruppo. La divisione europea non è certo quella più amata del gruppo, si deve avere a che fare con il rilancio di Alfa, margini risicati e una gamma ridotta all'osso. Bisogna vedere se e quali modifiche al piano 2019-2022 apporterà Manley.


Top
   
MessaggioInviato: lun ott 01, 2018 2:25 pm 
Connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven lug 13, 2007 3:17 pm
Messaggi: 2896
Confermata l’ipotesi di Gorlier a capo Emea.


Top
   
MessaggioInviato: mer ott 10, 2018 6:35 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11120
Secondo Bloomberg ci sarebbe un accordo preliminare tra FCA e KKR per l'acquisto di MM. La transazione dovrebbe essere annunciata a breve.


Top
   
MessaggioInviato: gio ott 11, 2018 7:16 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11120
http://europe.autonews.com/article/2018 ... ources-say

Fiat ha terminato la produzione della Panda diesel, a breve toccherà alla 500. Non è una grande sorpresa, il WLTP sta imponendo cambi pesanti alle gamme delle varie case.


Top
   
MessaggioInviato: gio ott 11, 2018 10:43 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun mar 13, 2006 11:56 pm
Messaggi: 11920
Non capisco...ok, la Panda dal 1° settembre è fuori, ma che senso ha continuare con la 500 se farà la stessa fine? Se hanno omologato ilmotore secondo i cicli WLTP a 'sto punto perché non lo tengono in produzione?
Ps1 Dalle mie parti saranno in molti disperati, sono usatissime e percorrono chilometraggi notevoli
Ps2 Ora gli avanzerà ghisa dei basamenti, la useranno per il twin air?


Top
   
MessaggioInviato: ven ott 12, 2018 6:32 am 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4022
Strosek ha scritto:
Non capisco...ok, la Panda dal 1° settembre è fuori, ma che senso ha continuare con la 500 se farà la stessa fine? Se hanno omologato ilmotore secondo i cicli WLTP a 'sto punto perché non lo tengono in produzione?
Ps1 Dalle mie parti saranno in molti disperati, sono usatissime e percorrono chilometraggi notevoli
Ps2 Ora gli avanzerà ghisa dei basamenti, la useranno per il twin air?


Mah cmq non si capisce di 500 andranno avanti con gli stock dice articolo...ma hanno fatto stock di e6 wltp... strano.
Il diesel per panda era sicuro più utile che per 500 non tanto per la panda normali, ma per quelle vendute a utenze pubbliche/aziendali e le 4x4. Come "mezzo furgoncino" ce ne sono ancora parecchie anche di questa serie è cmq più piccola ed economica del qubo, e poi per panda 4x4 che rimane con l'improbabile bicilindrico....vuol dire fine certe per questa versione "mitica" che morirà di morte naturale per non essere più richiesta.
Ormai se non cambiano rotta anche panda va verso la pensione convertendosi al probabile modello a logo jeep ....non si sa se ci sarà ancora panda.
Ovviamente anche panda passo lungo a logo lancia non avrà più il diesel...in questo caso poco male.

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010


Top
   
MessaggioInviato: ven ott 12, 2018 6:54 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun mar 13, 2006 11:56 pm
Messaggi: 11920
Possono avere gli stock che vogliono, ma ora le auto, per essere immatricolate, devono essere omologate wltp quindi comunque la spesa per omologare la vettura (prima ho scritto impropriamente motore) l'hanno fatta. In pratica sta morendo il 1.3 mjt...


Top
   
MessaggioInviato: ven ott 12, 2018 7:33 am 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4022
Mmm io ho infatti dubbi che hanno omologato per 500 il diesel wltp.
Per 500x/l e tipo invece son sicuro che c'è wltp, anche su corsa stop 1300 diesel, vediamo quanto durerà anche il 1600...

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010


Top
   
MessaggioInviato: ven ott 12, 2018 7:50 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11120
Fca aveva già annunciato che entro il 2025 uscirà completamente dallo sviluppo dei diesel (per le auto passeggeri, per i veicoli commerciali continuerà). La nuova Panda è attesa per il 2020-2021. Sarà interessante osservare come si muoverà Manley, se sarà così restrittivo negli investimenti in Europa. Le premesse per una riduzione significativa della quota europea di FCA ci sono tutte. D' altronde i soldi si fanno altrove, solo in Nord America.


Top
   
MessaggioInviato: ven ott 12, 2018 7:51 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 7:02 pm
Messaggi: 23549
Località: Ovunque ci sia una birra ghiacciata
Moriremo ibridi


Top
   
MessaggioInviato: ven ott 12, 2018 7:52 am 
Connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven lug 13, 2007 3:17 pm
Messaggi: 2896
Strosek ha scritto:
Possono avere gli stock che vogliono, ma ora le auto, per essere immatricolate, devono essere omologate wltp quindi comunque la spesa per omologare la vettura (prima ho scritto impropriamente motore) l'hanno fatta. In pratica sta morendo il 1.3 mjt...
Ci sono delle deroghe per gli stock fine serie prodotti, stanno infatti immatricolando adesso degli Euro 6B.
Il 1.3mj è già morto da un anno, siamo solo in fase di agonia assistita. Il prossimo a chiudere sarà il 1.6 mj, la squadra calibratori FCA già da mesi non si occupa assolutamente più di diesel ed ora è negli Stati Uniti per studiare elettrico e ibrido. Quando torna, dedicherà ai diesel piccoli solo quanto necessario per garantirne il mantenimento fino a E6D full (il 2.1 riescono di sicuro a tenerlo a norma, purché ci sia sufficiente richiesta di mercato, il che non è così scontato, il 1.6 dipenderà dalla struttura dei listini, tecnicamente possibile commercialmente non si sa). Alla fine di diesel rimarranno solo il 2.1 e il 3.0. Elettrificazione in corso anche sui commerciali fino al Ducato compreso.


Top
   
MessaggioInviato: ven ott 12, 2018 7:52 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 7:02 pm
Messaggi: 23549
Località: Ovunque ci sia una birra ghiacciata
daimlerchrysler ha scritto:
Fca aveva già annunciato che entro il 2025 uscirà completamente dallo sviluppo dei diesel (per le auto passeggeri, per i veicoli commerciali continuerà).


Bisogna vedere se Fca ritiene la panda van veicolo commerciale o meno


Top
   
MessaggioInviato: ven ott 12, 2018 8:13 am 
Connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven lug 13, 2007 3:17 pm
Messaggi: 2896
cometa rossa ha scritto:
daimlerchrysler ha scritto:
Fca aveva già annunciato che entro il 2025 uscirà completamente dallo sviluppo dei diesel (per le auto passeggeri, per i veicoli commerciali continuerà).
Bisogna vedere se Fca ritiene la panda van veicolo commerciale o meno
Sarà solo benzina o ibrida anche per la versione VAN (almeno stando ai programmi in corso).


Top
   
MessaggioInviato: ven ott 12, 2018 8:17 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11120
cometa rossa ha scritto:
Moriremo ibridi

Magari, qui moriremo elettrici. In una città organizzata come Stoccarda dove gli ambientalisti danarosi fanno a gara a sfoggiare le loro vetture elettriche già c'è battaglia per le colonnine nei parcheggi sotterranei.
L'ultima sforbiciata alla Co2 imposta dall' Unione Europea per il 2030 imporra' de facto che il 50% delle auto vendute diano elettriche. Jaguar sta pensando di diventare un marchio esclusivamente elettrici, Smart lo sarà dal 2020, Porsche e Mini ci stanno pensando.
Poveri noi.


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 908 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente 126 27 28 29 30 31 Prossimo

Tutti gli orari sono UTC+01:00


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Limited
Traduzione Italiana phpBBItalia.net