Questo forum utilizza dei Cookie per tenere traccia di alcune informazioni. Quali notifica visiva di una nuova risposta in un vostro topic, Notifica visiva di un nuovo argomento, e Mantenimento dello stato Online del Registrato. Collegandosi al forum o Registrandosi, si accettano queste condizioni.

Tutti gli orari sono UTC+01:00




Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 1162 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente 135 36 37 38 39
Autore Messaggio
MessaggioInviato: lun apr 08, 2019 8:15 am 
Non connesso
ADMIN
Avatar utente

Iscritto il: gio mar 30, 2006 6:17 pm
Messaggi: 13468
Località: 1640 Riverside Drive, Hill Valley
daimlerchrysler ha scritto:
Ma le case non si ribellano all’ Europa?


Le case abbandonano l'Europa.. Ford sta fuggendo, GM è fuggita, FCA fa un modello ogni 5 anni per l'EU..
Restano RNM, PSA, VW (e ancora, la UP è fuori da 8 anni praticamente immutata, le altre sono tra il generalista e il premium, quindi non contano) e le premium (che non contano, tanto aggiungere 1000€ al listino di una 3er non cambia un granché)

_________________
Alfa 147 JTDm Immagine
Mazda MX-5 NC 1.8 Immagine


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


MessaggioInviato: lun apr 08, 2019 8:23 am 
Connesso

Iscritto il: ven gen 11, 2019 2:47 pm
Messaggi: 271
Località: Bologna
daimlerchrysler ha scritto:
Ma le case non si ribellano all’Europa?

La storia del NEDC e del WLTP lascerebbe pensare che l'abbiano comandata a bacchetta fino a l'altro ieri.


Top
   
MessaggioInviato: lun apr 08, 2019 8:52 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11807
Sul ciclo NEDC perfettamente d'accordo, sul WLTP no perché è stato anticipato di un anno, di qui il caos totale. Il gruppo Vw è stato quello più spernacchiato ma tutti sono stati colpiti. I danni economici (oltre che per la clientela) sono stati molto importanti. Dall'Europa molti stanno fuggendo, però fare soldi (e neanche pochissimi) è possibile. Non parlo solo della triade trimurti ma anche di PSA, Skoda, Toyota, Vw, le varie divisioni di veicoli commerciali, etc...
Dal punto di vista strategico Europa e Cina stanno convergendo sull'elettrico mentre gli USA continuano a insistere sulle grandi cubature a benzina. Tutto ciò potrebbe cambiare se il puzzone di Washington verrà travolto dai democratici. Le proposte del new green deal sono abbastanza radicali.


Top
   
MessaggioInviato: lun apr 08, 2019 12:04 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven lug 13, 2007 3:17 pm
Messaggi: 3397
Un suv non ibridizzato e ben inteso turbodiesel andrebbe a pagare 5-10 mila euro di sforamento, se a benzina anche il doppio: l’idea è di spalmare le sanzioni su tutta la gamma, per cui è lecito attendersi aumenti medi del 10-20% in proporzione percentuale inversa sul prezzo. Per rendere l’idea, un Tiguan 2.0Tdi 4Motion o la S Cross che valutavi per il tuo vecio stanno a circa 5.500 euro di sanzione.

In ogni caso l’adeguamento sostanziale dei prezzo è già iniziato, se ci fai caso.


Ultima modifica di mauro65 il lun apr 08, 2019 1:36 pm, modificato 1 volta in totale.

Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


MessaggioInviato: lun apr 08, 2019 12:16 pm 
Connesso

Iscritto il: ven gen 11, 2019 2:47 pm
Messaggi: 271
Località: Bologna
mauro65 ha scritto:
Un suv non ibridizzato e ben inteso turbodiesel andrebbe a pagare 5-10 mila euro di sforamento, se a benzina anche il doppio: l’idea è di spalmare le sanzioni su tutta la gamma, per cui è lecito attendersi aumenti medi del 10-20% in proporzione percentuale inversa sul prezzo. Per rendere l’idea, un Tiguan 2.0Tdi 4Motion o la S Cross che valutavi per il tuo vecio stanno a circa 5.500 euro di sanzione.

In ogni caso l’adegua sostanziale dei prezzo è già iniziato, se ci fai caso.

Meeeeerdaaa :shock: :shock: :shock:


Top
   
MessaggioInviato: lun apr 08, 2019 12:56 pm 
Non connesso
ADMIN
Avatar utente

Iscritto il: gio mar 30, 2006 6:17 pm
Messaggi: 13468
Località: 1640 Riverside Drive, Hill Valley
Praticamente alla fine i poveri paghernanno le multe dei ricchi... :?

_________________
Alfa 147 JTDm Immagine
Mazda MX-5 NC 1.8 Immagine


Top
   
MessaggioInviato: lun apr 08, 2019 4:01 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11807
Automakers could be hit with billions of euros in fines for missing the European Union’s fleet CO2 emissions target that starts to take effect next year. That is the conclusion of analysts after CO2 rose to its highest level since 2014.

The estimated total penalty payment is 34 billion euros, according to a report this month from JATO Dynamics, which based its figure on CO2 data from last year. Volkswagen Group and PSA Group, the two largest automakers by volume in Europe, could face the loss of up to half of their combined net profits, JATO said.

The fine is 95 euros per gram of CO2 over the limit, multiplied by the number of cars sold in 2020 and 2021, although 5 percent of the highest-emissions vehicles will not be counted in 2020. The fleet CO2 target is 95 grams per kilometer.

JATO said in March that overall 2018 CO2 emissions in the 23 European markets it analyzed were 120.5g/km, compared with 118.1g/km in 2017. (The European Environmental Agency’s final 2017 figure is 118.5g/km.)

Analysts attribute that increase to multiple factors. They include the growing popularity of SUVs, which tend to be heavier and less aerodynamic -- and thus less fuel efficient -- than their sedan equivalents; bans on older diesels in some European cities; and the continuing fallout from the Volkswagen Group’s emissions-cheating scandal. The bans and the VW scandal have weakened confidence in diesels, causing consumers to switch to gasoline engines, which are less efficient.

“Companies are going to have to speed up to meet the targets,” said Michael Schweikl, an automotive expert at PA Consulting in Germany and an author of the company’s annual report on automakers’ progress toward emissions targets. “I think they underestimated the effort of changing from internal combustion engines to other alternatives,” he added. “The market is pulling in one direction and they underestimated how long it will take to steer it in a new direction” toward zero- and low-emissions vehicles.

Targets set by fleet weight

Although the EU has mandated a 2021 fleet average of 95g/km of CO2, each automaker has a different target based on the average mass of its vehicles. Fiat Chrysler’s 2021 target is 91.8g/km, for example, the lowest of all automakers, because it sells a high percentage of small cars, while Daimler’s target is 102.8g/km.

The investment bank UBS suggested in a report this month that this “limit value” has made it less likely automakers will use “lightweighting” technology to lower emissions.

Fleet weight may be a factor in whether Ford achieves its 2021 target, Schweikl said. The automaker has recently announced a strategy to reduce the number of cars in its lineup in favor of SUVs. That could make it even harder for Ford to lower emissions -- but at the same time, a heavier average fleet weight would raise their target emissions figure, Schweikl said. He added that Ford’s decision to change it strategy one and half years before the deadline means “it will be a really big job to do it successfully.”

Profits likely to take a hit

UBS said this month that while it expects all automakers except Fiat Chrysler to meet their targets, the cost of compliance -- through new technologies such as plug-in hybrids -- will dent combined profits by up to 7.4 billion euros. That could mean a 25 percent hit on earnings per share at PSA and 20 percent at Fiat Chrysler, UBS said.

About 75 percent of those costs will be borne by automakers, UBS said, with buyers asked to shoulder the rest through higher prices.

“Under normal circumstances, companies and consumers would share the burden,” Schweikl said, “but in the last two or three years, automakers have lost the trust of consumers” because of the VW cheating scandal and other factors, and it will be more difficult to pass along price increases, he added.

A report in the Financial Times this weekend, however, suggests that Fiat Chrysler Automobiles may try to close the gap by entering an “open pool” emissions arrangement with Tesla. By doing so, Fiat Chrysler can offset CO2 emissions from its cars against Tesla’s sales of its full-electric vehicles, lowering FCA’s average figure to a permissible level. Another pool includes Toyota and Mazda.

Dave Leggett, who is automotive editor at analytics company GlobalData, said in a note Monday: "As the time horizon to 95g/km shortens, other companies are sure to consider pooling as a strategy for avoiding large fines. The sum FCA may be paying Tesla for the pooling privilege has not been disclosed. It is not surprising that zero-emissions Tesla is alert to the revenue raising pooling opportunity emerging in Europe. It has also made money trading zero-emission credits in the US in the past."

In 2018, Fiat brand’s CO2 emissions were 119.2g/km, according to JATO, therefore analyst firm Evercore ISI calculates that the brand would need to reduce emissions to less than 89g/km to comply with the targets. Assuming the 30g/km gap and applying the 95 euro fine for noncompliance, the potential fine at current levels would be roughly 3 billion euros, Evercore ISI estimates.

Many automakers have also elected to create closed pools of their own brands.

PA Consulting is less optimistic than UBS that the 2021 targets will be reached. Under the most optimistic forecast, Ford and FCA will miss targets, while VW Group and PSA will be right at the limit, PA Consulting said. Under a more conservative scenario, the only carmakers that will be under their targets are hybrid-heavy Toyota, Volvo and the Renault-Nissan-Mitsubishi alliance.

VW Group is in danger of having to pay emissions fines despite having just announced it would invest 19 billion euros in electric vehicles from 2019 to 2023, Schweikl said. “They waited one or two years too long to develop their products,” he said. “Can they absorb a fine of, say, 1.X billion euros? Yes, they can, but the problem is not the money, it’s more their reputation if they miss a known target.”

More EVs and PHEVs are coming

Analysts said that although the emissions situation may look grim for many automakers based on 2017 sales and provisional 2018 figures, the market will start to look very different toward the end of this year as more electric vehicles and plug-in hybrids become available. Big players such as VW Group, PSA and Daimler have not yet started selling mass-market electric vehicles.

“Key CO2-saving models need to be on the market already from the beginning of 2020,” UBS said, noting that, on average, automakers still need to reduce emissions by 19 percent, or 23g/km.

Top executives say they are confident that they can reach their emissions goals, even if the figures show that many automakers have taken a step backward.

“Paying any sanction or any fees is just not an option,” Renault CEO Thierry Bollore said at the Geneva auto show last month. “And we have designed our strategy as such.”

Riguardo le multe per le emissioni CO2 secondo questo articolo tutti sono a rischio, persino PSA (a causa di Opel soprattutto).


Top
   
MessaggioInviato: mar apr 09, 2019 11:42 pm 
Connesso

Iscritto il: ven gen 11, 2019 2:47 pm
Messaggi: 271
Località: Bologna
https://www.jato.com/2021-co2-targets-w ... in-europe/
2500€ di multa a veicolo per il gruppo VW, secondo le attuali stime. E' realistico pensare che questa cifra verrà rimodulata con i listini, per cui una Up subirà un aggravio di costo inferiore rispetto ad un Q5, il che conferma sommariamente quanto anticipato dal triestino...
E' stupefacente notare come neanche Toyota riesca a star sotto il target di 95g/km nonostante la tipologia e quantità di ibridi che vende... per gli altri sarà veramente dura.


Top
   
MessaggioInviato: mer apr 10, 2019 8:31 am 
Non connesso
ADMIN
Avatar utente

Iscritto il: gio mar 30, 2006 6:17 pm
Messaggi: 13468
Località: 1640 Riverside Drive, Hill Valley
É un modo orribilmente stupido di gestire la faccenda.

Non sarebbe stato sufficiente tassare all'acquisto ogni g/km in più oltre i 95 ?
Il risultato sarebbe lo stesso, ma per lo meno tassi il Cayenne (che tanto comunque è già overpriced ed essendo premium chissenefotte del prezzo) e lasci stare la carriola che fa 95 g/km?

Così invece fanno i robin-hood a rovescio. Rubano (la co2) ai poveri per darla ai ricchi.

_________________
Alfa 147 JTDm Immagine
Mazda MX-5 NC 1.8 Immagine


Top
   
MessaggioInviato: mer apr 10, 2019 8:36 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun mar 13, 2006 8:29 pm
Messaggi: 14545
Certo che va bene ridurre l'inquinamento e le emissioni (anche se il resto del mondo se ne frega), ma penalizzare così pesantemente un'intera economia (quella europea) mi pare controproducente.
Negli USA c'è lo svitato che impone dazi, richiama i produttori a costruire in loco, etc etc.. di qui, i governi che colpiscono le auto che produciamo. Da un eccesso all'altro.

Senza contare che poi i singoli governi non sembrano avere un gran filo logico: nel giro di 10 anni siamo passati dal comprare il diesel anche per fare 5mila km all'anno, al fatto che ora dovrebbe comprarsi un'elettrica anche il rappresentante da 80mila km/anno.
Uno quando si compra la macchina si fa due conti e si lascia un po' di margine, ma non è che si può sempre cambiare il cavallo in corsa perché le amministrazioni, sulla base di non si sa cosa, decidono di colpo che quello che fino a ieri andava bene oggi non può più circolare...


Top
   
MessaggioInviato: mer apr 10, 2019 8:43 am 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4329
Tra l'altro l'ecotassa:-) italiana agevola i diesel:-) :-)

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010 - 220.000 km


Top
   
MessaggioInviato: ven apr 12, 2019 12:59 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11807
Meglio fare in fretta. Le cifre lo dicono chiaramente: il 2019 è l’anno delle scelte per gli Agnelli-Elkann, azionisti di Fca oggi protagonisti al trittico di assemblee (nell’ordine Cnh Industrial, Fca e Ferrari) oggi in scena ad Amsterdam. E, anche, l’anno in cui approfittare – per chi è interessato a una operazione con Fca – della geometria asimmetrica e della architettura squilibrata interna al gruppo, che ormai non sono più sostenibili.

Questo vale per tutti: Peugeot (i primi a venire allo scoperto, i più vicini per familiarità dinastica), Renault-Nissan (l'azzardo maggiore, nel conflitto fra componente francese e giapponese, ormai una spy story fra finanza e manette), Hyundai (i più convergenti, forse, in termini industriali), una ipotetica carta nascosta tedesca, un possibile ritorno di fiamma cinese (Geely, ma non solo, soprattutto adesso che l’Italia si è allontanata dall’Atlantismo, scegliendo con l’attuale governo la Via della Seta).


PER SAPERNE DI PIÙ / Psa vuole Jaguar Land Rover. E il ceo Tavares conferma


SAREBBE IL QUARTO AL MONDO 19 marzo 2019
Alleanza Fca-Psa? Nascerebbe un colosso globale da 9 milioni di auto
In ogni caso, scelte obbligate per gli azionisti di Fca e opportunità da cogliere per le altre case automobilistiche attive nella riconfigurazione dell’industria dell’auto, perché la condizione attuale di tre distinte imprese di fatto (Nord America, Europa e Sud America) in un unico gruppo formale potrebbe, alla lunga, diventare insostenibile sotto il profilo industriale e della finanza di impresa. Soprattutto se l’oro del Nord America – con il rallentamento del mercato statunitense - dovesse perdere qualche carato. E perché proprio la disomogeneità – una unica entità societaria, tre differenti meccanismi industriali e finanziari – significa anche “spacchettabilità” e, dunque, rappresenta una leva per chi vuole comprare – chiunque egli sia – e per chi vuole vendere, o comunque ridurre la propria esposizione sull’industria dell’auto.

PER SAPERNE DI PIÙ / Manley: «Investimenti confermati in Italia e aperti a nuove alleanze»

IL FATTURATO FCA PER AREE GEOGRAFICHE
Dati in milioni di euro

La riclassificazione dei dati di bilancio da parte di R&S Mediobanca mostra, anche per il 2018, la totale – e ancora crescente - asimmetria fra Nord America ed Europa. Negli Stati Uniti, in Canada e in Messico nel 2018 i ricavi sono ammontati a 72,3 miliardi di euro: il 65,6% del totale; nel 2013, erano il 54% del totale. I margini industriali sono alla base – in un settore ad alto impiego di capitali – della sostenibilità di ogni edificio imprenditoriale. E i soldi si fanno qui. L’Ebit è stato, nel 2018, di 6,23 miliardi di euro, tutto ottenuto con Jeep e Ram: qualcosa come il 92,5% del totale (nel 2017, era il 62,5%).


L’INDISCREZIONE 22 marzo 2019
Wsj: Peugeot ha contattato Fca per nozze ma ha ricevuto un «no»
Inevitabilmente ogni dinamica interna agli Stati Uniti ha un impatto sistemico su Fca. A febbraio di quest’anno Fca Us ha venduto il 2% in meno rispetto allo stesso mese del 2018. Un rallentamento protratto ai mesi successivi del mercato dell’auto americano potrebbe avere conseguenze serie. Il Nord America è sexy per tutti: comprare Fca o fare una fusione da una posizione di forza significa entrare sul più ricco mercato del mondo. Si comprano quote di mercato, tecnologie, fabbriche, relazioni sociali e dunque sindacali e dunque politiche. I tedeschi si sono schiantati sull’America almeno due volte: con l’acquisizione di Chrysler da parte di Daimler nel 1998 e, nel 2015, con il Dieselgate. I cinesi sono i nuovi concorrenti per l’egemonia globale degli Stati Uniti. GM è impegnata a riperimetrare le sue attività nazionali e Ford a gestire l’alleanza commerciale con Volkswagen. Ma la transizione tecnologica sta cambiando il paradigma e la rimodulazione è violenta. E Trump usa le guerre commerciali per fare politica internazionale e usa l’industria per fare politica interna. Lo fa con un dirigismo pragmatico e sorprendente. Molte cose possono succedere. Fca – anzi, Jeep e Ram - sono elementi del puzzle che si va componendo giorno dopo giorno.

L’America Latina va male. Nel 2018 il fatturato è valso 8,1 miliardi di euro (il 7,4% del totale, contro l’11,8% di cinque anni prima). Il margine industriale è stato, l’anno scorso, di 406 milioni di euro (il 6%, a fronte del 9,1% di sei anni fa). Il Brasile ha evitato, per tutti gli anni ’90 e nei primi anni Duemila, che la vecchia Fiat fallisse. Ora è un problema. E non è nemmeno particolarmente appetibile.

AUTO ELETTRICA / Perché il riciclo delle batterie è il grande problema

L’Europa, nonostante tutto, conserva una sua valenza strategica. Il fatturato Emea – nel 2018 22,8 miliardi di euro (deconsolidata Magneti Marelli, in via di cessione) – equivale al 20,7 per cento del totale. L’Europa non riesce a staccarsi da una quota pari a un quinto dell’aggregato Fca. L’Ebit è di 406 milioni di euro (soltanto il 6% del totale). Sei anni fa, nel 2013, l’Emea pesava per il 20,5% dei ricavi e per il 9,1% del margine industriale.

In Europa non perde soldi Peugeot, che ha avvicinato prodotti e fabbriche allo standard tedesco, mantenendo costi e prezzi più bassi. L’Europa è interessante per i cinesi, che stanno usando la manifattura e i servizi per mutare la geopolitica, e per i coreani, con Hyundai che ha la forza finanziaria, tecnologica e organizzativa per fare in generale un salto di scala dimensionale e per provare in particolare a rendere di nuovo l’Europa e l’Italia – nonostante i sacrifici necessari, perché gli impianti del nostro Paese sono troppi e troppo sottoutilizzati - una base produttiva efficiente (cosa che già è) e profittevole (cosa che non è).

Fca fa i bilanci (esclusivamente) con gli Stati Uniti e li disfa (soprattutto) con l’Europa. Negli Stati Uniti le cose possono (anche) peggiorare e in Europa non possono (troppo) migliorare. Il tempo scorre. C’è tutto il 2019 per fare qualcosa per gli Agnelli-Elkann, da anni ultra desiderosi di ridurre drasticamente la loro posizione sull’auto. E c'è tutto il 2019 – per gli altri – per cogliere l’occasione e per muovere su Fca.

Articolo quantomeno sconclusionato del sole24ore su FCA. Secondo il giornalista ora è il momento adatto per cedere il controllo di FCA. L’azienda Italo-americana ha perso quasi il 30% rispetto al secondo trimestre 2018. Si punta il dito sull’ enorme disparità tra i profitti del Nord America e le magre prospettive di Europa ed America Latina. Non è affatto una novità, lo sanno anche i ciechi che FCA sopravvive grazie al Nord America. Sorprendentemente riesce a raggiungere margini appena al di sotto di quelli di Gm investendo molto di meno. In Europa per provare (avendo pochissime chance di successo) a rilanciarsi dovrebbero investire una marea di soldi, soprattutto in Alfa Romeo, Jeep e Maserati.
Il cuore pulsante di FCA è rappresentato da Jeep e RAM, sono gli unici assets di grande valore, è normale che gli Agnelli li usino come carta negoziale. Purtroppo per Exor la vendita del gruppo a chiunque necessita dell’approvazione del governo americano. Dato che Trump è capace di litigare ugualmente con nemici ed alleati non spererei troppo neanche nei coreani.


Top
   
MessaggioInviato: ven apr 12, 2019 1:25 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 2:41 pm
Messaggi: 20221
Qui devo tacere...


Top
   
MessaggioInviato: ven apr 12, 2019 1:32 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11807
Temprone ha scritto:
Qui devo tacere...


Why? :D


Top
   
MessaggioInviato: ven apr 12, 2019 1:33 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab mag 26, 2007 3:49 pm
Messaggi: 4424
Località: scer
daimlerchrysler ha scritto:
Temprone ha scritto:
Qui devo tacere...


Why? :D


Qnosce et non puote favellare.

_________________
Don't blindfold your eyes,
so loneliness becomes the law of a senseless life
Follow your steps and you will find
The unknown ways are on your mind


Top
   
MessaggioInviato: dom apr 14, 2019 10:50 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11807
https://fiatgroupworld.com/2019/04/10/t ... os-to-fca/

Questo articolo in inglese spiega bene il perché FCA abbia comprato i crediti di Tesla.


Top
   
MessaggioInviato: lun apr 15, 2019 8:41 am 
Non connesso
ADMIN
Avatar utente

Iscritto il: gio mar 30, 2006 6:17 pm
Messaggi: 13468
Località: 1640 Riverside Drive, Hill Valley
Fiat ha scritto:
Meanwhile, FCA would also drop some of its current models: Fiat 124 Spider, Alfa Romeo Mito and Giulietta, and Jeep Cherokee.



Bye Bye Mito, Giulietta, 124 (e fin qui niente di nuovo) e Cherokee??? :shock:

_________________
Alfa 147 JTDm Immagine
Mazda MX-5 NC 1.8 Immagine


Top
   
MessaggioInviato: lun apr 15, 2019 8:57 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven lug 13, 2007 3:17 pm
Messaggi: 3397
Il Basso di Genova ha scritto:
Bye Bye Mito, Giulietta, 124 (e fin qui niente di nuovo) e Cherokee??? :shock:
Per EU il Cherokee è un'auto totalmente inutile e/o prezzata fuori mercato.


Top
   
MessaggioInviato: lun apr 15, 2019 9:25 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 7:02 pm
Messaggi: 24607
Località: Ovunque ci sia una birra ghiacciata
mauro65 ha scritto:
Per EU il Cherokee è un'auto totalmente inutile e/o prezzata fuori mercato.


Ed ovviamente è tra i pochissimi suv di quella categoria che comprerei :sdentato


Top
   
MessaggioInviato: mer apr 17, 2019 11:35 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11807
Fiat Chrysler Automobiles will look to pool CO2 emissions with its Chinese partner in a move similar to its strategy in Europe where it is paying Tesla so that the Tesla vehicles are counted in its fleet to avoid fines for violating upcoming European Union CO2 reduction targets.

FCA has signed a "multi-year deal" with Tesla in Europe and is ready to look for similar deals in China in a pool led by its Chinese partner Guangzhou Automobile (GAC), CEO Mike Manley told shareholders at the company's annual meeting here on April 12.

FCA Chairman John Elkann said the automaker had advanced emissions-reducing technology that puts it at the industry's "leading edge" but was not obliged to use it. "Just because you have the ability, you do not necessarily have to build products that will not be profitable," he said.

FCA has agreed to pay Tesla hundreds of millions of euros for a pool to offset CO2 emissions from its cars against Tesla's electric cars in Europe and avoid EU fines.

Manley did not confirm the figure because it is "competitive information."

FCA's CO2 emissions in Europe will fall to 98.5 grams per km by 2021 from 120 g/km now, analysts firm PA Consulting predicts, meaning that the company will miss its target of 91.8 g/km. This leaves FCA at risk of a 700 million-euro penalty, PA Consulting said in a report. The pool with Tesla significantly reduces this risk.

Unlike rivals, FCA has no plans to launch low CO2 vehicles such as full-electric cars and plug-in hybrids on a big scale over the next few years. Such vehicles will account for 6.5 percent of the automaker's European sales in 2021, PA Consulting forecasts.

In comparison Renault-Nissan's new-car fleet will be made up of about 11 percent EVs and plug-in hybrids, enabling the alliance to avoid fines, PA Consulting said.


CONTENT FROM TÜV RHEINLAND
Artificial intelligence: Alex, get the car!
From the diary of an artificial intelligence: How autonomous driving will shape our everyday lives in the future.
READ MORE
In the United States, FCA has purchased emissions credits from Tesla, Toyota and Honda.

Manley said that FCA spent 350 million euros on buying emissions credits in the U.S. in 2018.

In China, the FCA-GAC joint venture, which builds Jeeps, last year missed its fleet emissions target of 6.7 liters per 100 km, coming in at 7.67 l/100 km, according to data released by the Chinese government and shown in a report by Bernstein Research.

The Bernstein Research report quoted GAC as saying that in 2019 "intra-group transfers of EV credits would help offset the lack of EV credit generation at their most problematic joint ventures."

Manley said for emissions calculation purposes FCA is willing to pool its Chinese production with GAC. He said the FCA will launch this year in China a plug-in version of the Jeep Grand Commander large SUV, which is built by the FCA-GAC.

FCA is working with GAC on the possible production of full-electric vehicles, Manley said.

The EVs will most likely be different versions of those built by GAC for other joint venture partners Toyota, Honda and Mitsubishi, research firm IHS Markit said.

Anni di investimenti minimi in nuove tecnologie stanno presentando il conto ad FCA. Non è solo in Europa che il gruppo italo-americano dovrà comprare crediti per compensare la media di emissioni di co2 ma anche in Cina e Nord America. Di per se’ non ci trovo nulla di male, è legale e lo possono fare. Nel lungo termine non so quanto sia sostenibile questa strategia.


Top
   
MessaggioInviato: mer apr 17, 2019 11:49 am 
Non connesso
ADMIN
Avatar utente

Iscritto il: gio mar 30, 2006 6:17 pm
Messaggi: 13468
Località: 1640 Riverside Drive, Hill Valley
Sull'auto elettrica IMHO aveva ragione Marchionne.

D'altra parte, anche gli altri che hanno investito, al momento hanno a catalogo solo costosissime ciofeche.
Il solo ibrido che funziona è il Toyota (e un pochino l'Honda), la sola elettrica decente è la tesla (che comunque ha ancora limitazioni fortissime). Il resto è de la "merde en boîte", come dicono dall'altro lato delle Alpi. Il problema dell'auto elettrica sono le batterie.
Motori, azionamenti e cianfrusaglie varie le sanno fare tutti. Con le batterie giuste, anche io posso comprare una 147 e farla diventare elettrica nel mio garage.
E poi la rete di distribuzione dell'energia che dipende dalla produzione e dal resto.

IMHO a Fiat (e anche a tutti gli altri) stra-conviene comprare quote e smarcarsi da sto casino da cui non si sa come se ne uscirà.

_________________
Alfa 147 JTDm Immagine
Mazda MX-5 NC 1.8 Immagine


Top
   
MessaggioInviato: mer apr 17, 2019 1:08 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 7:02 pm
Messaggi: 24607
Località: Ovunque ci sia una birra ghiacciata
Il Basso di Genova ha scritto:
Sull'auto elettrica IMHO aveva ragione Marchionne.

D'altra parte, anche gli altri che hanno investito, al momento hanno a catalogo solo costosissime ciofeche.
Il solo ibrido che funziona è il Toyota (e un pochino l'Honda), la sola elettrica decente è la tesla (che comunque ha ancora limitazioni fortissime)


Mi permetto di integrare il tuo posto, che condivido in toto, aggiungendo che la Tesla costa come un monolocale. Quindi è un'elettrica decente da happy feet, non da mobilità di massa. D'altronde batterie da 90 o 100 kw/h costano un capitale


Cita:
. Il resto è de la "merde en boîte", come dicono dall'altro lato delle Alpi. Il problema dell'auto elettrica sono le batterie.


E la ricarica. Perchè anche quando arriveranno, e prima o poi arriveranno, batterie meno pesanti e con più densità energetica, rimane sempre il collo di bottiglia della ricarica. Più la batteria è capiente, può energia devi fornigli ad ogni ricarica, e questo richiede tempo, e tanto. Le famigerate colonnine fast funzionano finchè le elettriche sono pochissime. Altrimenti devi mettere tante colonnine e cabine da decine di megawatt a fianco al parcheggio

Cita:
E poi la rete di distribuzione dell'energia che dipende dalla produzione e dal resto.
[/quote]

Quoto


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 1162 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente 135 36 37 38 39

Tutti gli orari sono UTC+01:00


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Limited
Traduzione Italiana phpBBItalia.net