Questo forum utilizza dei Cookie per tenere traccia di alcune informazioni. Quali notifica visiva di una nuova risposta in un vostro topic, Notifica visiva di un nuovo argomento, e Mantenimento dello stato Online del Registrato. Collegandosi al forum o Registrandosi, si accettano queste condizioni.

Tutti gli orari sono UTC+01:00




Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 1800 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente 156 57 58 59 60
Autore Messaggio
MessaggioInviato: mer giu 17, 2020 10:11 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven lug 13, 2007 3:17 pm
Messaggi: 4703
daimlerchrysler ha scritto:
Sulla carta sarebbe la soluzione più logica. I cosiddetti esperti di auto si strappano i capelli per la trazione posteriore della Giulia, il confort delle Mercedes o la trazione integrale di Subaru ma i soldi veri si fanno con Doblò e Ducato.
La divisione dei veicoli commerciali di Fiat è storicamente molto redditizia, quella di PSA lo sta diventando. Opel ha sempre dovuto appoggiarsi ad altri costruttori, adesso stava ottenendo discreti successi grazie a PSA ma al massimo arriva al 4% del mercato europeo, tanto vale sacrificare lei.
Aggiungo che lo stabilimento che fa il Ducato ha aumentato gli ordini durante il lockdown e sono saturi fino a inizio 2021 (c’è una riduzione giornaliera a 1050 pezzi al giorno contro i 1250 in tempi normali per le norme Covid19)


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


MessaggioInviato: gio giu 18, 2020 5:38 am 
Non connesso
ADMIN
Avatar utente

Iscritto il: mar set 26, 2006 4:08 pm
Messaggi: 15169
Località: Monza
daimlerchrysler ha scritto:
Sulla carta sarebbe la soluzione più logica. I cosiddetti esperti di auto si strappano i capelli per la trazione posteriore della Giulia, il confort delle Mercedes o la trazione integrale di Subaru ma i soldi veri si fanno con Doblò e Ducato.
La divisione dei veicoli commerciali di Fiat è storicamente molto redditizia, quella di PSA lo sta diventando. Opel ha sempre dovuto appoggiarsi ad altri costruttori, adesso stava ottenendo discreti successi grazie a PSA ma al massimo arriva al 4% del mercato europeo, tanto vale sacrificare lei.


tanto è facile che chi comprava un commerciale opel vada a prendersi fiat o psa, quindi non verrebbe sacrificata tutta quella quota.

_________________
"Scusi, ma lei ha preso la patente di guida veloce?"


Top
   
MessaggioInviato: gio giu 18, 2020 7:24 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 7:02 pm
Messaggi: 27066
Località: Ovunque ci sia una birra ghiacciata
Io volevo prendere un ducato e mi hanno rifilato un movano. Ho fatto il percorso inverso


Top
   
MessaggioInviato: gio giu 18, 2020 7:28 am 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4974
ste79 ha scritto:

tanto è facile che chi comprava un commerciale opel vada a prendersi fiat o psa, quindi non verrebbe sacrificata tutta quella quota.


Infatti, però sono "leggi" un pò stupide, se ci sono almeno 2 segmenti in cui non domina il gruppo vw sono i commerciali e le b-suv....e vogliono tagliare le ali a psa-fca per questo.
Notavo che alcuni grandi concessionari psa stanno aggiungendo ai lori marchi anche opel.....alcune città non grandissime ora hanno ben 2 concessionarie opel....mi sa che alcune storiche "solo opel" in questo modo scompariranno.

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010 -SUPERATI I 250.000 KM!!!


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


MessaggioInviato: sab giu 20, 2020 5:02 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 13621
https://fiatgroupworld.com/2020/06/18/j ... potential/

Articolo sui dati di vendita di Jeep. L’analista che ha scritto questo articolo è molto critico, secondo me in modo immotivato. Jeep riesce a vendere elevati volumi di modelli spesso stravecchi, l’espansione internazionale in Europa e America Latina è stata un successo.
In Cina è un disastro. Le aspettative di Marchionne erano più alte ma quella era un’abitudine.


Allegati:
398E7D56-1026-4743-98A5-A016F6957A0F.jpeg
398E7D56-1026-4743-98A5-A016F6957A0F.jpeg [ 583.26 KiB | Visto 462 volte ]
Top
   
MessaggioInviato: sab giu 20, 2020 9:24 am 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4974
Diciamo che non è mai tenero con fca:-)....Però Sicuramente in Cina sono crollati dopo un avvio folgorante il motivo non lo conosco e anche la commander fatta solo per la cina vedo che ha fatto pochissimi pezzi.
Per le ultime nate come wrangler/gladiotor penso che avevano previsto numeri ancora più alti, però fare circa 300.000 grand cherokee anno e aumentare ancora con un'auto stra-ammorizzata,che ha quasi 10 anni, quasi zero modifiche e cmq con prezzi pur scontati non bassi penso sia un miracolo che riesce solo a FCA anche con 500 2007:-)
Le derivate fiat cherokee e compass/renegade sono in calo ma nel 2019 erano ancora su numeri altissimi. Poi ok in italia/brazil le compass/renagade hanno in pratica sostituto le auto a marchio italiano nel C, però nonostante gli sconti alti penso che alla fine siano state più redditizie che se venivano proposte a marchi fiat/lancia e alfa....ovvio che se arrivano le alfa "compass/ds3cross" le 2 jeep "italiane" caleranno un pò anche perchè cominciano ad avere un pò di anni.

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010 -SUPERATI I 250.000 KM!!!


Top
   
MessaggioInviato: dom giu 21, 2020 3:11 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 13621
In Cina hanno sparato prezzi troppo alti, speravano di fare di Jeep un marchio semi premium, in questo hanno fallito alla grande.
In America Latina invece sono molto redditizi (ben più del marchio Fiat) e dominano il segmento suv che prima del loro arrivo era monopolizzato dalla Ecosport.
Tenendo conto dell’anzianità di molti modelli è quasi un miracolo che vendano così tanto.
Adesso stanno investendo cifre pesantissime in 6 nuovi modelli:

1) Grand Cherockee
2) Grand Cherockee a 7 posti
3) Wagoneer
4) Grand Wagoneer
5) variante Compass a 7 posti (non è la stessa cosa della Commander)
6) suv elettrico di segmento D.

Una sfida molto importante, anche per la salute del futuro gruppo FCAPSA, avranno bisogno dei soldi americani per ristrutturare in Cina e in Europa.


Top
   
MessaggioInviato: lun giu 22, 2020 1:02 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven lug 13, 2007 3:17 pm
Messaggi: 4703
Dalle notizia stampa sembrerebbe chiuso l'accordo tra Fca e Sace.

I punti più salienti dovrebbero essere questi:
    - ok alla maxi cedola da 5-6 miliardi per la fusione Fca-Psa in cambio dell’impegno di non distribuire dividendi da parte delle società italiane del gruppo (che solitamente chiudono in perdita, tranne un modesto utile di Sevel e forse poco altro ancora)
    - ok a supportare finanziariamente la filiera, nella quale sono ammessi anche i fornitori esteri, anche se pare ci sia un limite di 1,2 miliardi per questa leva
    - solita promessa di piena occupazione negli stabilimenti italiani ... film già visto
    - contentino da spendere per il pubblico dei giochi circensi, "ben" 200 milioni di euro dedicati alla ricerca ...


Top
   
MessaggioInviato: lun giu 22, 2020 6:25 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 13621
In pratica lo stato italiano paga al posto di FCA i fornitori italiani. Che affare.
A proposito della completa utilizzazione degli impianti italiani aspetta e spera. Lo si attende dal 2004, allora Maglionne lo annunciò per la prima volta.
Basta guardare cosa ha fatto Tavares ad Opel per non stare sicuri sul futuro degli impianti italiani.


Top
   
MessaggioInviato: lun giu 22, 2020 10:55 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 13621
PARIS -- A PSA Group shareholder is calling for the French carmaker to change the terms of its merger with Fiat Chrysler Automobiles to reflect the downturn in the global auto industry and declining prospects of the Italian-American manufacturer.

Six months after striking a deal to combine, the two companies’ fortunes have diverged, Paris-based Phitrust said in a statement Monday ahead of Peugeot-maker PSA’s annual meeting June 25. “Even back in December 2019, the respective situations of each group didn’t justify a 50-50 merger,” it said.

The auto sector has undergone a seismic shift since the two carmaking dynasties unveiled their plan to combine into the world’s fourth-biggest producer. The coronavirus pandemic shut factories and dealerships across the globe, leading to a collapse in sales.

While Fiat Chrysler is poised to get a state-backed 6.3 billion euros ($7.1 billion) credit facility in Italy, PSA CFO Philippe de Rovira has said the French company wants to be “as free as possible of public dependence.”

PSA’s strong balance sheet and cost-cutting have helped it weather the slump, while FCA's finances appear increasingly fragile, Phitrust said.

“PSA didn’t burn through cash since the start of the year the way FCA did,” Olivier de Guerre, head of Phitrust, said by phone. He added the combined company also faces complications from an expected post-merger restructuring in Europe.

A spokeswoman for PSA declined to comment on the critique, but pointed to the groups’ joint statement last week in which they said preparations for the merger are advancing as planned.

Fiat Chrysler didn’t respond to a request for comment.

PSA and Fiat Chrysler already have revised one aspect of the merger. They scrapped 1.1 billion-euro in dividends each agreed to pay as part of their agreement, citing the negative impact of the COVID-19 crisis.

The deal also included a plan for Fiat Chrysler to distribute a 5.5 billion euro special dividend. The companies haven’t provided details on that payment since the outbreak started.

Si stanno moltiplicando le voci che richiedono un cambiamento importante ai termini dell’accordo tra PSA e FCA.
Già al momento della sigla molti analisti si lamentarono dell’eccessivo trattamento a favore di FCA. Il premium pagato non veniva giustificato dall’assunzione di controllo da parte dei francesi. Dá fastidio soprattutto il mega dividendo che gli Agnelli si sono autoregalati. FCA ha bruciato la bellezza di 5 miliardi di euro di cassa in un solo trimestre e ne brucerà altri 10 nel secondo rendendo necessario il salvataggio statale. PSA per adesso ha rifiutato in toto aiuti pubblici. Vedremo se Tavares riuscirà a spuntare termini più favorevoli.


Top
   
MessaggioInviato: mer giu 24, 2020 5:16 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 13621
Questo grafico mostra l’ottima partenza di Jeep in Cina (produzione locale di 4 modelli) per poi crollare. Molto meglio EU e Sud America.


Allegati:
32ED005E-74E8-4504-BFF4-97BB6BBE7DB2.jpeg
32ED005E-74E8-4504-BFF4-97BB6BBE7DB2.jpeg [ 160.92 KiB | Visto 299 volte ]
Top
   
MessaggioInviato: mer giu 24, 2020 6:42 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 13621
https://www.repubblica.it/economia/2020 ... P2-S1.4-T1

Approvato il prestito dello stato italiano a FCA che diventa dopo Renault la seconda casa automobilistica ad essere salvata dall’inizio della crisi.


Top
   
MessaggioInviato: gio giu 25, 2020 12:16 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 13621
Annunciando la sottoscrizione di una linea di credito da 6,3 miliardi di euro, la Fiat Chrysler Automobiles ha fornito ulteriori dettagli sul piano industriale che coinvolgerà le fabbriche italiane del gruppo. Il prestito con garanzie statali sarà infatti investito nei vari stabilimenti della penisola per aggiornare le linee e avviare la produzione di nuovi modelli, gran parte dei quali saranno elettrificati. Il lancio delle nuove vetture sarà scaglionato tra il 2020 e il 2021, ma il piano industriale si completerà solo nel 2022, quando tutti i nuovi modelli annunciati saranno sul mercato.

2020-Fiat-500X-01
Arriva la Fiat 500X Hybrid. Tra le novità più importanti confermate dal gruppo italoamericano si segnala l'introduzione di una nuova versione ibrida della Fiat 500X. A differenza della sorella Jeep Renegade, però, la Suv italiana non utilizzerà un powertrain della serie 4xe: niente ibrido plug-in, quindi, ma un più semplice (ed economico) sistema mild hybrid a 48 volt. Il nuovo modulo motore Gse/Mhev sarà sviluppato a Termoli (CB) e potrebbe abbinarsi ai nuovi motori 1.3 turbobenzina della famiglia Firefly, nella quale è già presente una versione micro ibrida (impiegata sulle Fiat Panda e 500 Hybrid) del tre cilindri da un litro. Il propulsore che caratterizzerà la nuova 500X ibrida sarà poi proposto anche sulle Jeep Renegade e Compass: i tre modelli elettrificati saranno prodotti nella fabbrica di Melfi, in Basilicata.

2019-Tonale
La nuova Suv Alfa Romeo. Come anticipato dal piano industriale presentato negli scorsi mesi, il gruppo FCA metterà in produzione una nuova Suv di segmento C a marchio Alfa Romeo. La nuova sport utility del Biscione si andrà a posizionare sotto la Stelvio, con dimensioni che non dovrebbero scostarsi eccessivamente da quelle della Jeep Compass. La vettura verrà prodotta nello stabilimento campano di Pomigliano ma, per il momento non si hanno altre informazioni: la nuova Alfa dovrebbe derivare dalla concept Tonale svelata allo Salone di Ginevra del 2019 e potrebbe riprendere questa denominazione, proponendosi fin dal debutto con motorizzazioni ibride (anche plug-in).

2019-Maserati-Suv-compatta
La Suv e le sportive Maserati. L'elettrificazione della gamma Maserati sarà avviata il 15 luglio, quando la Casa di Modena presenterà la Ghibli ibrida, presto affiancata da una versione hybrid della Suv Levante. Le due auto saranno prodotte a Torino, dove nasceranno anche le nuove GranTurismo e GranCabrio (proposte pure con powertrain full electric). Queste ultime, tuttavia, non saranno le uniche emissioni zero della gamma del Tridente: la supersportiva MC20, infatti, avrà anche una versione a batteria. La due posti a motore centrale verrà prodotta a Modena e riporterà il marchio nel mondo delle competizioni. Per ampliare i propri volumi produttivi, la Maserati ha però in serbo anche un'altra novità: a Cassino (FR), infatti, entrerà presto in produzione una Suv che andrà a posizionarsi al di sotto della Levante affiancando nel segmento D la Ghibli e proponendosi come nuovo modello a ruote alte d'ingresso gamma.

2020-Fabbriche-FCA-Italia-02
Gli altri investimenti. I fondi verranno utilizzati anche per ammodernare alcuni impianti nel nord Italia, come l'ex stabilimento di Rivalta, in Piemonte, che diventerà il nuovo centro di distribuzione dei ricambi Mopar. Nel comprensorio di Mirafiori, a Torino, verrà portato avanti lo sviluppo del progetto pilota Vehicle-to-Grid, affiancato da un nuovo impianto fotovoltaico Solar Power Production Units e da un Battery Hub, dove verranno assemblati gli accumulatori per le auto ibride ed elettriche del gruppo. Lo stabilimento di Verrone (BI) si occuperà della produzione delle trasmissioni di nuova generazione, mentre a Cento (FE) e a Pratola Serra (AV) nasceranno le nuove motorizzazioni

Con i soldi che FCA ha ottenuto in prestito dallo stato italiano verranno sbloccati gli investimenti per Alfa Tonale, Maserati D-suv, Maserati quattro porte e 500X ibrida. In pratica lo stato italiano sta pagando gli investimenti che FCA aveva promesso circa 2 anni fa e mai realizzato. Seguendo la logica di FCA Daimler, BMW e Vw dovrebbero andare dallo stato tedesco, farsi regalare i circa 20 miliardi di euro che investono cumulativamente ogni anno in Germania e sganciare lo stesso mega dividendi.
Abbastanza allucinante come il governo Conte si sia calato le braghe di fronte ad Elkann.
Ricordiamoci che dalla primavera 2021 Tavares taglierà senza pietà e le fabbriche italiane non potranno essere risparmiate.


Edit, presentazione fatta da FCA, la produzione del B suv Alfa non sarà in Italia.


Allegati:
C8FE0ECF-273C-41F9-B6A1-D868B7E179E9.jpeg
C8FE0ECF-273C-41F9-B6A1-D868B7E179E9.jpeg [ 61.99 KiB | Visto 248 volte ]
Top
   
MessaggioInviato: gio giu 25, 2020 9:10 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar mar 20, 2007 8:55 am
Messaggi: 2778
Località: Provincia di Pisa
daimlerchrysler ha scritto:
Annunciando la sottoscrizione di una linea di credito da 6,3 miliardi di euro, la Fiat Chrysler Automobiles ha fornito ulteriori dettagli sul piano industriale che coinvolgerà le fabbriche italiane del gruppo. Il prestito con garanzie statali sarà infatti investito nei vari stabilimenti della penisola per aggiornare le linee e avviare la produzione di nuovi modelli, gran parte dei quali saranno elettrificati. Il lancio delle nuove vetture sarà scaglionato tra il 2020 e il 2021, ma il piano industriale si completerà solo nel 2022, quando tutti i nuovi modelli annunciati saranno sul mercato.

2020-Fiat-500X-01
Arriva la Fiat 500X Hybrid. Tra le novità più importanti confermate dal gruppo italoamericano si segnala l'introduzione di una nuova versione ibrida della Fiat 500X. A differenza della sorella Jeep Renegade, però, la Suv italiana non utilizzerà un powertrain della serie 4xe: niente ibrido plug-in, quindi, ma un più semplice (ed economico) sistema mild hybrid a 48 volt. Il nuovo modulo motore Gse/Mhev sarà sviluppato a Termoli (CB) e potrebbe abbinarsi ai nuovi motori 1.3 turbobenzina della famiglia Firefly, nella quale è già presente una versione micro ibrida (impiegata sulle Fiat Panda e 500 Hybrid) del tre cilindri da un litro. Il propulsore che caratterizzerà la nuova 500X ibrida sarà poi proposto anche sulle Jeep Renegade e Compass: i tre modelli elettrificati saranno prodotti nella fabbrica di Melfi, in Basilicata.

2019-Tonale
La nuova Suv Alfa Romeo. Come anticipato dal piano industriale presentato negli scorsi mesi, il gruppo FCA metterà in produzione una nuova Suv di segmento C a marchio Alfa Romeo. La nuova sport utility del Biscione si andrà a posizionare sotto la Stelvio, con dimensioni che non dovrebbero scostarsi eccessivamente da quelle della Jeep Compass. La vettura verrà prodotta nello stabilimento campano di Pomigliano ma, per il momento non si hanno altre informazioni: la nuova Alfa dovrebbe derivare dalla concept Tonale svelata allo Salone di Ginevra del 2019 e potrebbe riprendere questa denominazione, proponendosi fin dal debutto con motorizzazioni ibride (anche plug-in).

2019-Maserati-Suv-compatta
La Suv e le sportive Maserati. L'elettrificazione della gamma Maserati sarà avviata il 15 luglio, quando la Casa di Modena presenterà la Ghibli ibrida, presto affiancata da una versione hybrid della Suv Levante. Le due auto saranno prodotte a Torino, dove nasceranno anche le nuove GranTurismo e GranCabrio (proposte pure con powertrain full electric). Queste ultime, tuttavia, non saranno le uniche emissioni zero della gamma del Tridente: la supersportiva MC20, infatti, avrà anche una versione a batteria. La due posti a motore centrale verrà prodotta a Modena e riporterà il marchio nel mondo delle competizioni. Per ampliare i propri volumi produttivi, la Maserati ha però in serbo anche un'altra novità: a Cassino (FR), infatti, entrerà presto in produzione una Suv che andrà a posizionarsi al di sotto della Levante affiancando nel segmento D la Ghibli e proponendosi come nuovo modello a ruote alte d'ingresso gamma.

2020-Fabbriche-FCA-Italia-02
Gli altri investimenti. I fondi verranno utilizzati anche per ammodernare alcuni impianti nel nord Italia, come l'ex stabilimento di Rivalta, in Piemonte, che diventerà il

Con i soldi che FCA ha ottenuto in prestito dallo stato italiano verranno sbloccati gli investimenti per Alfa Tonale, Maserati D-suv, Maserati quattro porte e 500X ibrida. In pratica lo stato italiano sta pagando gli investimenti che FCA aveva promesso circa 2 anni fa e mai realizzato. Seguendo la logica di FCA Daimler, BMW e Vw dovrebbero andare dallo stato tedesco, farsi regalare i circa 20 miliardi di euro che investono cumulativamente ogni anno in Germania e sganciare lo stesso mega dividendi.
Abbastanza allucinante come il governo Conte si sia calato le braghe di fronte ad Elkann.
Ricordiamoci che dalla primavera 2021 Tavares taglierà senza pietà e le fabbriche italiane non potranno essere risparmiate.

Edit, presentazione fatta da FCA, la produzione del B suv Alfa non sarà in Italia.


Concordo con te che è allucinante.


Top
   
MessaggioInviato: ven giu 26, 2020 7:09 am 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4974
Anche una grandissima novità come la tofas egea... Alias fiat tipo mhev... non è stata sbandierata qui,
Cmq si sa che se fca batte cassa quali governo la aiuta... hanno un potere ricattatorio troppo grande in Italia.
Cmq stavolta gli investimenti gli stavano realizzando veramente non come in molti plan farlocchi canadesi... Ovvio dopo covid19 senza aiutinooo... sarebbero ritornati nel buio canadese coi soluti tagli e annullamenti progetti.

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010 -SUPERATI I 250.000 KM!!!


Ultima modifica di Stefano_M il ven giu 26, 2020 7:36 am, modificato 1 volta in totale.

Top
   
MessaggioInviato: ven giu 26, 2020 7:34 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 13621
Con la crisi indotta dal Coronavirus, che è ben peggiore di quella del 2008 per il settore manifatturiero, gli Stati europei stanno agendo senza considerare minimamente le regole europee. La Spagna sta sborsando 12 miliardi per il settore del turismo senza che la Vestager stia aprendo bocca.

P.s. Probabilmente la B-suv Alfa sarà prodotta con la Mokka e La DS3 Crossback. Speriamo che Tavares ricambi il favore producendo qualche Peugeot in Italia. Tenete bene in mente che in 5 anni PSA ha/avrà tagliato la metà della forza lavoro di Opel, FCA in Europa è in una situazione ben peggiore come utilizzazione della capacità rispetto ad Opel nel 2017.

P.s. 2 al posto della Tipo FCA avrebbe chiesto il permesso a PSA di creare un crossover sui 4,5 mt, PSA avrebbe dato il permesso ma su pianale CMP.
Intanto c’è un grosso lavoro dietro le quinte riguardo il pianale EMP, lo si deve adattare ad Alfa e Jeep. Tavares non vuole crearne uno nuovo ma attualizzarlo per poter installare la trazione integrale senza ibridi.


Top
   
MessaggioInviato: ven giu 26, 2020 7:39 am 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4974
daimlerchrysler ha scritto:
Con la crisi indotta dal Coronavirus, che è ben peggiore di quella del 2008 per il settore manifatturiero, gli Stati europei stanno agendo senza considerare minimamente le regole europee. La Spagna sta sborsando 12 miliardi per il settore del turismo senza che la Vestager stia aprendo bocca.

P.s. Probabilmente la B-suv Alfa sarà prodotta con la Mokka e La DS3 Crossback. Speriamo che Tavares ricambi il favore producendo qualche Peugeot in Italia. Tenete bene in mente che in 5 anni PSA ha/avrà tagliato la metà della forza lavoro di Opel, FCA in Europa è in una situazione ben peggiore come utilizzazione della capacità rispetto ad Opel nel 2017.

P.s. 2 al posto della Tipo FCA avrebbe chiesto il permesso a PSA di creare un crossover sui 4,5 mt, PSA avrebbe dato il permesso ma su pianale CMP.
Intanto c’è un grosso lavoro dietro le quinte riguardo il pianale EMP, lo si deve adattare ad Alfa e Jeep. Tavares non vuole crearne uno nuovo ma attualizzarlo per poter installare la trazione integrale senza ibridi.

EMP per quale alfa?..... Jeep leggevo anche che per cherokee volevano campare ancora per mooolti anni con l:attuale come fatto per grand cherokee
Cmq stavolta in fca gli investimenti gli stavano realizzando veramente non come in molti plan farlocchi canadesi... Ovvio dopo covid19 senza aiutinooo... sarebbero ritornati nel buio canadese coi soliti tagli e annullamenti progetti.
Pianale cmp per media crossover fiat... Come per nuovo crossover c4

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010 -SUPERATI I 250.000 KM!!!


Top
   
MessaggioInviato: ven giu 26, 2020 7:52 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 13621
Nell’ambito delle trattative PSA/FCA vengono tratteggiati molti scenari e lo stesso Tavares partecipa attivamente a queste discussioni.
Il piano, non ancora approvato e non lo sarà fino almeno il terzo trimestre 2021, è quello di sostituire il pianale Giorgio con l’EMP modificato per dare eredi a Stelvio e Giulia.
L’EMP giocherà un ruolo fondamentale anche in Nord America dove Tavares è molto critico sulle azione di Manley, secondo il manager portoghese sono state fornite eccessive risorse ai progetti Grand Wagoneer/Grand Cherockee etc... senza dare eredi a troppi modelli Chrysler-Dodge. Soprattutto ad oggi è bloccato tutto riguardo le eredi di Compass, Renegade e Cherockee.
Ripeto che sono solo discussioni e che ci vorrà ancora tempo per un vero piano.
Quello che è sicuro è che Tavares metterà becco su tutto e che in Europa le fabbriche FCA saranno sottoposte ad una dieta drastica. Manager FCA sperano che Tavares ordini la chiusura dell’impianto in Serbia per evitare un bagno di sangue occupazionale in Italia.


Top
   
MessaggioInviato: ven giu 26, 2020 8:27 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven lug 13, 2007 3:17 pm
Messaggi: 4703
daimlerchrysler ha scritto:
Il piano, non ancora approvato e non lo sarà fino almeno il terzo trimestre 2021, è quello di sostituire il pianale Giorgio con l’EMP modificato per dare eredi a Stelvio e Giulia.
Quindi Alfa e Maserati piccole tornano alla trazione anteriore? :shock:


Top
   
MessaggioInviato: ven giu 26, 2020 8:33 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 13621
Secondo le indiscrezioni e ripeto indiscrezioni Alfa diventerebbe una specie di DS sportiva quindi solo pianale PSA. Maserati continuerebbe il piano siglato da FCA a fine 2019.
Lo stesso Tavares ha detto che i piani prodotto rivisti arriveranno solo a fine primo trimestre 2021.


Top
   
MessaggioInviato: ven giu 26, 2020 8:42 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven lug 13, 2007 3:17 pm
Messaggi: 4703
daimlerchrysler ha scritto:
Secondo le indiscrezioni e ripeto indiscrezioni Alfa diventerebbe una specie di DS sportiva quindi solo pianale PSA. Maserati continuerebbe il piano siglato da FCA a fine 2019.
Lo stesso Tavares ha detto che i piani prodotto rivisti arriveranno solo a fine primo trimestre 2021.
Così le Alfa TP saranno state il canto del cigno ... peccato


Top
   
MessaggioInviato: ven giu 26, 2020 9:34 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 13621
Fine terzo trimestre 2021 intendevo.


Top
   
MessaggioInviato: ven giu 26, 2020 10:25 am 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4974
Speriamo nella chiusura immediata della inutile fabbrica serba fatta dal canadese per sgarro ai sindacati italiani.
Giorgio morirà su alfa... Ma a quanto pare sarà base del nuovo grand cherokee:-)

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010 -SUPERATI I 250.000 KM!!!


Top
   
MessaggioInviato: ven giu 26, 2020 10:37 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar gen 23, 2007 3:06 pm
Messaggi: 22474
Località: Milano
Stefano_M ha scritto:
Giorgio morirà su alfa...


Immagine

_________________
Fiat Panda Hobby - 39 cavalli, sì, ma non per tonnellata :alastio:


Top
   
MessaggioInviato: ven giu 26, 2020 10:38 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 13621
Stefano_M ha scritto:
Speriamo nella chiusura immediata della inutile fabbrica serba fatta dal canadese per sgarro ai sindacati italiani.
Giorgio morirà su alfa... Ma a quanto pare sarà base del nuovo grand cherokee:-)



La fabbrica serba è stata fatta perché in tal modo Fiat incassò ben 700 milioni di euro, altro che sgarro ai sindacati italiani. Se gli avessero offerto di più Marchionne avrebbe aperto la fabbrica in Kazakistan o in Groenlandia.

Sull’uso di Giorgio per Grand Cherockee 2021 ci sono state informazioni divergenti, FCA non lo ha mai confermato.


Top
   
MessaggioInviato: ven giu 26, 2020 10:42 am 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4974
daimlerchrysler ha scritto:
Stefano_M ha scritto:
Speriamo nella chiusura immediata della inutile fabbrica serba fatta dal canadese per sgarro ai sindacati italiani.
Giorgio morirà su alfa... Ma a quanto pare sarà base del nuovo grand cherokee:-)



La fabbrica serba è stata fatta perché in tal modo Fiat incassò ben 700 milioni di euro, altro che sgarro ai sindacati italiani. Se gli avessero offerto di più Marchionne avrebbe aperto la fabbrica in Kazakistan o in Groenlandia.

Sull’uso di Giorgio per Grand Cherockee 2021 ci sono state informazioni divergenti, FCA non lo ha mai confermato.


Pare sia quello, ma modificato negli states, vedremo a breve.
Invece le nuove maserati avranno un pianale anche bev che di Giorgio avrà poco o niente, unica e forse ultima "giorgio" la levantina

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010 -SUPERATI I 250.000 KM!!!


Top
   
MessaggioInviato: ven giu 26, 2020 3:23 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 13621
Sia Elkann che Tavares hanno dichiarato alle rispettive assemblee annuali degli azionisti che i termini della fusione tra le 2 aziende non verranno ridiscussi. Ergo lo stato italiano deve sborsare miliardi per pagare i conti inevasi di FCA Italia mentre Exor si becca quota parte di 5 miliardi di euro da parte di un’azienda che brucia 5 miliardi di euro a trimestre.
Non fa una piega, proprio no :piangi2 :vomito


Top
   
MessaggioInviato: gio lug 02, 2020 9:27 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 13621
Asphalt beware.

The Hellcat pack just added another member in the burly 2021 Dodge Durango, which will get a limited run with a supercharged HEMI V-8 engine that will dish out 710 horsepower.

The Durango SRT Hellcat, which is fortified with a retooled suspension, is just one piece of Dodge's portfolio planned for 2021. The brand also is upping the performance ante with a Charger SRT Hellcat Redeye that churns out 797 hp and the Challenger SRT Super Stock, which tops out at 807 hp.

Dodge, which helped usher in the minivan era, is now fully dedicated to muscle. The Journey utility vehicle and venerable Grand Caravan, the top-selling minivan in the U.S. last year, are gone after the 2020 model year.

With the Grand Caravan and Journey chapters ending, Dodge — once a mainstream brand with a broad car and truck lineup that stacked up against Ford and Chevrolet, and whose U.S. sales routinely topped 1 million as recently as the early 2000s — will be carried by its "Brotherhood of Muscle."

Tim Kuniskis, FCA's head of passenger cars for North America, said the automaker has kept the Challenger, Charger and Durango fresh through the years by continuing to deliver surprises and "embracing our strengths."

During a media briefing, Kuniskis said the brand has been "giving our passionate, engaged and very vocal performance enthusiasts exactly what they want: more performance."

"These three vehicles address the varying life stages of our consumers, three vehicles that can go from cool to crazy with just a single check of a box on the order form. If you step back a little bit and think about what we've been doing, we've been growing this brand by enabling our buyers to grow within it, to grow with us," he said.

The Durango, in addition to getting the Hellcat treatment, has been freshened for the 2021 model year with a new interior and a driver-oriented cockpit. The Durango is slated to be the second FCA model to hit the market with the Uconnect 5 infotainment system, after the 2021 Pacifica.

Ryan Nagode, who leads interior design for Dodge, said the upcoming Uconnect system is "a culmination of 15 years of design and development."

"It's really been about sharpening the needle, really getting in there and figuring out what customers are liking, and improve upon that," Nagode said.

The exterior gets an aggressive touch that includes a forward-leaning profile and a new front fascia. Dodge says the Durango Hellcat will be able to tow 8,700 pounds while featuring a 0 to 60 mph time of 3.5 seconds. Less than 2,000 are expected to be produced.


2020 Dodge Challenger SRT Super Stock
Muscle cars
FCA says the Charger Redeye, along with the standard Charger Hellcat model, come with a newly designed, functional performance hood. FCA said the hood design "provides maximum air intake to the high-output supercharged powerplant."

Dealer orders for 2021 Chargers, including the Redeye, open this fall and are scheduled to start arriving in dealerships in early 2021.

"Now you have a big, comfortable five-passenger sedan that can run the quarter-mile in mid-10s; 0 to 60 in mid-3s; reach a top speed of 203 mph; and be your daily driver family car," Kuniskis said of the Charger Redeye.

The automaker said the Challenger Super Stock, which goes into production this fall, carries the "drag-racing, quarter-mile-crushing spirit" of the limited-production 2018 SRT Demon model. It will debut in the 2020 model year and continue to be "the ultimate Dodge drag-racing model in the 2021 model year," FCA said.


2021 Dodge Charger SRT Hellcat Redeye: With 797 horsepower the Charger SRT Hellcat Redeye is the most powerful and fastest mass-produced sedan in the world and features a newly designed, functional performance hood.
Dodge heads into the 2021 model year with some bragging rights as the first domestic automaker to lead the J.D. Power Initial Quality Study. Kuniskis said he knows some attribute Dodge's ranking to the fact the company has "had a lot of practice building these cars," but he thinks there's more to it than that.

"A lot of it has to do with Dodge staying laser-focused on the core attributes that our customers want. Over the last five years we've made substantial investments in our core products," Kuniskis said. "We've nearly doubled our horsepower levels. We've nearly doubled the number of gears in our transmissions, and we've added performance variants that appeal to a much wider range of customers."

Da ieri è terminata la produzione di Journey e Caravan, de facto Dodge è un marchio morto. Gli italiani si sono lamentati del trattamento che ha subito il marchio Fiat sotto Marchionne ma a Dodge è andata ben peggio.
Il marchio dell’ariete vendeva negli anni 2000 circa 1,5 milioni di auto l’anno, con una precisione chirurgica il marchio è stato svuotato. Prima è stata scorporata RAM, che non era mai stata un marchio autonomo, rubandole persino l’emblema. L’auto più recente è del 2010, la Dart lanciata nel 2012 come l’auto americana con tecnologia italiana è stata ammazzata dopo appena 3 anni. Dodge fu la prima a lanciare i minivan e Marchionne giustamente decise di lanciare la Pacifica come Chrysler. Dodge arriva a stento a 500.000 unità e con la fine di Caravan e Journey precipiterà a meno di 300.000. Veramente una fine orrenda.


Top
   
MessaggioInviato: gio lug 02, 2020 11:15 pm 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4974
daimlerchrysler ha scritto:
Asphalt beware.

The Hellcat pack just added another member in the burly 2021 Dodge Durango, which will get a limited run with a supercharged HEMI V-8 engine that will dish out 710 horsepower.

The Durango SRT Hellcat, which is fortified with a retooled suspension, is just one piece of Dodge's portfolio planned for 2021. The brand also is upping the performance ante with a Charger SRT Hellcat Redeye that churns out 797 hp and the Challenger SRT Super Stock, which tops out at 807 hp.

Dodge, which helped usher in the minivan era, is now fully dedicated to muscle. The Journey utility vehicle and venerable Grand Caravan, the top-selling minivan in the U.S. last year, are gone after the 2020 model year.

With the Grand Caravan and Journey chapters ending, Dodge — once a mainstream brand with a broad car and truck lineup that stacked up against Ford and Chevrolet, and whose U.S. sales routinely topped 1 million as recently as the early 2000s — will be carried by its "Brotherhood of Muscle."

Tim Kuniskis, FCA's head of passenger cars for North America, said the automaker has kept the Challenger, Charger and Durango fresh through the years by continuing to deliver surprises and "embracing our strengths."

During a media briefing, Kuniskis said the brand has been "giving our passionate, engaged and very vocal performance enthusiasts exactly what they want: more performance."

"These three vehicles address the varying life stages of our consumers, three vehicles that can go from cool to crazy with just a single check of a box on the order form. If you step back a little bit and think about what we've been doing, we've been growing this brand by enabling our buyers to grow within it, to grow with us," he said.

The Durango, in addition to getting the Hellcat treatment, has been freshened for the 2021 model year with a new interior and a driver-oriented cockpit. The Durango is slated to be the second FCA model to hit the market with the Uconnect 5 infotainment system, after the 2021 Pacifica.

Ryan Nagode, who leads interior design for Dodge, said the upcoming Uconnect system is "a culmination of 15 years of design and development."

"It's really been about sharpening the needle, really getting in there and figuring out what customers are liking, and improve upon that," Nagode said.

The exterior gets an aggressive touch that includes a forward-leaning profile and a new front fascia. Dodge says the Durango Hellcat will be able to tow 8,700 pounds while featuring a 0 to 60 mph time of 3.5 seconds. Less than 2,000 are expected to be produced.


2020 Dodge Challenger SRT Super Stock
Muscle cars
FCA says the Charger Redeye, along with the standard Charger Hellcat model, come with a newly designed, functional performance hood. FCA said the hood design "provides maximum air intake to the high-output supercharged powerplant."

Dealer orders for 2021 Chargers, including the Redeye, open this fall and are scheduled to start arriving in dealerships in early 2021.

"Now you have a big, comfortable five-passenger sedan that can run the quarter-mile in mid-10s; 0 to 60 in mid-3s; reach a top speed of 203 mph; and be your daily driver family car," Kuniskis said of the Charger Redeye.

The automaker said the Challenger Super Stock, which goes into production this fall, carries the "drag-racing, quarter-mile-crushing spirit" of the limited-production 2018 SRT Demon model. It will debut in the 2020 model year and continue to be "the ultimate Dodge drag-racing model in the 2021 model year," FCA said.


2021 Dodge Charger SRT Hellcat Redeye: With 797 horsepower the Charger SRT Hellcat Redeye is the most powerful and fastest mass-produced sedan in the world and features a newly designed, functional performance hood.
Dodge heads into the 2021 model year with some bragging rights as the first domestic automaker to lead the J.D. Power Initial Quality Study. Kuniskis said he knows some attribute Dodge's ranking to the fact the company has "had a lot of practice building these cars," but he thinks there's more to it than that.

"A lot of it has to do with Dodge staying laser-focused on the core attributes that our customers want. Over the last five years we've made substantial investments in our core products," Kuniskis said. "We've nearly doubled our horsepower levels. We've nearly doubled the number of gears in our transmissions, and we've added performance variants that appeal to a much wider range of customers."

Da ieri è terminata la produzione di Journey e Caravan, de facto Dodge è un marchio morto. Gli italiani si sono lamentati del trattamento che ha subito il marchio Fiat sotto Marchionne ma a Dodge è andata ben peggio.
Il marchio dell’ariete vendeva negli anni 2000 circa 1,5 milioni di auto l’anno, con una precisione chirurgica il marchio è stato svuotato. Prima è stata scorporata RAM, che non era mai stata un marchio autonomo, rubandole persino l’emblema. L’auto più recente è del 2010, la Dart lanciata nel 2012 come l’auto americana con tecnologia italiana è stata ammazzata dopo appena 3 anni. Dodge fu la prima a lanciare i minivan e Marchionne giustamente decise di lanciare la Pacifica come Chrysler. Dodge arriva a stento a 500.000 unità e con la fine di Caravan e Journey precipiterà a meno di 300.000. Veramente una fine orrenda.

700.000 ram più 500.000 dodge nel 2019.... Calato mooolto di più il marchio fiat rispetto agli anni 2000, in usa a parte ford e Chevrolet e forse cadilacc gli altri marchi han fatto quasi tutti fine peggiori di dodge.

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010 -SUPERATI I 250.000 KM!!!


Top
   
MessaggioInviato: ven lug 03, 2020 5:24 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 13621
Fiat Chrysler Automobiles said the terms of its merger with PSA Group had not changed after an Italian newspaper reported that it was looking to spin off assets to reduce a planned 5.5 billion euro ($6.2 billion) cash pay-out to its shareholders.

FCA said on Friday that it was sticking to the deal agreed with PSA in December before the coronavirus crisis hit demand for cars.

"The structure and terms of the merger are agreed and remain unchanged," a spokesman for the automaker said.

FCA and PSA plan to finalize their merger by the first quarter of next year. PSA declined to comment.

Italian business newspaper Il Sole 24 Ore said that FCA could conserve cash by reducing the special dividend, possibly by handing shareholders assets as compensation.

Il Sole reported that talks were at a very early stage and no decision had been taken, adding the that aim was to keep the 5.5 billion euro value of the special dividend but to turn its "nature" from cash to assets.

FCA, has just agreed a 6.3 billion euro state-backed loan to help its Italian unit and the whole country's automotive industry to weather the crisis.

Although this does not bar FCA from paying the dividend, as it is not due until 2021 and would be paid by Dutch parent company Fiat Chrysler Automobiles NV, Italian politicians have called into question such a large cash pay-out.

Options being considered include spinning off the Sevel van business, a 50-50 joint venture between the two groups, or FCA's Alfa Romeo and Maserati brands, Il Sole said.

Sevel, which produces vans in Atessa's plant in central Italy, Europe's largest van assembly facility, could be valued between 2.5 and 3 billion euro, Il Sole said.

Its spin-off to FCA shareholders could also help address European Union concerns about the merger's consequences on competition in the van segment.

This option looks however complicated, Il Sole said, as it would require PSA transferring its 50 percent stake in Sevel to FCA.

Another option is scrapping a planned spin-off of PSA's controlling stake in parts maker Faurecia, Il Sole said.

A source close to the matter said that PSA could instead sell its Faurecia stake before the merger and keep the cash proceeds of the sale within the new merged company.

Chiedere 6 miliardi di euro di prestiti allo stato italiano e allo stesso tempo girare 5 miliardi agli Agnelli era troppo. Secondo il sole 24 ore FCA starebbe pensando di ridurre in maniera importante il mega dividendo , però Elkann vuole comunque degli assets come Maserati, Alfa o la divisione veicoli commerciali. Le trattative sono ancora nella fase iniziale.


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 1800 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente 156 57 58 59 60

Tutti gli orari sono UTC+01:00


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Limited
Traduzione Italiana phpBBItalia.net