Questo forum utilizza dei Cookie per tenere traccia di alcune informazioni. Quali notifica visiva di una nuova risposta in un vostro topic, Notifica visiva di un nuovo argomento, e Mantenimento dello stato Online del Registrato. Collegandosi al forum o Registrandosi, si accettano queste condizioni.

Tutti gli orari sono UTC+01:00




Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 179 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente 1 2 3 4 5 6 Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: mer mag 25, 2016 9:31 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11119
Secondo Les Echos lo stato francese sarebbe pronto ad uscire da PSA, l'azienda è stata risanata e il governo Hollande è alla ricerca di fondi da utilizzare per la ricapitalizzazione di Arena la società pubblica responsabile per le centrali nucleari.


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


MessaggioInviato: mar set 19, 2017 11:00 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11119
FRANKFURT -- France's PSA Group is engineering its next generation of vehicles to meet U.S. regulations as part of its planned return to North America, CEO Carlos Tavares said at the Frankfurt auto show.

"That means that from three years down the road we'll be able to push the button, if we decide to do so, in terms of product compliance vis-a-vis the U.S. regulations," he said.

Tavares said PSA already has decided which of its brands — Peugeot, Citroen or upscale DS — will be the first to appear on U.S. roads but isn't ready to announce the decision.

The automaker says its return will be a 10-year effort, beginning this year with partnerships in car-sharing and mobility services.


PSA inizierà a progettare i propri modelli in modo da rispettare le normative americane a partire dalla dalla prossima generazione di veicoli ( 2020). Il ritorno di PSA negli USA è quantomeno nebuloso, gli investimenti sono enormi e nell'attuale gamma PSA non vedo molti modelli adatti al mercato nordamericano.
Per non parlare poi dell'assenza di fabbriche in loco e la necessità di una costosa rete distributiva.
Ironicamente se PSA sbarcasse negli USA potrebbe lanciare lì anche Opel.


Top
   
MessaggioInviato: mer ott 25, 2017 6:36 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11119
PARIS -- PSA Group said quarterly revenue rose by almost a third, as the automaker added Opel-Vauxhall sales numbers for the first time and increased deliveries in Europe and in a rebounding Latin America.

Revenue increased 31 percent to 15 billion euros ($17.6 billion) in the third quarter from 11.4 billion a year earlier, PSA said in a statement on Wednesday. Automotive division revenue at its Peugeot, Citroen and DS brands rose by a more modest 11.6 percent to 8.42 billion euros.

PSA raised its 2017 market forecasts for Latin America and Russia but continued to lose ground in China, where the group's registrations plunged another 29 percent.

Under CEO Carlos Tavares, PSA has powered to record profitability but lost its footing in China, the world's biggest auto market, where deliveries topped 700,000 cars in 2014. Sales in the region - mainly through two Chinese joint ventures - were 242,000 vehicles for first nine months.

PSA is attempting to sell or lease out its Wuhan 2 factory, one of the group's five Chinese assembly plants, French daily Les Echos reported on Wednesday, citing unnamed sources.

Asked about the report, Chief Financial Officer Jean-Baptiste de Chatillon said PSA was determined "to face reality and to adjust costs when needed, and right-size (those) costs."

PSA will "get back on a growth path" in China and is not considering withdrawal from the market, Chatillon told analysts.

Sales at PSA's China ventures are not consolidated in its group revenue, which rose in the quarter on a healthy 3.9 percent increase in European deliveries - excluding Opel-Vauxhall - while Latin American registrations jumped 17 percent.

New model launches improved the product mix, PSA said, which reflected a demand for pricier vehicles and trims and contributed a 5.4 percent revenue increase in the quarter.

Sales to partners delivered a further 3.7 percent boost as PSA began manufacturing two Opel vehicles under a deal predating its full acquisition of the General Motors brand.

PSA raised its 2017 market growth outlook to 7 percent in Latin America and 8 percent in Russia, from a previous 5 percent forecast for both markets, echoing a similar upgrade by Renault this week.

For the full year, "based on this third quarter, we think PSA could be on track to beat profit expectations", Bernstein analyst Max Warburton said, before adding a note of caution. "Opel and its losses and cash-burn will be very important from here," he said.


Psa ha pubblicato i ricavi per i primi 9 mesi del 2017 in cui da agosto viene conteggiata anche Opel.
L’acquisto della casa tedesca aumenta notevolmente le dimensioni di PSA, Opel è il secondo marchio della casa francese pur essendo praticamente assente al di fuori dell’Europa.
In Cina i risultati di PSA sono pessimi, è il maggior fallimento di Tavares fino ad adesso.


Top
   
MessaggioInviato: mer ott 25, 2017 11:27 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven lug 13, 2007 3:17 pm
Messaggi: 2882
Come mai non riescono a vendere in Cina, dove quasi tutti fanno buoni risultati?


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


MessaggioInviato: dom ott 29, 2017 4:34 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11119
mauro65 ha scritto:
Come mai non riescono a vendere in Cina, dove quasi tutti fanno buoni risultati?


Hanno commesso una serie di errori mostruosi eppure ad inizio anni 2000 erano il secondo costruttore locale grazie alla Citroën ZX. Prima hanno favorito Peugeot a scapito del double Chevron, poi hanno cercato di sfondare nel segmento della berline di segmento B a 4 porte con scarsi risultati perché non riuscivano a offrire prezzi d’attacco pari alla Buick Sail oppure Vw Jetta ( cioè la Rapid, non la nostra Jetta).
Dopo lo sbarco di Dongfeng nel capitale azionario PSA ha sfornato suv per il solo mercato cinese che sono dei flop colossali. Nel 2015 le jv cinesi staccavano dividendi di più di 500 milioni di euro alla società francese, nel 2017 sono attese perdite per almeno 200 milioni. Dato che le perdite di Opel saranno un peso difficile da digerire e che nei paesi emergenti il turnaround di Tavares non sta funzionando potrebbe esserci problemi grossi.


Top
   
MessaggioInviato: lun ott 30, 2017 6:12 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11119
Opel hat 100 Tage Zeit, um ein Sanierungskonzept vorzulegen. Die ehrgeizigen Ziele hat PSA-Chef Carlos Tavares schon mal vorgegeben.

PSA-Chef Carlos Tavares: Der Konzernchef verlangt Profitabilität von Opel. (Foto: PSA)

Als Marathonläufer sollte Ex-Opel-Chef Karl Thomas Neumann einigen Sportsgeist besitzen. Dass er wenige Wochen nach seinem Abgang ein Interview des neuen Konzern-Eigners PSA als "arrogant" bezeichnet, lässt auf verletzten Stolz schließen - oder auf echte Sorge um die Traditions-Automarke mit dem Blitz. Anfang November läuft die 100-Tage-Frist ab, die der neue Eigner, die Peugeot-Mutter PSA, dem Opel-Management eingeräumt hat, um ein Sanierungskonzept für die Firma mit rund 38.000 Beschäftigten zu erarbeiten.
"Allen muss klar sein, dass der Status quo bei Opel keine Option ist", hat PSA-Chef Carlos Tavares unter anderem in dem "Welt"-Interview gesagt, das Neumanns Nerv so getroffen hat. Konkrete Aussagen zu den befürchteten Job-Streichungen oder gar Werksschließungen hat der drahtige Portugiese bislang vermieden. Offiziell soll ohnehin der neue Opel-Chef Michael Lohscheller über die konkreten Schritte entscheiden, doch die neuen Konzernherren halten sich mit ihren grundsätzlichen Einschätzungen nicht zurück.

Opel soll auf PSA-Strategie zum CO2-Sparen einschwenken

Bei seinem Auftritt auf der Messe IAA mäkelte Tavares zunächst an den hohen Kosten für den Opel-Stand herum, wurde aber schnell grundsätzlicher: Die Fabriken der einstigen General-Motors-Tochter seien nicht effektiv genug und erfüllten die eigenen Vorgaben nicht. Auch sei die CO2-Strategie mit dem allein stehenden Elektro-Auto Ampera-E gescheitert.
PSA geht die immer strengeren EU-Vorgaben ganz anders an und hat Plattformen entwickelt, die ohne große Umbauten wahlweise mit Verbrennern, Hybriden oder reinen Elektro-Motoren ausgestattet werden können. Bis 2023 sollen vier von fünf PSA-Modellen elektrisch sein, hat Tavares längst angekündigt. Opel müsse schneller auf diese Strategie einschwenken, um die 2020 noch einmal schärferen Vorschriften zum Flottenverbrauch einzuhalten und hohen Geldbußen seitens der EU zu entgehen. Opel hatte zuletzt einen Flottendurchschnitt von 127 Gramm CO2. Bei PSA liegt er nach eigenen Angaben bei 101 Gramm. Von 2020 an sind 95 Gramm vorgeschrieben.

Fragezeichen hinter geplanten Modellen

Der Technologietransfer von PSA zu Opel läuft also bereits auf Hochtouren, schon vor der Übernahme haben die beiden Hersteller zusammen Autos gebaut, die nun im Opel-Portfolio zu den profitableren gehören. "Unsere Entwicklungsteams arbeiten hervorragend zusammen und beschleunigen den Transfer", heißt es in einem der "Mainzer Allgemeinen Zeitung" vorliegenden Brief, mit dem Lohscheller die Belegschaft auf den "Zukunftsplan" einschwören will, ohne in Sachen Jobs konkret zu werden. Details sollen wohl erst Mitte November veröffentlicht werden, heißt es in Unternehmenskreisen.
Aus Lizenz- und Kostengründen muss Opel zudem möglichst schnell aus dem Entwicklungsverbund mit der alten Mutter General Motors (GM) herausgelöst werden, der zunächst noch für Auslastung im Rüsselsheimer Stammwerk und der dortigen Entwicklungsabteilung sorgt. Das lässt die Fragezeichen hinter geplanten Modellen größer werden, die noch auf GM-Technik stehen, namentlich des Mokka-X-Nachfolgers und der SUV-Version des Flaggschiffs Insignia. Der nächste Corsa wurde bereits auf eine PSA-Basis umgeplant.

PSA hat ein Viertel der Arbeitsplätze abgebaut

Der Autoexperte Ferdinand Dudenhöffer hat sich die französischen Effizienz-Vorgaben näher angeschaut. Er kommt zu dem Schluss, dass Opel mindestens 6000 Beschäftigte zu viel an Bord hat, sofern man PSA-Produktivitätsmaßstäbe anlegt. Auch eine weitere Zahl trägt nicht zu ruhigen Nächten in Rüsselsheim und an den anderen Standorten bei: Von 2011 bis Ende 2016 hat PSA unter der Führung von Tavares und seiner Vorgänger 33.000 Jobs gestrichen. Die Belegschaft wurde um mehr als ein Viertel auf noch knapp 90.000 Leute reduziert, der Hauptschlüssel zur überragenden Produktivität der PSA-Einheiten.
Die rund 19.000 deutschen Opel-Jobs sind nur noch bis Ende 2018 tarifvertraglich geschützt. Bei der britischen Schwester Vauxhall machen die Franzosen bereits ernst und wollen sich von jedem vierten der rund 1600 Beschäftigten im Astra-Werk Ellesmere Port trennen, unter anderem mit Abfindungen. Bei den Konsumenten im bislang größten Einzelmarkt des Opel/Vauxhall-Verbundes grassiert die Brexit-Angst, der Absatz schwächelt merklich. Britische Analysten wie Evercore gehen bereits von einer Schließung in Ellesmere Port und bis zu zwei weiteren Opel-Werken in Europa aus, sollte PSA nicht zusätzliche Kapazitäten für seine anderen Marken benötigen.

Betriebsrat sieht Schuld bei GM

Bei der IG Metall und dem Opel-Gesamtbetriebsratsvorsitzenden Wolfgang Schäfer-Klug kommen solche Szenarien gar nicht gut an. Die Arbeitnehmervertreter haben sich entschieden, den Umbau des Unternehmens möglichst konstruktiv zu begleiten. Sie hoffen auf Wachstumschancen mit kostengünstiger produzierten Autos.
Für viele Opelaner sind nach einer langen Entfremdung die wahren Verantwortlichen für die Produktivitätsnachteile immer noch bei der ungeliebten Ex-Mutter GM in Detroit zu finden. "Ursache sind insbesondere die überkomplexen GM-Plattformen, auf denen die Fahrzeuge stehen, und die überzogenen GM-Prozessvorgaben für die Werke. (...) Opel war immer die Tochter der Konzernmutter, die über 80 Prozent der Entscheidungen von Opel in Detroit getroffen hat", schreibt Schäfer-Klug. Bleibt zu hoffen, dass die neue Mutter weiser agiert. (dpa/swi)


Il 17 novembre Opel presenterà il nuovo piano di ristrutturazione, il primo sotto le insegne di PSA. Le perdite per il 2017 sono stimate in 600 milioni di euro, solo passando al sistema contabile IFRS ( quello mondiale, diverso dal GAAP quasi esclusivo degli USA) ci sarà una riduzione del passivo di 400 milioni ma ovviamente non basta perché Opel continuerà a bruciare cassa e quindi sarà un peso per i francesi. Secondo fonti tedesche non ci saranno tagli alla forza lavoro, sicuramente la metà o più degli ingegneri del centro di Rüsselsheim verranno licenziati dato che lavoravano principalmente per GM e per veicoli globali che non fanno parte del futuro di Opel.
Tavares vorrebbe anche bloccare 2 importanti progetti già avviati come la seconda generazione della Mokka e la Monza suv perché usano tecnologia Gm ( sviluppata da Opel ma tant’e). Cancellare la Mokka sarebbe pura follia perché è l’unico modello veramente redditizio del marchio. Dopo il 2019 potrebbe essere chiusa una fabbrica e a rischio rimane Ellesmere Porth soprattutto a causa della Brexit.


Top
   
MessaggioInviato: lun ott 30, 2017 8:31 pm 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4021
daimlerchrysler ha scritto:
Opel hat 100 Tage Zeit, um ein Sanierungskonzept vorzulegen. Die ehrgeizigen Ziele hat PSA-Chef Carlos Tavares schon mal vorgegeben.

PSA-Chef Carlos Tavares: Der Konzernchef verlangt Profitabilität von Opel. (Foto: PSA)

Als Marathonläufer sollte Ex-Opel-Chef Karl Thomas Neumann einigen Sportsgeist besitzen. Dass er wenige Wochen nach seinem Abgang ein Interview des neuen Konzern-Eigners PSA als "arrogant" bezeichnet, lässt auf verletzten Stolz schließen - oder auf echte Sorge um die Traditions-Automarke mit dem Blitz. Anfang November läuft die 100-Tage-Frist ab, die der neue Eigner, die Peugeot-Mutter PSA, dem Opel-Management eingeräumt hat, um ein Sanierungskonzept für die Firma mit rund 38.000 Beschäftigten zu erarbeiten.
"Allen muss klar sein, dass der Status quo bei Opel keine Option ist", hat PSA-Chef Carlos Tavares unter anderem in dem "Welt"-Interview gesagt, das Neumanns Nerv so getroffen hat. Konkrete Aussagen zu den befürchteten Job-Streichungen oder gar Werksschließungen hat der drahtige Portugiese bislang vermieden. Offiziell soll ohnehin der neue Opel-Chef Michael Lohscheller über die konkreten Schritte entscheiden, doch die neuen Konzernherren halten sich mit ihren grundsätzlichen Einschätzungen nicht zurück.

Opel soll auf PSA-Strategie zum CO2-Sparen einschwenken

Bei seinem Auftritt auf der Messe IAA mäkelte Tavares zunächst an den hohen Kosten für den Opel-Stand herum, wurde aber schnell grundsätzlicher: Die Fabriken der einstigen General-Motors-Tochter seien nicht effektiv genug und erfüllten die eigenen Vorgaben nicht. Auch sei die CO2-Strategie mit dem allein stehenden Elektro-Auto Ampera-E gescheitert.
PSA geht die immer strengeren EU-Vorgaben ganz anders an und hat Plattformen entwickelt, die ohne große Umbauten wahlweise mit Verbrennern, Hybriden oder reinen Elektro-Motoren ausgestattet werden können. Bis 2023 sollen vier von fünf PSA-Modellen elektrisch sein, hat Tavares längst angekündigt. Opel müsse schneller auf diese Strategie einschwenken, um die 2020 noch einmal schärferen Vorschriften zum Flottenverbrauch einzuhalten und hohen Geldbußen seitens der EU zu entgehen. Opel hatte zuletzt einen Flottendurchschnitt von 127 Gramm CO2. Bei PSA liegt er nach eigenen Angaben bei 101 Gramm. Von 2020 an sind 95 Gramm vorgeschrieben.

Fragezeichen hinter geplanten Modellen

Der Technologietransfer von PSA zu Opel läuft also bereits auf Hochtouren, schon vor der Übernahme haben die beiden Hersteller zusammen Autos gebaut, die nun im Opel-Portfolio zu den profitableren gehören. "Unsere Entwicklungsteams arbeiten hervorragend zusammen und beschleunigen den Transfer", heißt es in einem der "Mainzer Allgemeinen Zeitung" vorliegenden Brief, mit dem Lohscheller die Belegschaft auf den "Zukunftsplan" einschwören will, ohne in Sachen Jobs konkret zu werden. Details sollen wohl erst Mitte November veröffentlicht werden, heißt es in Unternehmenskreisen.
Aus Lizenz- und Kostengründen muss Opel zudem möglichst schnell aus dem Entwicklungsverbund mit der alten Mutter General Motors (GM) herausgelöst werden, der zunächst noch für Auslastung im Rüsselsheimer Stammwerk und der dortigen Entwicklungsabteilung sorgt. Das lässt die Fragezeichen hinter geplanten Modellen größer werden, die noch auf GM-Technik stehen, namentlich des Mokka-X-Nachfolgers und der SUV-Version des Flaggschiffs Insignia. Der nächste Corsa wurde bereits auf eine PSA-Basis umgeplant.

PSA hat ein Viertel der Arbeitsplätze abgebaut

Der Autoexperte Ferdinand Dudenhöffer hat sich die französischen Effizienz-Vorgaben näher angeschaut. Er kommt zu dem Schluss, dass Opel mindestens 6000 Beschäftigte zu viel an Bord hat, sofern man PSA-Produktivitätsmaßstäbe anlegt. Auch eine weitere Zahl trägt nicht zu ruhigen Nächten in Rüsselsheim und an den anderen Standorten bei: Von 2011 bis Ende 2016 hat PSA unter der Führung von Tavares und seiner Vorgänger 33.000 Jobs gestrichen. Die Belegschaft wurde um mehr als ein Viertel auf noch knapp 90.000 Leute reduziert, der Hauptschlüssel zur überragenden Produktivität der PSA-Einheiten.
Die rund 19.000 deutschen Opel-Jobs sind nur noch bis Ende 2018 tarifvertraglich geschützt. Bei der britischen Schwester Vauxhall machen die Franzosen bereits ernst und wollen sich von jedem vierten der rund 1600 Beschäftigten im Astra-Werk Ellesmere Port trennen, unter anderem mit Abfindungen. Bei den Konsumenten im bislang größten Einzelmarkt des Opel/Vauxhall-Verbundes grassiert die Brexit-Angst, der Absatz schwächelt merklich. Britische Analysten wie Evercore gehen bereits von einer Schließung in Ellesmere Port und bis zu zwei weiteren Opel-Werken in Europa aus, sollte PSA nicht zusätzliche Kapazitäten für seine anderen Marken benötigen.

Cancellare la Mokka sarebbe pura follia perché è l’unico modello veramente redditizio del marchio..


La fanno su base PSA che problema c'è:-):-)

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010


Top
   
MessaggioInviato: lun ott 30, 2017 9:14 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11119
Hanno già la Crossland X, ne fanno un altra sempre senza trazione integrale?


Top
   
MessaggioInviato: lun ott 30, 2017 9:47 pm 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4021
daimlerchrysler ha scritto:
Hanno già la Crossland X, ne fanno un altra sempre senza trazione integrale?


Beh come la fanno su base Coreana possono farla su base PSA cosa cambia:-)
Magari sul nuovo pianale b che forse debutterà con la ds3 SUV.

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010


Top
   
MessaggioInviato: lun ott 30, 2017 11:20 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11119
L’attuale pianale della 2008 e della Crossland X non offre la possibilità di montare la trazione integrale. Non so se la prossima 2008 avrà un nuovo pianale con questa caratteristica tecnica.
Tavares sta cancellando progetti già pronti, è vero che portandoli sul mercato sarebbero costretti a pagare royalties a Gm per anni però eliminare significa dover poi mettere a bilancio almeno 1 miliardo di perdite tra svalutazioni e nuovi investimenti.
Sarà interessante vedere se il franco-portoghese riuscirà nel miracolo di azzerare le perdite, decine di manager hanno distrutto la propria carriera nel vano tentativo di rilanciare Opel.


Top
   
MessaggioInviato: gio nov 02, 2017 7:51 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11119
PSA's Opel purchase leaves Citroen odd man out

Citroen is simplifying its lineup. For example, it is replacing the C4 hatchback with the face-lifted C4 Cactus, shown.
Comment on this article ■ 1 comment Print this article Print Reprint Reprints Send a letter Respond Email Article Share on FacebookShare on LinkedInShare on Twitter
November 1, 2017 06:01 CET
Peter Sigal is a France-based correspondent with Automotive News Europe
Other blogs
VW brand's profit margin goal is too easy
Toyota is not seeking No. 1 status; still cautious on EVs
Land Rover design chief dangles more clues on next Defender
Why PSA is axing jobs at Vauxhall's Astra plant
PSA Group's purchase of Opel means that the French automaker now has three mass-market European brands (four if you count Vauxhall). Could that be one too many?

One path of speculation has focused on Citroen being the odd man out.

Excluding Opel, Peugeot accounts for 61 percent of PSA's European sales, while Citroen has 36 percent with the shrinking upscale DS brand accounting for the rest. After the completion of PSA's acquisition of General Motors European business in August, Opel is now PSA's biggest brand by sales (see chart bottom).

A future scenario could see Opel targeting the German and northern European market, while Peugeot would be aimed at France and southern European countries.

An analysis issued last month by the investment firm Bryan Garnier explored this possibility. "With sales of the various brands in the new group eating into each other, we expect the Citroen brand to suffer clearly, unless the group unveils a strategy with clearer positions for its customers," the report said.

Brand separation

Peugeot's goal is clearly stated in PSA's Push to Pass strategic plan: "To become the best high-end generalist brand." As part of that drive, the new 3008 and 5008 models have been introduced with more aggressive styling that puts them squarely in the high-demand -- and higher-priced -- SUV class than their more minivan-oriented predecessors.

Citroen's task is "to become the people-minded brand," a positioning which the Bryan Garnier report describes as “more focused on less-sophisticated and more-affordable models and remains misunderstood."

Opel's brand position is expected to be clarified in early November when a turnaround plan for GM's former money-losing European division will be revealed. PSA CEO Carlos Tavares has said that Opel is a key to accessing the German market, Europe's largest. Speaking to shareholders in May, Tavares said cannibalization rates between PSA brands and Opel were less than 3 percent in Germany and France. "Some customers will just consider French brands, and others will just consider German brands," he said. "We may think it's unfair, but it's just a reality."

Another suggestion, also from the Bryan Garnier report, is that Opel could move upscale and replace the small and ailing DS brand in the premium position, to gain the higher profit margins in those segments.

"PSA could follow the example of Volkswagen, which acquired Audi in 1964 and turned it into a high-end brand that now contributes 19 percent of the group's volumes and more than 45 percent of earnings," the report said.

Citroen streamlined

So where does that leave Citroen? After selling more than 900,000 vehicles annually in Europe in the mid-2000s, the brand has been in a prolonged slump. Last year, European sales were 541,700, according to JATO Dynamics.

Under CEO Linda Jackson and design chief Alexandre Malval, Citroen is attempting an ambitious makeover under a new marketing signature "Inspired by you," which was formally introduced at the Frankfurt auto show in September. Jackson plans to increase sales by 30 percent.

Citroen is replacing people-movers with new crossovers and SUVs, and trying to personalize the buying experience by offering mix-and-match interior, body, roof and accessory colors. It is moving into mobility services with two programs: Rent & Smile, for long-term rentals; and Earn & Drive, which lets owners rent out their cars when they aren't using them.

It is also simplifying its lineup by trimming the number of basic models to eight from 14. The product reboot began formally last fall with the C3 subcompact sedan, which incorporates crossover styling cues. European sales are up 63 percent in the first eight months of this year over the previous model to 142,588, according to JATO Dynamics. Citroen’s European sales rose 4.5 percent through August, almost exactly mirroring the growth in the European market.

Crossovers to rescue

Citroen's first SUV for the European market, the subcompact C3 Aircross, rolls out this autumn, replacing the C3 Picasso minivan. At the same time, the Chinese market is getting the compact C5 Aircross, which will be released in Europe next year.

An analysis by IHS Markit suggests that Citroen will sell 118,000 C3 Aircrosses in Europe in 2018, versus 36,754 C3 Picassos in 2016.

Citroen has a few other product changes in store. The C4 Cactus has been repositioned as a more comfort-oriented crossover, and will take the place of the C4 compact hatchback, which is being discontinued in 2018 and won't be replaced until 2021. The C5 midsize sedan will be re-introduced in 2020 after production was halted earlier this year.

With three SUV/crossovers in its lineup, Citroen is better positioned to ride the rising segment upward, both in Europe and China.

PSA, however, may want to look to VW Group for another example, beside Audi: The perils of having too many similar brands. A report last week said that VW was seeking to ease tensions among Seat, Skoda and Volkswagen by repositioning its three mass-market brands.

OPEL IN TOP SPOT
PSA Group EU and EFTA unit sales through Sept.
Opel/Vauxhall: 92,448
Peugeot: 76,610
Citroen: 45,620
DS: 4,683
Group total: 219,361


Secondo alcuni analisti l’ ingresso di Opel in PSA potrebbe nel medio termine portare alla cancellazione di Citroën. Non ritengo plausibile questa ipotesi ma tenendo conto delle limitate risorse del gruppo il posizionamento dei diversi marchi del gruppo è diventato un problema strategico.
Citroën vendeva in Europa a metà anni 2000 più di 900.000 auto crollate a 514.000 nel 2016, sicuramente ha sofferto il taglio di modelli come la C4 la cui produzione è stata bloccata senza avere un’erede.
In attesa del piano di ristrutturazione di Opel Tavares ha delineato in grandi linee il futuro dei vari marchi

1) Peugeot: anti-Vw con prezzi un po’ più alti dei generalisti
2) Ds: il marchio premium che punterà sull’avantgarde dato che non ha le risorse dei marchi tedeschi.
3) Citroën: pseudo low cost che punta sull’originalita
4) Opel: identità tedesca con tecnologia francese per sfondare in Nord Europa.

Recentemente ci sono state indiscrezioni riguardo a screzi tra il marchio Vw, Seat e Skoda concernenti la troppa concorrenza interna e sono ormai 30 anni che fanno parte dello stesso gruppo.


Top
   
MessaggioInviato: gio nov 02, 2017 10:17 am 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4021
C4 è stata sostituita nel 2010 da ben 2 auto la c4 classica e la ds4 entrambi flop, un vero SUV crossover non l'hanno mai fatto c'era quello su base Mitsubishi asx, forse ancora a listino su cui non ci hanno creduto...di c4 cactus sappiamo bene la fine che ha fatto... diciamo che non hanno azzeccato quasi nulla tra Citroen e ds... nonostante negli ultimi 10 anni di modelli nuovi ne hanno sfornati eccome

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010


Top
   
MessaggioInviato: gio nov 02, 2017 10:22 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun mar 13, 2006 8:29 pm
Messaggi: 14230
Aggiungiamo che la C5 l'hanno lasciata morire, la C-Crosser faceva cagare e costava un botto, la C6 è stata abbandonata millenni fa, e l'alto di gamma se lo sono giocato tutto.
Nel basso hanno la C1 che non mi pare faccia faville, la C3 che vende e sopra, come hai detto tu, il deserto dei tartari (tra modelli che non ci sono e modelli che ci sono ma non vendono).


Top
   
MessaggioInviato: gio nov 02, 2017 10:25 am 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4021
Multiplone ha scritto:
Aggiungiamo che la C5 l'hanno lasciata morire, la C-Crosser faceva cagare e costava un botto, la C6 è stata abbandonata millenni fa, e l'alto di gamma se lo sono giocato tutto.
Nel basso hanno la C1 che non mi pare faccia faville, la C3 che vende e sopra, come hai detto tu, il deserto dei tartari (tra modelli che non ci sono e modelli che ci sono ma non vendono).

Oltre a c3 unica che si salva, anche se strascontata, è la c4 Picasso....
Alto gamma dovrebbe essere DS... dovrebbe....

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010


Top
   
MessaggioInviato: ven nov 03, 2017 12:10 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11119
http://media.opel.com/media/intl/en/ope ... -plan.html

Presentazione del piano Opel il 9.11


Top
   
MessaggioInviato: gio nov 09, 2017 4:59 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11119
Cento giorni: questo era l’obiettivo di tempo per la presentazione del piano futuro per la Opel dopo il closing dell'acquisizione da parte del gruppo PSA. "Abbiamo lavorato duramente per presentarlo in tempi record”, ha dichiarato l’ad Michael Lohscheller di fronte alla stampa internazionale. "Il nostro obiettivo è non chiudere fabbriche e non licenziare, ma migliorare l’efficienza interna e raggiungere i profitti. Pace" - questo è il nome del piano per il nuovo corso - "è il nostro nuovo approccio, e indica la nostra rinnovata volontà di seguire i programmi. La situazione alla Opel", ha aggiunto il ceo "è difficile. E mantenere lo status quo non è un’opzione. Dal 1999", ha proseguito Lohscheller "non facciamo profitti, e oggi abbiamo delle sfide enormi davanti. Quando c’è stato il closing", ha poi ammesso "non eravamo pronti ai nuovi obiettivi di CO2. La notizia buona è che con il nuovo piano saremo in grado di rispettarli".

Valorizzare le competenze. “Non è un compito facile quello che ci attende", ha incalzato Lohscheller, "ma le risorse le abbiamo in casa. Il piano è stato costruito sulla base delle competenze del nostro personale. Ma nel mio ruolo di amministratore delegato non posso essere portatore di sole buone notizie. La riduzione dei costi, anche sul fronte del lavoro, sarà parte dei piani. Ma la attueremo in maniera responsabile, senza esuberi né chiusure, in accordo con PSA e con il sindacato IG Metall, con cui siamo già pronti a trattare sui prepensionamenti".

Break even ridotto a 800.000 unità. Già oggi, con Opel al suo interno, il gruppo PSA è quello che ama definirsi "un campione europeo", con 4,3 milioni di auto vendute l’anno e 55 miliardi di fatturato. "Ma abbiamo obiettivi più ambiziosi", ha annunciato Lohscheller. Ufficializzando gli obiettivi di margine operativo, pari al "2% annuo per il 2020 e al 6% nel 2026. Un target che verrà raggiunto abbassando il break even point a 800 mila unità. I piani", ha precisato il dirigente tedesco "prevedono anche una crescita in termini di volumi, ma non senza limiti: "Le performance finanziarie sono più importanti della dimensione industriale" gli ha fatto eco l'ad del gruppo, Carlos Tavares.

Arriva la Corsa elettrica. La strategia per il risanamento passa attraverso quattro punti fondamentali. "Abbiamo quattro pilastri su cui basarci. Il primo è l’elettrificazione: abbiamo una roadmap concreta verso i nuovi limiti di 95 g/km di CO2, grazie alla tecnologia PSA. Avremo quattro modelli elettrificati entro il 2020, compresa la Grandland X e la Corsa elettrica. La gamma sarà tutta elettrificata entro il 2024.

Meno complessità, più sinergie. Il secondo pilastro sarà la riduzione della complessità e l’incremento delle sinergie interne, che raggiungeranno gli 1,1 miliardi l'anno nel 2020 e gli 1,7 miliardi nel 2026. Entro il 2024 scenderemo da nove architetture a due, e da dieci a quattro famiglie powertrain. "Una semplificazione drastica, che riguarderà in egual misura anche i sistemi di trasmissione", secondo quanto illustrato dalla dirigenza della Opel in conferenza stampa.

Centro di innovazione globale. All'interno di un costruttore dalla dimensione sempre più transnazionale, la Opel manterrà la sua natura di marchio tedesco. E lo farà mantenendo, presso la storica sede di Rüsselsheim tutto l’engineering dei modelli. "Investiremo il 7-8% del fatturato in ricerca e sviluppo e costituiremo un polo di eccellenza per il gruppo PSA su temi quali l'automazione della guida, le fuel cell, il testing e la validazione software".

Produzione più efficiente. Spazio anche alla razionalizzazione dei processi di progetto e produzione: "Entro il 2020", ha spiegato Lohscheller "ridurremo il costo delle nostre auto di 400 euro per unità e riorganizzeremo la rete produttiva, per esempio portando in Europa modelli che attualmente sono prodotti in Corea. Per ogni impianto stiamo delineando strategie per l'incremento dell'efficienza. Tra le iniziative più rilevanti, l'introduzione delle linee della piattaforma Emp2 ad Eisenach, dove dal 2019 nascerà una Suv (che avrà una variante elettrificata, ha precisato Lohscheller), e a Rüsselsheim, dove avrà luogo la produzione di una vettura di segmento D.

Obiettivo qualità. Il terzo pilastro della crescita sarà costituito dal riposizionamento del marchio, in termini di prezzi, e dal miglioramento sul fronte della qualità percepita. "I tre marchi francesi", ha riconosciuto l'ad "sono già ben distinti tra loro e noi avremo una posizione a sua volta ben definita. La Grandland X mostra la strada che prenderemo: è enormemente diversa dalla Peugeot 3008. Il design rimarrà un fattore distintivo. L’altro tema sarà quello del posizionamento: entro il 2021 vogliamo raggiungere il 40% di vendite con le Suv e tagliare i rami secchi, i modelli che non rendono. Introdurremo anche l’allestimento al top di gamma Ultimate e ridurremo così di quattro punti percentuali il divario rispetto alla media dei principali marchi europei".

Espansione di gamma e mercati. Il quarto cardine dei nuovi piani sarà rappresentato dalla strategia di crescita vera e propria: nuovi modelli, nuovi mercati e una maggiore attenzione allo sviluppo del ramo veicoli commerciali. "Nove saranno i nuovi lanci entro il 2020, ma oltre alle vetture per passeggeri, i veicoli commerciali beneficeranno grandemente delle sinergie con quello che è l'attuale leader europeo", ha dichiarato Lohscheller "in un segmento dove siamo sottorappresentati. Il primo passo sarà il lancio del nuovo Combo nel 2020, che ci permetterà di incrementare i volumi e di entrare sul mercato turco. Globalmente", ha concluso il manager "l’obiettivo è quello di entrare in 20 nuovi mercati entro il 2022 e raddoppiare le esportazioni entro il 2020. Opel, finalmente, diventerà un marchio globale, superando il 10% delle vendite dai mercati stranieri".

Le parole di Tavares. Alla presentazione del piano ha parlato anche il numero uno del gruppo PSA, Carlos Tavares. "Questo piano non è un trucco, non è un piano demagogico. È un programma robusto, credibile e onesto. Ed è stato fatto dai dipendenti della Opel per i dipendenti della Opel", ha sentenziato il timoniere. "Michael (Lohscheller, ndr) l’ha detto: un piano è un piano. Ma un piano è solo il cinque per cento del lavoro da fare. Ora resta l’implementazione, che rappresenta il resto. Dobbiamo tenerlo in mente: se guardiamo a cos’è successo a quest’azienda negli ultimi quindici anni, è chiaro che non ci siamo preparati per il futuro. Non solo sui limiti delle emissioni, ma anche sui conti: abbiamo perso oltre 10 miliardi di dollari, tagliato oltre trentamila posti di lavoro e perso tre punti percentuali di quota in Europa. È da questa situazione drammatica che partiamo e non c’è tempo da perdere".

Gli errori del passato e le prospettive. "Noi abbiamo l’opportunità di salvare la Opel e stiamo lavorando per dare una soluzione ai dipendenti della Opel", prosegue Tavares. "Negli ultimi quindici anni non gliel’abbiamo data e loro aspettano che la dirigenza costruisca un futuro sostenibile per l’azienda. La dirigenza deve dirigere, con responsabilità e senza paura, perché i leader impopolari di oggi sono gli eroi di domani. Ma dobbiamo anche ricordare che le persone della Opel non sono il problema, ma la soluzione".

La forza in Europa, una base di partenza. Tavares ha riservato le considerazioni finali a quanti, da più parti, hanno espresso scetticismo sull'eccessiva dipendenza del gruppo dai mercati europei. "Vendere tre milioni di auto in Europa è la base per crescere all’estero. Non si può essere un leader mondiale se non si è un leader sul proprio mercato. La nostra forza in Europa rappresenta le fondamenta per crescere nel resto del mondo e per cogliere altre opportunità. Come abbiamo fatto quando abbiamo comprato la Opel".


Opel ha presentato il piano di ristrutturazione, il primo sotto l’egida di PSA. Gli obbiettivi sono piuttosto ambiziosi.

1) Ritorno ad un margine positivo del 2% nel 2020 e creazione di flusso di cassa positiva.

2) Passaggio a tappe forzate da tecnologia GM a quella PSA. Sono stati bloccati tutti prodotti già pronti su base GM ( Mokka II e Monza suv) che saranno convertiti su base PSA. Stranamente arriveranno in tempo. La nuova Corsa arriverà nel 2019 e avrà una versione elettrica
Opel passerà da 9 piattaforme a 2.

3) Non ci saranno tagli al personale ma prepensionamenti.

4) Tavares vuole assolutamente ridurre in maniera pesante le km 0 in cui Opel è sempre tra i maggiori player in Europa. È probabile prevedere importanti perdite di quote di mercato.

5) Opel sbarcherà in mercati minori centro nel 2020 mentre dopo il 2022 è possibile l’ ingresso in Cina e Brasile.

Opel ha perso quasi 10 miliardi di dollari in 15 anni, non sarà facile per Tavares.


Top
   
MessaggioInviato: gio nov 09, 2017 5:57 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven lug 13, 2007 3:17 pm
Messaggi: 2882
daimlerchrysler ha scritto:
Cento giorni: +++

Opel ha presentato il piano di ristrutturazione, il primo sotto l’egida di PSA. Gli obbiettivi sono piuttosto ambiziosi.
1) Ritorno ad un margine positivo del 2% nel 2020 e creazione di flusso di cassa positiva.

2) Passaggio a tappe forzate da tecnologia GM a quella PSA. Sono stati bloccati tutti prodotti già pronti su base GM ( Mokka II e Monza suv) che saranno convertiti su base PSA. Stranamente arriveranno in tempo. La nuova Corsa arriverà nel 2019 e avrà una versione elettrica. Opel passerà da 9 piattaforme a 2.

3) Non ci saranno tagli al personale ma prepensionamenti.

4) Tavares vuole assolutamente ridurre in maniera pesante le km 0 in cui Opel è sempre tra i maggiori player in Europa. È probabile prevedere importanti perdite di quote di mercato.

5) Opel sbarcherà in mercati minori centro nel 2020 mentre dopo il 2022 è possibile l’ ingresso in Cina e Brasile.

Opel ha perso quasi 10 miliardi di dollari in 15 anni, non sarà facile per Tavares.
Il piano presentato, più che da obiettivi ambiziosi, mi pare da mission impossible.
Opel ha la sua quota proprio perché fa vetture oneste, forse anche più che oneste, a prezzi reali decisamente appetibili. Nel momento in cui i prezzi su strada aumentano e/o si "semplifica" su allestimenti e/o dotazioni, altro che "importanti" perdite di quota, sarà un bagno di sangue. A quel punto ne vieni fuori solo se hai riconfigurato l'intero cono di produzione, il che alla fine significa chiudere parecchi stabilimenti (dubito che possano bastare i prepensionamenti) e, in qualche modo, ti limiti a "ricarrozzare alla tedesca" le equivalenti Peugeot o Citroen. Forse Tavares vuole fare proprio questo, da una sola base tirare fuori una versione "alla francese" ed una "alla tedesca" per soddisfare due tipologie di gusto dei consumatori europei: non so perché, ma la cosa mi suona un po' come il progetto DS che, mi pare (correggimi), non sia proprio un esaltante successo.


Top
   
MessaggioInviato: gio nov 09, 2017 7:22 pm 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4021
Il progetto ds è un flop doppio, perché oltre a non essere mai decollato ha tolto una gamma decente anche a Citroen, in Cina hanno fatto anche un SUV/crossover specifico da vendite pari a zero, ds7 vedremo magari ne piazzano anche un po' ma a prezzi da Citroen non sicuro da premiumm, i listini sono già in quel senso, quindi tanto valeva non buttar via soldi anche per alcuni conce specifiche e ovvio tutto il marketing è non solo che c'è dietro un marchio specifico.
Opel prezzi quasi da premiumm ci avevano tentato pochi anni fa con Adam e Cascada il doppio flop lo conosciamo tutti, al limite servirà a PSA ad ammortizzare un po' le spese di investimento, alla faccia della tecnologia tedesca:-)
Cmq in questo periodo se qualcuno proponesse Delle vere alternative ibride a Toyota con potenze umane e prezzi da TDI potrebbe fare boom..

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010


Top
   
MessaggioInviato: gio nov 09, 2017 9:51 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11119
Opel ha bruciato 15 miliardi di dollari in 19 anni, licenziato 30.000 dipendenti e chiuso 4 fabbriche. Secondo Tavares lui ce la farà a farla ritornare al profitto, una visione alquanto ottimista anche se non impossibile. Ho sempre sostenuto che il problema maggiore della casa tedesca fosse il posizionamento all’interno di GM.
PSA non è sicuramente il partner ideale dato che è un costruttore di medie dimensioni con forti debolezze geografiche. Effettivamente il passaggio alle regole contabili internazionali avrebbe già permesso il ritorno alla redditività di Opel nel 2016. Tavares ogni volta grida ai 4 venti che lui in PSA non ha licenziato nessuno, grazie al cavolo, lo hanno fatto i suoi precedessori. Psa dal 2007 ha tagliato 1/4 della forza lavoro.
Una sfida molto interessante ma anche molto difficile.


Top
   
MessaggioInviato: ven nov 10, 2017 10:55 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab set 16, 2006 2:41 pm
Messaggi: 21813
Località: London
Stefano_M ha scritto:
Il progetto ds è un flop doppio, perché oltre a non essere mai decollato ha tolto una gamma decente anche a Citroen, in Cina hanno fatto anche un SUV/crossover specifico da vendite pari a zero, ds7 vedremo magari ne piazzano anche un po' ma a prezzi da Citroen non sicuro da premiumm, i listini sono già in quel senso, quindi tanto valeva non buttar via soldi anche per alcuni conce specifiche e ovvio tutto il marketing è non solo che c'è dietro un marchio specifico.
Opel prezzi quasi da premiumm ci avevano tentato pochi anni fa con Adam e Cascada il doppio flop lo conosciamo tutti, al limite servirà a PSA ad ammortizzare un po' le spese di investimento, alla faccia della tecnologia tedesca:-)
Cmq in questo periodo se qualcuno proponesse Delle vere alternative ibride a Toyota con potenze umane e prezzi da TDI potrebbe fare boom..


concordo. DS ha
- tolto originalità alle citroen
- creato modelli più costosi, che poi si sono trovati a scontare drammaticamente
- creato un brand inutile (che per altro sta morendo)
- richiesto extra investimenti marketing, comunicazione e rete vendita
ecc....

ennesimo flop di una corsa forzata al premium, che ha coinvolto parecchi negli ultimi anni, con risultati molto dubbi per la maggiorparte (Adam uber alles)

Credo però che con l'arrivo di C3 - C3 SUV ecc, si siano rimessi in carreggiata. Tornando a proporre prodotti piacevoli, fuori dagli schemi, citroen insomma.

di futuri sviluppi DS non si sente parlare, quindi penso relegheranno il marchio in Cina (se avrà successo) o lo cancelleranno a breve.
DS - per quello che mi riguarda - potrebbe tranquillamente diventare un allestimento di modelli citroen. Il "vignale" ford, insomma.

_________________
non posso aspettar l'Ateca... :mrgreen:


Top
   
MessaggioInviato: ven nov 10, 2017 11:29 am 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4021
billy079 ha scritto:
Stefano_M ha scritto:
Il progetto ds è un flop doppio, perché oltre a non essere mai decollato ha tolto una gamma decente anche a Citroen, in Cina hanno fatto anche un SUV/crossover specifico da vendite pari a zero, ds7 vedremo magari ne piazzano anche un po' ma a prezzi da Citroen non sicuro da premiumm, i listini sono già in quel senso, quindi tanto valeva non buttar via soldi anche per alcuni conce specifiche e ovvio tutto il marketing è non solo che c'è dietro un marchio specifico.
Opel prezzi quasi da premiumm ci avevano tentato pochi anni fa con Adam e Cascada il doppio flop lo conosciamo tutti, al limite servirà a PSA ad ammortizzare un po' le spese di investimento, alla faccia della tecnologia tedesca:-)
Cmq in questo periodo se qualcuno proponesse Delle vere alternative ibride a Toyota con potenze umane e prezzi da TDI potrebbe fare boom..


concordo. DS ha
- tolto originalità alle citroen
- creato modelli più costosi, che poi si sono trovati a scontare drammaticamente
- creato un brand inutile (che per altro sta morendo)
- richiesto extra investimenti marketing, comunicazione e rete vendita
ecc....

ennesimo flop di una corsa forzata al premium, che ha coinvolto parecchi negli ultimi anni, con risultati molto dubbi per la maggiorparte (Adam uber alles)

Credo però che con l'arrivo di C3 - C3 SUV ecc, si siano rimessi in carreggiata. Tornando a proporre prodotti piacevoli, fuori dagli schemi, citroen insomma.

di futuri sviluppi DS non si sente parlare, quindi penso relegheranno il marchio in Cina (se avrà successo) o lo cancelleranno a breve.
DS - per quello che mi riguarda - potrebbe tranquillamente diventare un allestimento di modelli citroen. Il "vignale" ford, insomma.


Ds farà anno prox il b SUV premiumm ds3 contro q2, inaugurando il nuovo pianale b, derivato dal c, di PSA...loro ci credono ancora eccome, ripeto.
Alla fine unica rincorsa al premiumm dei generalista ben riuscita a livello di numeri è quella di 500

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010


Top
   
MessaggioInviato: ven nov 10, 2017 12:13 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11119
Per adesso PSA ci crede ancora, entro il 2022 lanceranno altri 2 suv e 3 berline/hatchback. A parte la Ds3 sono state tutte dei mega flop anche la DS6x sviluppata esclusivamente per il mercato cinese che è impazzito per i suv.
Ovviamente non possono permettersi gli investimenti dei veri costruttori Premium ma per ora continuano a sviluppare modelli.

Nel caso della 500 non parliamo di vero e proprio premium, al limite di premium price rispetto alla Panda.


Top
   
MessaggioInviato: ven nov 10, 2017 12:34 pm 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4021
daimlerchrysler ha scritto:
Per adesso PSA ci crede ancora, entro il 2022 lanceranno altri 2 suv e 3 berline/hatchback. A parte la Ds3 sono state tutte dei mega flop anche la DS6x sviluppata esclusivamente per il mercato cinese che è impazzito per i suv.
Ovviamente non possono permettersi gli investimenti dei veri costruttori Premium ma per ora continuano a sviluppare modelli.

Nel caso della 500 non parliamo di vero e proprio premium, al limite di premium price rispetto alla Panda.


Se già ds avesse un premium price sarebbe un miracolo,non ha nemmeno quello:-), vedremo nella realtà quanto costerà in più della più piccola sorella 3008...
e cmq 500x non ha un premium price rispetto a panda:-)

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010


Top
   
MessaggioInviato: ven nov 10, 2017 1:24 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11119
Un minimo di premium price ( ma scontavano alla grande) lo facevano sulla DS3 per il resto un disastro completo.
Entro il 2018 saranno in commercio ben 5 C-suv di casa PSA: 3008,5008, Grandland X, C5 aircross e DS7X. Vedremo come andranno.


Top
   
MessaggioInviato: ven nov 10, 2017 1:47 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab set 16, 2006 2:41 pm
Messaggi: 21813
Località: London
sono d'accordo con stefano. Il filone è il premium/retro.
gli unici che sono riusciti a portare a casa un risultato, sviluppando una gamma credibile, sono Fiat (500) e BMW (mini)
gli altri ci hanno provato: vw (beetle), opel (adam), citroen (DS) con risultati ridicoli.

ora pare che la strategia sia, se non ha funzionato come premium, facciamo i SUV (visto che oltre a DS3 suv si parlava di stessa sorte per Adam - e a oggi pare sensato ipotizzare siano la stessa macchina con 2 carrozzerie diverse)

sul premium price
mini lo ha
500 lo aveva. Parzialmente lo ha ancora, anche se gli sconti sono in aumento perchè i modelli invecchiano (e sappiamo che fiat ha una incapacità cronica nel gestire i life cycle)

ma se paragoniamo agli altri non c'è storia.
VW si è arresa a non fare volumi con beetle
DS fa tagli prezzo ridocoli su tutta la gamma
Adam la vendono tanto al kg e nemmeno quello basta

quello che dicevo è che a oggi - con la nuova gamma C3 che torna (parzialmente) a essere citroen per davvero e la stessa cactus che migliora notevolmente, dubito ci sia uno spazio per DS.
Anche perchè non penso siano riusciti a costruire chissà che brand identity con i modelli che (non) hanno venduto. Non ho idea di come vadano le cose in Cina. In Europa - a parte un inizio decente per DS3 - il resto è da pianger la notte di natale.

_________________
non posso aspettar l'Ateca... :mrgreen:


Top
   
MessaggioInviato: ven nov 10, 2017 1:52 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar apr 08, 2008 1:42 pm
Messaggi: 8956
Località: Sardinia
billy079 ha scritto:
Adam la vendono tanto al kg e nemmeno quello basta


Basta guidarla per capire il motivo.

_________________
-- LE IENE PORTANO BENE --
- Renault New Laguna Sportour 4Control 2.0 dCi 150cv - 06/2010 -
- Suzuki GSR 600 K6 - 04/2006


Top
   
MessaggioInviato: ven nov 10, 2017 3:26 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11119
In Cina va peggio che in Europa per DS eppure hanno oltre alla gamma europea anche la DS6X e una DS4 berlina. Tavares e' tronfio come un tacchino quando parla della ristrutturazione di PSA ma si dimentica volentieri i disastri causati da lui in Cina.
In realtà il tentativo retrò a parte Mini e 500 o non ha funzionato da principio oppure ha avuto una fiammata iniziale (Beetle e PT Cruiser) per poi andare a morire.

A propos Diess ha detto che rivogliono fare la beetle su base elettrica. Poveri noi.
Per alcuni marchi è necessario tentare la via dei suv anche perché i consumatori sono disponibili a dare fiducia anche a brand non così famosi. Basta vedere il successo di Kia e di Hyundai o la rinascita di Nissan in Europa con la prima Qashqai.


Top
   
MessaggioInviato: ven nov 10, 2017 4:16 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab set 16, 2006 2:41 pm
Messaggi: 21813
Località: London
ho scoperto che ci sono i dati separati DS (pensavo fossero sotto Citroen per qualche motivo)

CHINA
2016 16.156 0,00%
2015 21.451 0,11%
2014 26.008 0,14%
2013 1.271 0,01%

EUROPE
2016 65.456 0,44%
2015 75.163 0,53%
2014 85.093 0,66%
2013 110.554 0,90%
2012 117.374 0,94%
2011 97.579 0,69%
2010 53.336 0,38%
2009 205 0,00%


il 2017 - occhio e croce - sta facendo un disastro da -50/60% almeno
Cina - YTD (sept) - 4.200 pezzi circa
Europa - YTD(sept) - 35.000 pezzi circa

confermo anche che in EU vendicchia ancora, pur essendo in crollo verticale. In Cina non è mai decollata proprio.
vendite mondo passiamo da virtuali 150.00 pezzi (somma dei migliori anni in ciascun paese) a forse 50.000 totali nel 2017 (proiezione 9 mesi su 12)

_________________
non posso aspettar l'Ateca... :mrgreen:


Top
   
MessaggioInviato: ven nov 10, 2017 5:53 pm 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4021
Ds3 aveva venduto benino in GB e mi pare anche in Germania.
Per il resto sono numeri che avrebbero fatto con una c4 più decente o una c5 restyling.

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010


Top
   
MessaggioInviato: lun nov 13, 2017 6:17 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven mar 26, 2010 11:16 am
Messaggi: 477
Località: Bordighera
Io non so dove voi vivete .., se in Cina non vanno bene le vendite ..., anche perche' gli suv gruppo Psa ne ha pochi su quel mercato .., comunque da qualche mese sono presenti col 4008 e credo 5008 ..., mentre Citroen , DS come sappiamo tutti non esistono....
Comunque non vi preoccupate arrivano anche i nuovi Suv DS7 , Citroen C5 Aircross sul mercato cinese ed europeo... :)

26/7/2017
Prosegue il momento d'oro per il Gruppo PSA, risanato dal Presidente Carlos Tavares con due piani strategici di successo. PSA ha infatti archiviato il primo semestre con un utile netto in crescita del 3,6% rispetto all'analogo periodo del 2016 a 1,26 miliardi di Euro e con un giro d'affari in aumento del 5% a 29,17 miliardi di Euro. Ma a soddisfare ancora di più il responsabile finanziario, Jean-Baptiste de Chatillon, è il miglioramento del margine operativo della divisione auto, passato dal 6,8% al 7,3%. Andamento positivo anche per i profitti operativi, +11,5% a 2,041 miliardi. Per l'intero esercizio 2017, il Gruppo si attende risultati solidi e prevede vendite in crescita per i mercati di Europa, Cina, Sud America e Russia.


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 179 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente 1 2 3 4 5 6 Prossimo

Tutti gli orari sono UTC+01:00


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Limited
Traduzione Italiana phpBBItalia.net