Questo forum utilizza dei Cookie per tenere traccia di alcune informazioni. Quali notifica visiva di una nuova risposta in un vostro topic, Notifica visiva di un nuovo argomento, e Mantenimento dello stato Online del Registrato. Collegandosi al forum o Registrandosi, si accettano queste condizioni.

Tutti gli orari sono UTC+01:00




Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 571 messaggi ]  Vai alla pagina 1 2 3 4 520 Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: gio set 19, 2013 3:37 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 10953
Volkswagen AG (VOW) dropped as much as 3.3 percent after Manager Magazin reported Europe’s largest automaker may miss profit goals as costs climb and growth slows.
VW, the biggest decliner today in the 14-member Eurostoxx autos and parts index, fell as much as 6.05 euros to 175 euros and was down 1.1 percent at 3:49 p.m. in Frankfurt. Trading volume was more than triple the three-month daily average.
Chief Financial Officer Hans Dieter Poetsch is concerned that the automaker won’t meet 2015 targets and is looking to cut costs by about 1,000 euros ($1,355) per vehicle, the German monthly magazine said today, without citing the source of the information. VW spokesman Michael Brendel wasn’t immediately available to comment on the report.
“The trends show VW heading for a difficult phase for the first time in years,” and the Manager Magazin report reinforces that, said Juergen Pieper, an analyst with Bankhaus Metzler in Frankfurt. The sales momentum in the past two months have become “clearly weaker.”
Volkswagen plans to invest 50.2 billion euros in its automotive division through 2015 to help it surpass General Motors Co. (GM) and Toyota Motor Corp. as the world’s biggest automaker by 2018. Chief Executive Officer Martin Winterkorn outlined plans to offer as many as 40 electric or hybrid models in the coming years to underscore its leadership ambitions.
The VW car brand, the manufacturer’s biggest unit by vehicle sales, is forecast to lift its operating profit margin to more than 6 percent of sales from 3.5 percent last year, according to a Sept. 9 presentation by Poetsch. Seat, which posted an operating loss of 156 million euros last year, has a target of profit margin of more than 5 percent. Skoda will have a margin of 6 percent to 8 percent, after posting 6.8 percent in 2012. The presentation didn’t give a timeframe for reaching the goals.


Manager magazin ha rilasciato alcune informazione interne di Vw che causeranno non pochi nervosismi a Wolfsburg.
Durante una riunione di manager il direttore finanziario Poetsch ha richiamato l' attenzione su un maggiore controllo dei costi.
Rispetto ai piani per il 2015 vw dovrà tagliare il target Ebit di ben 3 miliardi.
La causa principale risiede nella bassa redditività del marchio Vw , la golf ha un margine operativo del 5% rispetto alle attese di un 8% e ci sono problemi per la prossima Touran (4% rispetto al voluto 11%) e la prossima Tiguan ( 9% rispetto all' atteso 17%).
Il management vorrebbe concordare dei tagli ma il potentissimo sindacato ( da cui dipendono le carriere di molti a Wolfsburg) sta bloccando tutto, per adesso Winterkon e Poetsch stanno rivedendo solo alcuni investimenti ma a breve saranno necessari passi più incisivi.


Ultima modifica di daimlerchrysler il ven gen 12, 2018 10:18 pm, modificato 1 volta in totale.

Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar set 24, 2013 6:30 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 10953
FRANKFURT (Bloomberg) -- Volkswagen is stepping up efforts to reduce costs at its namesake passenger car brand to offset shrinking demand in its home region of Europe, where new-car sales are sliding to a 20-year low.

VW sees the need for further belt-tightening over the coming months at all levels, in all departments, in all regions and at all plants, the company said.

"We need solid earning power and a competitive cost position," Arno Antlitz, VW brand board member for accounting and controlling, told 18,000 employees at a meeting in Wolfsburg, according to a VW statement on Monday.

The brand's diversified regional presence is a competitive advantage and will be expanded further, he said. "We are able to invest record sums in our future projects in spite of the crisis," Antlitz said.

Volkswagen steered through the European car industry gloom better than most mass-market peers, mainly because of its large presence in China and profits from upscale brands such as Porsche and Audi.

First-half operating profit at the VW brand passenger car division, the manufacturer's biggest unit by vehicle sales, declined 34 percent from a year earlier to 1.49 billion euros ($2 billion).

Volkswagen's group sales slipped 1 percent in the EU and EFTA markets in the first eight months in a market dwon 8 percent, according to industry association ACEA data. VW brand sales fell by 4 percent.

VW last week rejected a report in Germany's Manager Magazin that it was at risk of missing its financial targets.

The publication cited company sources as saying that higher than expected costs for a new modular production architecture, known as MQB, were holding back profit margins.

Profitability targets

VW said earlier this month that it plans to boost profitability at its mass-market brands even with the timing of a rebound in its home region uncertain. It expects the loss-making Seat and the namesake VW badge to contribute more to the group's goals of becoming the world's largest automaker by 2018.

Higher profit margins are tied to expanding beyond Europe and sharing more technology between the brands to lower costs.

The VW car brand is forecast to lift its operating profit margin to more than 6 percent of sales from 3.5 percent last year, according to a Sept. 9 presentation by Chief Financial Officer Hans Dieter Poetsch.

Seat, which posted an operating loss of 156 million euros last year, has a target profit margin of more than 5 percent. Skoda will have a margin of 6 percent to 8 percent, after posting 6.8 percent in 2012. The presentation didn't set a date for when the targets would be achieved.


Quando la settimana scorsa manager magazin ha riportato indiscrezioni sulla necessità di tagliare i costi di Vw da Wolfsburg e' arrivata una pronta smentita.
I manager del gruppo non possono dire apertamente che ci sono dei problemi perché incorrerebbero nell' ira dell' Ig metall, ma segnali indiretti di conferma stanno arrivando.
All' assemblea degli operai di ieri il capo finanziario del marchio Vw dopo aver lodato i risultati degli operai ha avvisato che più che mai è necessario stringere la cinghia, il calo del mercato europeo sta avendo un effetto negativo sui conti.
In realtà il manager non ha detto che anche in Brasile, Usa e India le vendite non stanno andando secondo le previsioni e ciò pesa sulla redditività.
Nei prossimi mesi i passi saranno sempre felpati secondo la bizantina burocrazia di stampo piechiano ma qualche testa inizierà a saltare soprattutto fra i manager responsabili delle vendite.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer set 25, 2013 7:12 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 7:02 pm
Messaggi: 23134
Località: Ovunque ci sia una birra ghiacciata
Mio fratello ha ordinato una polo per la moglie a fine agosto, consegna prevista fine ottobre. Ieri gli hanno telefonato che l'auto è arrivata (mi sa che tutti sono nei guai con la sovraproduzione)


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer set 25, 2013 7:29 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: gio set 23, 2010 4:26 pm
Messaggi: 5402
é un periodo nero per tutti....basta vedere le pubblicità che girano, ora cercano di invogliare la gente con "paghi e dopo due anni decidi se tenerla o restituirla"...la crisi non guarda in faccia nessuno, neanche un colosso come Vw.

_________________
Dopo 3 anni di quadrilatero adesso passo all'integrale...


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: lun nov 18, 2013 6:56 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 10953
BERLIN (Reuters) - Volkswagen's (GER:VOW3) supervisory board should approve a five-year spending plan on Friday that aims to make the German carmaker the world's biggest while also trimming investment as revenues get tighter.

An official from the firm's workforce, which is represented on the 20-member body, told Reuters the supervisory board would meet at the Wolfsburg headquarters on November 22. VW declined comment on the official's remarks that the meeting would sign off on spending targets out to 2018.

VW has used resilient profits to boost investment during a European recession that plunged French and Italian peers into the red. Analysts now see it reversing that as markets revive.

With costs rising and a strong euro hurting export income, they expect VW to trim investment in capacity and projects not related to model development - though it may shield product-related spending from cuts as it tries to overtake Toyota <7203> and General Motors (NYS:GM) in numbers of vehicles sold.

"VW is burdened with steadily rising costs and slowing revenue," said Arndt Ellinghorst, head of automotive research at London-based International Strategy and Investment.

"They're well advised to step on the spending brakes."

Compared to European rivals Fiat (MIL:F) and PSA Peugeot Citroen (PAR:UG), Volkswagen has weathered the region's six-year slump well, thanks to luxury marques Porsche and Audi, which account for only 15 percent of its sales but contributed two thirds of its profits so far this year.

Some analysts note that research and development spending at Audi has lagged BMW (GER:BMW) and Daimler's (GER:DAI) Mercedes and argue that it should be improved.

Yet generating cash to fund global expansion is getting harder as it balances rising short-term costs with upgrades and additions to a fleet of some 300 models that ranges from budget Skodas and SEATs, through the VW Golf, Europe's best-selling car, to buses and trucks carrying the MAN and Scania badges.

Profits are under pressure from the costs of a new modular platform for 4 million cars and developing more fuel-efficient engines, and from discounts and a strong euro.

Adverse currency effects alone shaved 1.7 billion euros ($2.29 billion) off shrinking third-quarter sales, an amount equal to almost half the nine-months earnings at Audi.

Greater emphasis on cost discipline may coincide with one of VW's biggest-ever vehicle recalls affecting 2.6 million cars worldwide that are pulled back over a variety of problems, about a third in its biggest market, China.

U-TURN

Finance chief Hans Dieter Poetsch said on October 30 that he expects no quick respite from tightness in core European markets, though total car sales swung back to growth in September and October after hitting a 20-year first-half low.

Budget frugality will be a change from heavy investment.

Planned automotive spending at the group, which has 12 brands and 105 factories, almost doubled to 16.7 billion euros a year in a three-year programme set in 2012 from an annual 8.6 billion euros budgeted in 2009, according to VW data.

Steady investment helped consolidate its lead over Peugeot and Fiat, which were forced to slow down or even shelve entire vehicle programmes, technologies and platform makeovers.

But now, even with net cash of 16.7 billion euros in its accounts at the end of September and a goal of matching last year's record operating profit in 2013, VW is committed to belt-tightening.

"Our focus on costs, implementation of strategies to drive further process improvements and prioritisation of investments are the right answers to ensure that our competitive position continues to improve," Poetsch said on October 30 after the third-quarter earnings had been announced.

That has been broadly welcomed by industry analysts.

Referring to VW's purchases of MAN and Porsche over the past two years, Stefan Bratzel, head of the Center of Automotive Management near Cologne, said: "Latest acquisitions have pushed the size of the group to its limits.

"Slimming down processes is proof of good fiscal management."

There are no signs as yet that foreign operations may face restrictions, however. VW has kept pushing Chinese expansion, planning to open a total of 9 car and component plants between 2013 and 2015 to help double capacity in the world's biggest car market to over 4 million units a year by 2018.

Spending in the saturated German home market may suffer.

An ageing paint shop at VW's commercial-vehicle plant in Hanover could be axed in an austerity move that would cut daily output at the plant by a fifth to less than 900 vehicles, a labour official told Reuters on condition of anonymity.

The third-biggest of VW's 10 German factories is already facing job losses if Porsche goes ahead with a possible plan to concentrate production of SUVs in Leipzig.


Venerdì sarà il giorno più importante del 2013 per Wolfsburg, verranno decisi gli stanziamenti dal 2014 al 2018 per le divisioni del gruppo e l'aria che tira è pesante.
Vw rimarrà terza come vendite di auto nel 2013 ma come fatturato (200 miliardi di euro), profitti (12 miliardi), personale ( 570.000 dipendenti, neanche in Unione Sovietica), divisioni ( oltre 140 società indipendenti), investimenti (16,7 miliardi in 3 anni) è già molto avanti rispetto a Gm e Toyota.
La situazione economica è ancora molto robusta, non si può parlare di crisi per Vw ma le crepe stanno diventando parecchie ormai.

1) Man e Scania sono state strapagate ma non portano grandi profitti ancora
2) Il rilancio in Nord america si è bloccato, è a rischio il break even
3) In Brasile Renault-Nissan e Hyundai stanno esercitando un'enorme pressione facendo crollare i margini
4)In India Vw perde un sacco di soldi ed ha solo il 4% del mercato
5) L' europa ha una redditività in calo da anni.

Se i vari progetti di espansione non si realizzano i costi diventano insostenibili e i tedeschi devono correre ai ripari.
Tagli saranno inevitabili, una prima vittima potrebbe essere l'impianto di Hannover, fabbrica per i veicoli commerciali che produce parte delle Panamera.
Il sindacato resisterà ai tagli con tutta la gigantesca influenza che ha nel consiglio di supervisione.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar nov 19, 2013 8:25 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 7:02 pm
Messaggi: 23134
Località: Ovunque ci sia una birra ghiacciata
Se rallenta la Cina si sparano?

Quoto il discorso dei sindacati che faranno fuoco e fiamme contro le chiusure o le delocalizzazioni; quello che era un punto di forza del gruppo, il sindacato partecipe alla gestione ed al successo, e quindi tutto sommato "tranquillo", può diventare un serio motivo di debolezza.

Comunque, detto internos, di rogne come se piovesse sui modelli del gruppone (iniettori, testate, variatori di fase, dsg) 10 anni fa non se ne aveva sentore. Qualcosa a livello qualitativo è cambiato


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar nov 19, 2013 9:18 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 10953
cometa rossa ha scritto:
Se rallenta la Cina si sparano?

Quoto il discorso dei sindacati che faranno fuoco e fiamme contro le chiusure o le delocalizzazioni; quello che era un punto di forza del gruppo, il sindacato partecipe alla gestione ed al successo, e quindi tutto sommato "tranquillo", può diventare un serio motivo di debolezza.

Comunque, detto internos, di rogne come se piovesse sui modelli del gruppone (iniettori, testate, variatori di fase, dsg) 10 anni fa non se ne aveva sentore. Qualcosa a livello qualitativo è cambiato



Si' quest anno vw cresce globalmente solo grazie alla Cina e ogni anno le joint ventures cinesi portano 4 miliardi di euro in dote.
Audi, Porsche e le joint ventures cinesi portano più di 2/3 dei profitti del gruppo, se qualcosa non va in queste divisioni il gruppo non potrebbe finanziare tutti gli altri progetti di espansione.

L' Ig metall e' un sindacato cooperativo ma fa pagare a Vw un prezzo enorme.
Tutte le case automobilistiche del mondo producono solo il 15% dei propri componenti mentre Vw più del 45%.
Tutto ciò per mantenere elevato il livello occupazionale in Germania ma a scapito della competitività.
Gli operai tedeschi di vw sono quelli che guadagnano di più lavorando di meno, hanno il potere di veto su moltissime decisioni aziendali e ricevono il 10% dei profitti annuali come premio ( l' anno scorso ben 8.000 euro a testa).


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar nov 19, 2013 9:41 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar mar 25, 2008 11:15 am
Messaggi: 1042
Località: lombardia
forse sono cresciuti troppo velocemente e si sono fatti prendere dall'euforia puntando ai numeri e trascurando la qualità che era il loro punto di forza.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar nov 19, 2013 10:13 am 
Non connesso

Iscritto il: dom nov 21, 2010 8:25 pm
Messaggi: 9251
Località: Earth - Sol III
cometa rossa ha scritto:

Comunque, detto internos, di rogne come se piovesse sui modelli del gruppone (iniettori, testate, variatori di fase, dsg) 10 anni fa non se ne aveva sentore.


No, ma c'erano debimetri e finestrini elettrici.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar nov 19, 2013 11:22 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 7:02 pm
Messaggi: 23134
Località: Ovunque ci sia una birra ghiacciata
Tyreal_Reloaded ha scritto:
cometa rossa ha scritto:

Comunque, detto internos, di rogne come se piovesse sui modelli del gruppone (iniettori, testate, variatori di fase, dsg) 10 anni fa non se ne aveva sentore.


No, ma c'erano debimetri e finestrini elettrici.


Mi ero dimenticato dei finestrini!!!!!! :genuflex:


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer nov 20, 2013 1:24 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer lug 27, 2011 1:52 am
Messaggi: 6138
cometa rossa ha scritto:
Se rallenta la Cina si sparano?

Quoto il discorso dei sindacati che faranno fuoco e fiamme contro le chiusure o le delocalizzazioni; quello che era un punto di forza del gruppo, il sindacato partecipe alla gestione ed al successo, e quindi tutto sommato "tranquillo", può diventare un serio motivo di debolezza.

Comunque, detto internos, di rogne come se piovesse sui modelli del gruppone (iniettori, testate, variatori di fase, dsg) 10 anni fa non se ne aveva sentore. Qualcosa a livello qualitativo è cambiato


facciamo venti...dieci anni fa eravamo già in piena era 2.0 tdi e comunque già dal golf IV in avanti gli errori di progettazione si sono moltiplicati a tappeto. Dati alla mano, direi che l'era delle VW affidabili è finita tra il 90 e il 95.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer nov 20, 2013 8:22 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 7:02 pm
Messaggi: 23134
Località: Ovunque ci sia una birra ghiacciata
Zerstorer ha scritto:
cometa rossa ha scritto:
Se rallenta la Cina si sparano?

Quoto il discorso dei sindacati che faranno fuoco e fiamme contro le chiusure o le delocalizzazioni; quello che era un punto di forza del gruppo, il sindacato partecipe alla gestione ed al successo, e quindi tutto sommato "tranquillo", può diventare un serio motivo di debolezza.

Comunque, detto internos, di rogne come se piovesse sui modelli del gruppone (iniettori, testate, variatori di fase, dsg) 10 anni fa non se ne aveva sentore. Qualcosa a livello qualitativo è cambiato


facciamo venti...dieci anni fa eravamo già in piena era 2.0 tdi e comunque già dal golf IV in avanti gli errori di progettazione si sono moltiplicati a tappeto. Dati alla mano, direi che l'era delle VW affidabili è finita tra il 90 e il 95.


Eh, non pensavo fosse passato così tanto tempo. Ma è vero. Mi è venuto in mente che un amico poco dopo il 2000 comprò due maggiolini, e su entrambi dopo pochi anni le maniglie delle portiere ed altri particolari sembrava avessero la psoriasi, do come si spellavano alla grande


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven nov 22, 2013 6:19 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 10953
Volkswagen: investimenti per 84 mld euro nei prossimi 5 anni

Altri 18 mld andranno alle jv in Cina (Il Sole 24 Ore Radiocor) - Wolfsburg, 22 nov - Volkswagen non frena gli investimenti malgrado le difficolta' dell'economia. Nei prossimi cinque anni la casa di Wolfsburg intende infatti investire 84 miliardi di euro in nuovi prodotti, impianti e tecnologie. A questa cifra bisogna aggiungere piu' di 18 miliardi che saranno destinati nelle jv in Cina. "Continuiamo a investire molto in innovazione e tecnologia dando un forte impulso alla capacita' concorrenziale e di far fronte al futuro dell'impresa malgrado una congiuntura incerta", ha affermato il ceo Martin Winterkorn dopo il via libera al piano di investimenti da parte del consiglio di sorveglianza del gruppo tedesco. "Sono convinto: questo ci consentira' la spinta propulsiva necessaria sulla strada per raggiungere la leadership", ha aggiunto Winterkorn.
red-pal- (RADIOCOR) 22-11-13 13:09:40 (0259) 3 NNNN


Oggi il consiglio di supervisione di Vw ha concordato il piano quinquennale per il 2018: in 5 anni verranno investiti 102 miliardi :shock:

C' e' un taglio di quasi 5 miliardi rispetto al piano precedente, intanto vw ha dovuto rivedere al rialzo il target del capex che supererà il 6%, più del dovuto.
Diversi piani saranno tagliati. Seat, Skoda, Vw e vw veicoli commerciali saranno le più colpite.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mar lug 15, 2014 7:58 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 10953
FRANKFURT -- Volkswagen Group plans to cut costs at its namesake passenger cars brand by 5 billion euros ($6.8 billion) by 2017 and boost productivity as it seeks to lift sagging profitability.

Efficiency gains have failed to keep pace with rising r&d and labor costs, CEO Martin Winterkorn said in an internal presentation to company managers.

The VW brand, the carmaker's biggest division by revenue and deliveries, has profit margins lower than rivals because of fixed costs that VW said are high relative to Toyota.

The brand's 2013 profit margin was 2.9 percent, compared with auto division margins of 8.8 percent at Toyota and 9 percent at Hyundai Motor. The unit's operating margin dropped to 1.8 percent of sales in the first quarter from 2.4 percent a year ago. The company's target for the VW brand is a 6 percent margin.

VW's profitability gains are disappointing given its steady expansion, analysts say.

"Let's be honest: We have a lot of catching up to do with our core competitors," Winterkorn wrote in a letter to VW managers. "That is why we must now take action that is clear, effective and sometimes painful," he said, pointing out that r&d costs had surged 80 percent across the multi-brand group since 2010.

VW employs nearly 575,000 people, more than any other carmaker. Much of VW's production is in its home market of Germany, where workers secured a significant pay increase last year. The company has sought to offset its heavy wage bill by sharing parts and development costs among its portfolio of 12 brands.

High labor costs

Winterkorn said production of an additional variant of the VW Tiguan sport-utility vehicle was determined to be “not economically feasible” to produce in Germany and such setbacks need to be addressed. "Our shared task is to create the ability to profitably produce these vehicles here in Germany."

Auto workers in VW’s home country cost 48.40 euros per hour last year, the highest in the world, according to data from Berlin-based auto-industry group VDA. That compares with 25.63 euros in the U.S. and 29.96 euros in Japan.

VW’s top labor representative said he supports the push to lift earnings and demanded that benefits determined in collective bargaining agreements remain untouched by cutbacks.

"Regarding productivity, the board and the management have to finally do their job,” Bernd Osterloh, head of VW’s workers council, said in an internal newsletter to employees obtained by Bloomberg News. “It’s right that Winterkorn finally makes it clear that management has to fix its own mistakes."

Osterloh and other labor representatives account for half of VW’s supervisory board seats and have veto rights on important company decisions.

VW toned down its 2014 profit outlook in February, saying core profit may only improve if economic conditions, especially in Europe where VW sells about 40 percent of its vehicles, improve more than expected.

To boost efficiency across its 310-model empire, Europe's biggest automotive group is reviewing its strategy. A post-2018 plan dubbed "Future Tracks" will set out priorities on technology and model policy and may be outlined later this year.

"VW's and Audi's product momentum remains tough for 2015," said Arndt Ellinghorst, London-based analyst at investment researchers ISI Group. "We see a real chance that margins keep slipping."

Non-profitable models

Winterkorn said VW brand may decide to stop making non-profitable models, citing convertible cars. Other steps may include lowering purchasing expenses, reducing complexity, cutting factory expenses and improving sales channels.

While VW plans to intensify efforts in areas poised to shape future mobility like connected vehicles and electric cars, it intends to outsource production of components that can be produced more profitably by suppliers.

"This is not about cosmetic change," Winterkorn said. “This is about asking fundamental questions.”

VW brand accounted for over a third of the group's 47.8 billion euros in first-quarter revenue but only about 15 percent of operating profit. VW brand's global sales rose 4 percent to 3.07 million in the first half.

Separately, VW declined comment on a report by Germany's Manager Magazin published on Tuesday saying that Winterkorn had agreed with leaders of the supervisory board to extend his contract by two years until 2018.


I boatos si rincorrevano da tempo e il management ha dovuto uscire allo scoperto: Winterkorn ha ammesso che c'è un urgente bisogno di tagliare i costi a Wolfsburg. Ben 5 miliardi di euro l'anno dovranno essere tolti dalle spese del marchio principale. D'altronde il target di redditività per Vw e' del 6% per il 2018, nel primo trimestre 2014 nonostante la nuova golf e il pianale Mqb non arrivava al 2%.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer lug 16, 2014 7:06 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 7:02 pm
Messaggi: 23134
Località: Ovunque ci sia una birra ghiacciata
Appunto, l'Mqb non doveva servire ad abbattere i costi? Altri 5 miliardi da dove li limano? Già hanno avuto i loro casino con dsg a 7 marce, tsi con catene e variatori di fase e cilindri che grippavano, se tagliano ancora sui costi di sviluppo tanto bene non vanno; spostare la produzione fuori Germania non possono, e quindi i costi di produzione non possono abbatterli, hanno già razionalizzato il razionalizzabile su logistica e cose simili....resta la qualità dei componenti su cui tagliare :terrore:


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer lug 16, 2014 10:12 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 10953
cometa rossa ha scritto:
Appunto, l'Mqb non doveva servire ad abbattere i costi? Altri 5 miliardi da dove li limano? Già hanno avuto i loro casino con dsg a 7 marce, tsi con catene e variatori di fase e cilindri che grippavano, se tagliano ancora sui costi di sviluppo tanto bene non vanno; spostare la produzione fuori Germania non possono, e quindi i costi di produzione non possono abbatterli, hanno già razionalizzato il razionalizzabile su logistica e cose simili....resta la qualità dei componenti su cui tagliare :terrore:



Ce ne sarebbe da tagliare, eccome.
L' MQB porterà ad una riduzione dei costi ma quando almeno 2 milioni di modelli verranno prodotti su quella base, dovrebbe avvenire nel 2015.
Vw produce ancora da se' il 45% dei componenti delle proprie auto, tutti i concorrenti al massimo il 20%. Vw mantiene ancora un inutile 20% di Suzuki (vale quasi 2 miliardi) e la divisione motori marini e centrali elettriche di Man (valore 3 miliardi). Cosa c'entrano con la strategia attuale?
Il sindacato ha un potere sproporzionato, con l'appoggio del management (che aveva bisogno di loro per contrastare Porsche ) e' riuscito a riassorbire tutti i tagli del 2006.
Ma e' possibile che un operaio Vw guadagni più di un ingegnere neo assunto alla Daimler o alla BMW?
Spazio per ridurre i costi ne hanno, hanno praterie.
Il problema e' che andrebbero a toccare interessi dei loro principali alleati e potrebbero crollare da un momento all'altro.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer lug 16, 2014 12:41 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun mar 13, 2006 11:56 pm
Messaggi: 11840
Possono anche scegliere di aumentare i prezzi delle auto per aumentare la redditivitàl :natale3


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio lug 17, 2014 9:00 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 10953
Altro aspetto : Vw ha 600.000 dipendenti contro meno di 300.000 di Gm e Toyota pur producendo lo stesso numero di veicoli.
Per capire gli sprechi Vw ha in pancia un'azienda che produce Wurst per le feste comandate nelle mense aziendali e ben 6 fonderie, solo ai tempi di Henry Ford le case automobilistiche avevano fonderie in proprio.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio lug 17, 2014 9:15 am 
Non connesso

Iscritto il: dom nov 21, 2010 8:25 pm
Messaggi: 9251
Località: Earth - Sol III
E' probabile che l'azienda che produce Wurst per la mensa aziendale sia quella che genera più attivo di tutto il gruppo VW... La storia delle fonderie me la ricordo: era legata ad accordi sindacali per la produzione dell'acciaio, se non sbaglio.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio lug 17, 2014 9:25 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 10953
Si' ma secondo te e' meglio produrre l'acciaio in Bassa Sassonia con il costo lavorativo più alto al mondo o importarla dall' India ad un decimo del costo?
Altro aspetto quantomeno singolare: Daimler e BMW nei periodi di grande richiesta dei loro modelli assumono i Leiharbeitern (tipo contratti a tempo), Vw dopo 6 mesi di lavoro e' costretta ad assumerli in modo permanente, solo a Wolfsburg potrebbe licenziare 5.000 operai ed avere lo stesso livello produttivo.
Io prevedo un gran volare di stracci tra management e sindacati.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio lug 17, 2014 1:18 pm 
Non connesso

Iscritto il: dom nov 21, 2010 8:25 pm
Messaggi: 9251
Località: Earth - Sol III
India, decisamente: se la ArcelorMittal è leader mondiale nella produzione dell'acciaio, un motivo ci sarà.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio lug 17, 2014 2:23 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven giu 15, 2012 3:25 pm
Messaggi: 1160
daimlerchrysler ha scritto:
Altro aspetto : Vw ha 600.000 dipendenti contro meno di 300.000 di Gm e Toyota pur producendo lo stesso numero di veicoli.
Per capire gli sprechi Vw ha in pancia un'azienda che produce Wurst per le feste comandate nelle mense aziendali e ben 6 fonderie, solo ai tempi di Henry Ford le case automobilistiche avevano fonderie in proprio.

Somiglia un po alla Fiat quando aveva il settore ferroviario ed altre attività non legate all'auto.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio lug 17, 2014 2:33 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 10953
Questo e' un concetto a lungo dibattuto e non c'è una risposta definitiva, ogni gruppo ha la sua strategia.
Nel caso specifico di Vw volevo indicare che c'è un enorme spazio per il taglio dei costi ma questo non viene sfruttato perché ci sono degli equilibri politici e aziendali molto complessi.
Sono poche le aziende al mondo dove i sindacati hanno un ruolo così pesante ed intrusivo.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven ago 01, 2014 8:44 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 10953
Volkswagen AG (VOW), Europe’s biggest carmaker, said Michael Macht is stepping down as its head of production amid the manufacturer’s effort to increase profitability at its namesake brand.

Macht, 53, is leaving the management-board post immediately on mutual agreement, and will be succeeded on an interim basis by Thomas Ulbrich, who runs carmaking at the VW nameplate, Wolfsburg, Germany-based Volkswagen said in a statement today. Macht took the position four years ago after working since 1990 for Porsche AG, the Stuttgart, Germany-based sports-car producer that has been part of the group since 2009.

“Michael Macht has taken the Volkswagen production system further forward,” Chief Executive Officer Martin Winterkorn said in the statement. “We would like to thank him for his achievements.”

Winterkorn laid out plans last month to cut costs by 5 billion euros ($6.7 billion) through 2017 at the Volkswagen brand to catch up with the competition. Second-quarter earnings before interest and taxes fell 3.1 percent, dragged down by a 37 percent plunge at the namesake brand. The CEO is shifting focus to profitability after emphasizing growth in deliveries in his strategy to outpace Toyota Motor Corp. (7203) as the world’s biggest carmaker by sales.


Secondo le fonti giornalistiche tedesche Vw sembra una nave gigante di legno che scricchiola sempre di più', non passa giorno che ci siano scontri verbali tra i manager e i sindacati, vari manager iniziano a togliere il disturbo e oggi e' stato annunciata la fuoriuscita di Michael Macht, capo della produzione di tutto il gruppo.
Der Spiegel ha svelato che i continui turni aggiuntivi nelle fabbriche tedesche non sono dovute ad un forte aumento delle vendite bensì al fatto che il pianale mqb e' diventato così complesso che sono richieste ben 40 ore per produrre una Golf rispetto alle 20 della generazione del 2008. Capita spessissimo che le auto debbano ritornare indietro nella catena di produzione per rivedere il lavoro dei robot, costati miliardi di euro e che non funzionano. Stranamente le A3 e le Octavia non stanno affatto presentando gli stessi problemi produttivi e tra l'altro questi problemi si presentarono ad inizio anni 2000 e chi era capo dello sviluppo del gruppo Vw? Martin Winterkorn adesso ceo.
I conti del secondo trimestre sono stati migliori delle aspettative ma solo grazie agli ottimi risultati di Audi, Porsche e Skoda mentre il marchio Vw ormai guadagna pochissimo.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab ago 02, 2014 4:32 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom feb 18, 2007 11:08 pm
Messaggi: 13600
Località: Bologna
daimlerchrysler ha scritto:
Secondo le fonti giornalistiche tedesche Vw sembra una nave gigante di legno che scricchiola sempre di più', non passa giorno che ci siano scontri verbali tra i manager e i sindacati, vari manager iniziano a togliere il disturbo e oggi e' stato annunciata la fuoriuscita di Michael Macht, capo della produzione di tutto il gruppo.
Der Spiegel ha svelato che i continui turni aggiuntivi nelle fabbriche tedesche non sono dovute ad un forte aumento delle vendite bensì al fatto che il pianale mqb e' diventato così complesso che sono richieste ben 40 ore per produrre una Golf rispetto alle 20 della generazione del 2008. Capita spessissimo che le auto debbano ritornare indietro nella catena di produzione per rivedere il lavoro dei robot, costati miliardi di euro e che non funzionano. Stranamente le A3 e le Octavia non stanno affatto presentando gli stessi problemi produttivi e tra l'altro questi problemi si presentarono ad inizio anni 2000 e chi era capo dello sviluppo del gruppo Vw? Martin Winterkorn adesso ceo.
I conti del secondo trimestre sono stati migliori delle aspettative ma solo grazie agli ottimi risultati di Audi, Porsche e Skoda mentre il marchio Vw ormai guadagna pochissimo.

Posso dire che le cose non mi tornano?

_________________
Fede

"Il capezzolo è la ciliegina sulla tetta.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab ago 02, 2014 5:17 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 10953
Queste sono le indiscrezioni di stampa, e' ovvio che Vw non le confermerà mai direttamente, ma il licenziamento in tronco di Macht ( non un manager qualsiasi ma il capo della produzione di tutto il gruppo) e' un fortissimo indizio che le cose vanno male.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab ago 02, 2014 5:41 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun mar 13, 2006 11:56 pm
Messaggi: 11840
modus72 ha scritto:
daimlerchrysler ha scritto:
Secondo le fonti giornalistiche tedesche Vw sembra una nave gigante di legno che scricchiola sempre di più', non passa giorno che ci siano scontri verbali tra i manager e i sindacati, vari manager iniziano a togliere il disturbo e oggi e' stato annunciata la fuoriuscita di Michael Macht, capo della produzione di tutto il gruppo.
Der Spiegel ha svelato che i continui turni aggiuntivi nelle fabbriche tedesche non sono dovute ad un forte aumento delle vendite bensì al fatto che il pianale mqb e' diventato così complesso che sono richieste ben 40 ore per produrre una Golf rispetto alle 20 della generazione del 2008. Capita spessissimo che le auto debbano ritornare indietro nella catena di produzione per rivedere il lavoro dei robot, costati miliardi di euro e che non funzionano. Stranamente le A3 e le Octavia non stanno affatto presentando gli stessi problemi produttivi e tra l'altro questi problemi si presentarono ad inizio anni 2000 e chi era capo dello sviluppo del gruppo Vw? Martin Winterkorn adesso ceo.
I conti del secondo trimestre sono stati migliori delle aspettative ma solo grazie agli ottimi risultati di Audi, Porsche e Skoda mentre il marchio Vw ormai guadagna pochissimo.

Posso dire che le cose non mi tornano?

O è un problema di produzione (possibilissimo)...
Certo che questo tanto millantato pianale modulare si sta rivelando un mezzo pacco. Proposto come più leggero è risultato pesante come il precedente (quantomeno l'auto nel complesso), ora si scopre molto complesso e infine non economico?


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab ago 02, 2014 5:57 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom feb 18, 2007 11:08 pm
Messaggi: 13600
Località: Bologna
daimlerchrysler ha scritto:
Queste sono le indiscrezioni di stampa, e' ovvio che Vw non le confermerà mai direttamente, ma il licenziamento in tronco di Macht ( non un manager qualsiasi ma il capo della produzione di tutto il gruppo) e' un fortissimo indizio che le cose vanno male.

Ok, ma mi domando come mai A3 ed Octavia non soffrano... Problemi in stabilimenti localizzati? Magari dati dalla manovalanza come a Mirafiori negli anni che furono?

_________________
Fede



"Il capezzolo è la ciliegina sulla tetta.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab ago 02, 2014 6:30 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 10953
modus72 ha scritto:
daimlerchrysler ha scritto:
Queste sono le indiscrezioni di stampa, e' ovvio che Vw non le confermerà mai direttamente, ma il licenziamento in tronco di Macht ( non un manager qualsiasi ma il capo della produzione di tutto il gruppo) e' un fortissimo indizio che le cose vanno male.

Ok, ma mi domando come mai A3 ed Octavia non soffrano... Problemi in stabilimenti localizzati? Magari dati dalla manovalanza come a Mirafiori negli anni che furono?



Innanzitutto gli impianti del marchio Vw nell'ex Germania occidentale sono poco produttivi, le pause sono più lunghe, c'è più manodopera e i capi del sindacato di tutto il gruppo Vw sono in primo luogo eletti dagli operai di Wolfsburg. In tal modo riescono a avvantaggiare le loro fabbriche di provenienza a scapito delle altre, soprattutto quelle estere.
La vecchia golf sw veniva prodotta in Messico con margini dell'8%, nel 2010 decisero di spostare la produzione della golf per il Nord America in Messico e in cambio Wolfsburg ricevette il contratto per la Golf variant. Chiaramente adesso il margine non arriva al 4%.
Audi e Skoda sono molto meno sprecone di Vw e soprattutto testano più a lungo i macchinari, l' Octavia e la stessa A3 non hanno avuto nessun problema di montaggio e sono redditizie.
Altro aspetto paradossale: Vw e' dominata da personalità molto interessate alla tecnica e al continuo miglioramento del prodotto ma se continui a modificarlo dopo il cosiddetto freeze time ( 2 anni circa prima del debutto su strada) complichi non poco la vita della catena di montaggio. La golf sportsvan e' stata rivista ben 5 volte con aumento di costi, ritardo di commercializzazione e problemi alla catena di montaggio.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mer ott 08, 2014 3:30 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 10953
Europe » Audi
Audi seeks to reduce annual costs by 2 billion euros, report says
0 Comments Print Reprints Respond


Related Topics
Earnings
New Products
Audi
Martin Winterkorn
Spending
Rupert Stadler
Cost Cutting
October 8, 2014 14:45 CET
FRANKFURT (Bloomberg) -- Audi wants to rein in costs by about 2 billion euros ($2.5 billion) a year to offset surging spending on new technology, according to people familiar with the matter.

The automaker will seek to limit expenditure growth in areas such as development, purchasing and manufacturing to safeguard profit margins, said the people, who asked not to be identified as details of the initiative are confidential.

Audi CEO Rupert Stadler outlined "a fitness program" in a July letter to employees, saying the company must brace for the increasing cost of developing electric vehicles, self-driving and communications features and new plants.

Julio Schuback, an Audi spokesman, referred to Stadler's recent statements and declined to comment further.

Audi, the biggest earnings contributor at parent company Volkswagen Group, is introducing 17 new or revamped models in 2014, and has revived development of an electric version of the R8 sports car to advance its goal of surpassing premium-market leader BMW Group in brand sales.

Audi has a 22 billion euro investment budget for the next five years, with 70 percent of the spending going toward new products and technology. Most of the rest is allocated to expanding manufacturing capacity, including new plants in Brazil and Mexico.

Chasing BMW

BMW retained the top spot in global premium-car sales for the ninth straight year in 2013 with sales of 1.66 million core-brand vehicles, while Audi sold 1.58 million and No. 3 Mercedes-Benz sold 1.46 million cars and SUVs. Both Audi and Mercedes have vowed to overtake BMW in sales by the end of the decade. All three carmakers expect demand to rise further in 2014, fueled by growth in China and North America.

Audi plans to sell more than 1.7 million cars this year for the first time, helped by models including the compact A3 sedan and a revamped version of the TT sports car.

Targets this year also include a revenue increase and maintaining operating profit within a long-term corridor of 8 percent to 10 percent of sales. The six-month margin was at the top end of the range at 10 percent. Stadler reiterated the target corridor last week at a Paris auto show press briefing.

Audi's investment plan is unchanged and efficiency gains may allow the company to develop "one or two additional derivatives" of existing models from the earmarked budget, he said.

Audi is also a key part of Volkswagen Group's strategy to take the global auto industry's top sales spot from Toyota by 2018. After years of emphasizing delivery growth, the German group has been shifting focus to profitability. At the VW car brand, the manufacturer's biggest unit by volume, CEO Martin Winterkorn has a set out a program to boost productivity and save costs by 5 billion euros by 2017.

Nell'ambito del gruppo Vw non c'è dubbio che il marchio Vw abbia bisogno di un significativo taglio dei costi, molto più di altri marchi, però i gran capi del gruppo sono allo stesso tempo molto spesso anche capi del marchio Vw e il sindacato Ig metall non vuole assolutamente rinunciare ai folli privilegi che ha, nonostante le condizioni attuali non lo permettano.
Fino ad adesso non si conoscono i dettagli del piano di ristrutturazione, e' trapelato che anche le divisioni che vanno bene dovranno affrontare sacrifici.
Audi dovrà tagliare i propri costi di almeno 2 miliardi di euro l'anno per compensare i costi aggiuntivi per le nuove tecnologie mentre Porsche sta pianificando tagli per 750 milioni di euro.


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 571 messaggi ]  Vai alla pagina 1 2 3 4 520 Prossimo

Tutti gli orari sono UTC+01:00


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Limited
Traduzione Italiana phpBBItalia.net