Questo forum utilizza dei Cookie per tenere traccia di alcune informazioni. Quali notifica visiva di una nuova risposta in un vostro topic, Notifica visiva di un nuovo argomento, e Mantenimento dello stato Online del Registrato. Collegandosi al forum o Registrandosi, si accettano queste condizioni.

Tutti gli orari sono UTC+01:00




Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 628 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente 113 14 15 16 1721 Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: ven apr 21, 2017 8:00 am 
Non connesso
ADMIN
Avatar utente

Iscritto il: mar set 26, 2006 4:08 pm
Messaggi: 14252
Località: Monza
arriva al 5 cilindri in linea della RS3.. più che altro il 6 cilindri lo possono mettere trasversale? o possono mettere un longitudinale sull'MQB?

Mi sa tanto che la RS4 non sarà più come la conosciamo adesso.. e se tanto mi dà tanto, pure la trazione quattro sarà quella più "povera".

Boh.. mi pare una boiata, ma se riescono a vendere con gli stessi prezzi qualcosa di meno raffinato tecnicamente, bravi loro. (sempre che sia vero!)

_________________
"Scusi, ma lei ha preso la patente di guida veloce?"


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


MessaggioInviato: ven apr 21, 2017 8:09 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 7:02 pm
Messaggi: 23576
Località: Ovunque ci sia una birra ghiacciata
Il 6 cilindri in passato è stato montato anche su golf; se è ancora il V6, come architettura, ci sta tranquillamente anche nel cofano più largo di un'A4, quindi questo problema non si pone. Tutti gli altri, se la notizia fosse vera, rimangono; dato ciò che dice DC, ovvero che del pianale attuale ne vengono prodotti 2 milioni di pezzi, cifra abbondantemente sufficiente, le motivazioni per passare al pianale modulare famiglia golf, può significare solo due cose: o che si vuol risparmiare ulteriormente, vuoi perchè i conti traballano o per fare più soldi di quanti se ne fanno già adesso non lo so; oppure che l'MQB si sta rivelando un bagno di sangue e servono altri modelli per ammortizzarne i costi di sviluppo


Top
   
MessaggioInviato: ven apr 21, 2017 8:10 am 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4027
ste79 ha scritto:
arriva al 5 cilindri in linea della RS3.. più che altro il 6 cilindri lo possono mettere trasversale? o possono mettere un longitudinale sull'MQB?

Mi sa tanto che la RS4 non sarà più come la conosciamo adesso.. e se tanto mi dà tanto, pure la trazione quattro sarà quella più "povera".

Boh.. mi pare una boiata, ma se riescono a vendere con gli stessi prezzi qualcosa di meno raffinato tecnicamente, bravi loro. (sempre che sia vero!)


Già ora la quattro l'anno resa semipermanente sulle ultra, penso che se 80% di chi aveva sr1 non sapeva fosse tp, il 98% di chi ha a4 non si scandalizzerebbe di avere sottouna "golf", in più qui non si hanno nemmeno i "problemi" estetici di passaggio da tp a ta...

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010


Top
   
MessaggioInviato: ven apr 21, 2017 8:20 am 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4027
cometa rossa ha scritto:
Il 6 cilindri in passato è stato montato anche su golf; se è ancora il V6, come architettura, ci sta tranquillamente anche nel cofano più largo di un'A4, quindi questo problema non si pone. Tutti gli altri, se la notizia fosse vera, rimangono; dato ciò che dice DC, ovvero che del pianale attuale ne vengono prodotti 2 milioni di pezzi, cifra abbondantemente sufficiente, le motivazioni per passare al pianale modulare famiglia golf, può significare solo due cose: o che si vuol risparmiare ulteriormente, vuoi perchè i conti traballano o per fare più soldi di quanti se ne fanno già adesso non lo so; oppure che l'MQB si sta rivelando un bagno di sangue e servono altri modelli per ammortizzarne i costi di sviluppo

Tagliare un pianale...vuol dire un bel risparmio di costi...penso non ci vogliano molte altre spiegazioni, poi per come è "impostata" a4 meglio farla sul ta che su un eventuale tp...per sr3 il discorso sarebbe diverso

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


MessaggioInviato: dom apr 30, 2017 6:15 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11121
Volkswagen Group's once-ailing Spanish brand, Seat, cured itself last year of a chronic problem -- losing money. This happened thanks in part to its successful entry into one of the hottest segments in Europe. Now it is counting on an even heavier dosage of SUVs -- two more launches in the next two years -- to become a reliable profit machine after 11 consecutive years of financial losses put the brand’s future in doubt.

Seat CEO Luca de Meo is feeling bullish about his SUV-driven strategy because of strong demand for the automaker's first-ever crossover, the Ateca, which in less than six months of availability last year accounted for about 25,000 of Seat's nearly 410,000 overall sales. The Ateca also finished 2016 as Europe's 14th ranked compact SUV/crossover, playing a key role in the overall segment's 21 percent increase in sales to 1.44 million.


Seat’s midsize SUV will take styling cues from the 20V20 concept unveiled at the 2015 Geneva auto show.

The Ateca will be joined by the Arona subcompact SUV this year followed by a midsize crossover due in 2018. Growing to three SUVs from zero will expand Seat's coverage of the European market to 72 percent from 53 percent, de Meo told Automotive News Europe. De Meo wants SUVs to account for 30 percent to 35 percent of Seat's global sales, up from 5 percent last year, because he knows it will help Seat maintain its financial well-being.

Subcompact SUVs such as the Arona have a transaction price that is 15 percent higher than same-sized hatchbacks, figures from market researcher JATO Dynamics show. Industry sources say that about 4 to 6 percentage points of this premium translates into higher profits for automakers. In the compact segment, the additional margin ranges from 8 to 10 percentage points. Some of this comes from strong customer demand for models with higher specifications, something that Seat is already seeing. "Over 36 percent of the Ateca sales are with 4wd," de Meo said.

Because of the Ateca's arrival, efficiency improvements and a rebound of its core southern European markets, Seat overcame its heavy reliance on low-margin small cars -- 42 percent of its total volume last year was from minicars and subcompacts -- to report a 143.5 million euro operating profit.

Revenue rose 3.2 percent to a record 8.6 billion euros and Seat had an operating margin of 1.7 percent. By comparison, the VW brand's margin was 1.8 percent last year.

Perfect timing

Seat's financial turnaround, which happened less than 2 years after de Meo's arrival, came at a crucial time. When VW Group moved the Italian executive from head of sales at Audi to the top job at Seat in September 2015, the parent company was facing the biggest business crisis in its history. With massive legal bills and costly fines looming because of VW Group's admitted cheating on emissions tests, several experts suggested that struggling Seat should be closed. That way a potentially cash-strapped VW Group could focus on its more profitable Czech subsidiary, Skoda. Although Seat's return to profit has reduced speculation about the brand's future, there are still some who believe VW Group would be better off without the automaker.

"The short-term pain of terminating the Seat brand would probably end up helping the group's focus, pricing and profitability in the long run," said Max Warburton, an auto analyst at Bernstein in London. "The brand means almost nothing to consumers. Building it into something truly profitable and viable is not totally impossible -- it's just going to cost huge amounts of time, money and other resources. Resources that could be used better elsewhere in the VW Group." Arndt Ellinghorst, an auto analyst at Evercore ISI in London, has a different view. "Keeping Seat was the right decision," he said, adding that "closing down Seat is too expensive in any case."

Strong support

The mixed opinions from analysts don't worry de Meo. He says he has the full support of the VW Group because design-driven, connectivity-oriented Seat has the youngest average customer age of any brand in Europe -- about 43 years old -- and 70 percent of its sales are conquests. "We must play on these strengths to better differentiate Seat within the group and to become a gateway for the group's other brands," de Meo said.

De Meo is also confident about Seat's future because the Ibiza subcompact will be the first car to use VW Group's new MQB-A0 platform and his team will engineer and manufacture Audi's Audi A1 replacement in Spain. "Seat is extremely efficient with its r&d budget. Not only because we have never had so many new projects going on at once, but also because I continually get calls from other VW Group companies asking us to engineer vehicles for them. We are recognized for being quick and highly cost effective," de Meo said.



Skoda complex

Despite de Meo's sense of security, Seat remains in Skoda's shadow. VW bought Skoda in 1991 and Seat in 1986 and three decades later VW Group's two entry brands deliver very different results. Skoda last year sold nearly twice as many vehicles as Seat. The Czech brand's operating margin was almost 10 times higher (1.2 billion euros) and its 8.7 percent operating margin even topped VW Group premium brand Audi. Even de Meo's stretch target for Seat is about half what Skoda produced last year.

A key reason for de Meo's modest long-term operating margin goal of 1.5 percent to 4.4 percent is Seat's limited reach. Last year, Seat counted on Europe for 94 percent of its vehicle sales. Skoda, meanwhile, recorded more than 30 percent of its sales in Asia-Pacific. "Skoda began to internationalize when Seat was still struggling to recover financially. On top of this, I think – and the VW Group board agrees – that it would be wrong if all brands play in the same field," de Meo said. To help make Seat more international it has been picked to lead the VW Group's in Algeria, starting with the new Ibiza in the second half of the year.

Bernstein’s Warburton thinks that Seat's 4.5 percent margin target is realistic if car prices in Europe remain strong and mass market automakers continue to make money in the region. Evercore ISI's Ellinghorst also believes Seat can reach its goal, but for that to happen he said the brand will need to be given more freedom to stand on its own. "Too often, Seat has been the training ground for VW's German management bench," he said.

Key model

De Meo knows that achieving his margin target depends on the success of his growing family of SUVs, especially the biggest member of the family, which the executive has been pushing for since he arrived at Seat. "I was convinced that to move Seat to the next level a midsize SUV would be much more profitable than a midsize sedan," de Meo said. "When we made our pitch to get the model our proposal was like something you would see from an ad agency. Our message was: 'You cannot prevent us from doing this because it is just too good'."

The midsize SUV, the first new Seat model fully conceived under de Meo's watch, will be built at VW brand's main plant in Wolfsburg. It's a move that Evercore ISI's Ellinghorst fears might be more about filling capacity at VW brand's main plant than it is about boosting Seat's profits. Nevertheless, it wasn't that long ago that the idea of VW making a model for once-sickly Seat in Wolfsburg would have been considered preposterous. Not anymore.



Automotive news fa il punto della situazione del marchio Seat, il cui destino è sempre rimasto in bilico.
Dentro il gruppo Vw il management da inizio anni 2000 è sempre stato incline alla chiusura, Skoda va benissimo e può senza problemi occupare i segmenti coperti dal marchio catalano, la salvezza di Seat è dovuta ai sindacati tedeschi che non volevano avere sulla coscienza 25.000 licenziamenti.
Adesso le prospettive sono un minimo più rosee, Seat è in attivo da 2 anni e grazie all'offensiva nei suv ( 3 modelli in 3 anni) dovrebbe rimanere in utile.
Anche nella migliore delle ipotesi il marchio spagnolo riuscirebbe a guadagnare solo il 25% dei profitti di Skoda, nell'ambito della riorganizzazione del gruppo ( di cui Ducati sembra essere la prima vittima) l'argomento potrebbe ritornare in auge.
Le famiglie Porsche-Piech stanno spingendo per tagli più duri ad esempio potrebbero essere cedute Man Turbo&Diesel, Renk, Lamborghini, Porsche Holding Salzburg ( una rete di concessionari), fabbriche di componenti, la Karmann; i sindacati e la Bassa Sassonia sono nettamente contrarie e senza la forza accentratrice di Piech le famiglie hanno molta difficoltà ad imporre la loro visione, pur avendo il 53% delle azioni dell'azienda.


Top
   
MessaggioInviato: dom apr 30, 2017 7:49 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven mag 26, 2006 12:04 pm
Messaggi: 2745
Località: Bra (CN)
Ciao DC
Perché Ducati prima vittima?
Devo chiamarli settimana prossima.
Sigh

_________________
Guido una bella A6 SW TDI Grigio Floret. Veloce Comoda Bella Anonima
Guidavo una anonima e puzzolente 320d Touring MSport...
Guidavo una splendida Range Rover Evoque... Si, si girano tutti al semaforo...
Guidavo una fantastica A5 Sportback S-Line, 2.0 TDI 170cv...


Top
   
MessaggioInviato: dom apr 30, 2017 8:22 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11121
Secondo diverse fonti tedesche entro fine estate verra´ceduta, in testa ci sarebbero acquirenti asiatici. Vw deve fare ordine in casa, dopo la Botta del dieselgate i giocattoli perseguiti da Piech e Winterkorn non sono piu´accettabili.


Top
   
MessaggioInviato: mar mag 02, 2017 8:28 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven mag 26, 2006 12:04 pm
Messaggi: 2745
Località: Bra (CN)
Ommammaaaaa
Noooo

_________________
Guido una bella A6 SW TDI Grigio Floret. Veloce Comoda Bella Anonima
Guidavo una anonima e puzzolente 320d Touring MSport...
Guidavo una splendida Range Rover Evoque... Si, si girano tutti al semaforo...
Guidavo una fantastica A5 Sportback S-Line, 2.0 TDI 170cv...


Top
   
MessaggioInviato: mer mag 03, 2017 10:47 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab set 16, 2006 2:41 pm
Messaggi: 21813
Località: London
Su Seat boh. E' un marchio senza arte nè parte, di sicuro non ha la "storia" che altri marchi possono vantare (visto che era prima una subsidiaria fiat che rimarchiava su licenza). Ci hanno "pasticciato" per 20 anni in VW senza riuscire a capire cosa farne. Paradossalmente skoda partiva molto peggio e oggi sta molto meglio. E' un marchio "chiudibilissimo" al pari di innocenti o autobianchi (o lancia) per FCA, così come può avere un suo spazio all'interno del mercato europeo (perchè seat, a differenza di skoda, fuori dall'europa non esiste) in mezzo agli altri.

è da riconoscere che ormai skoda,seat e vw sono pressochè sovrapposte.
Seat non è la divisione sportiva. Skoda non è la low cost (tipo Dacia), Vw vorrebbbe essere semi premium, ma promo alle mani costano tutte uguali.

Una potenziale chiusura di seat sposterebbe i volumi inter-gruppo a mio avviso, semplicemente razionalizzando l'offerta che a oggi è troppo frammentata. A parte una peculiarità locale Iberica, nel resto d'europa i marchi skoda e seat sono potenzialmente identici.

Imho o sviluppano bene una brand proposition per seat - che poi supportano in modo convinto con prodotti e design degli stessi, che potrebbe essere il "target young" che ora dicono essere il loro riferimento, visto che lo "sport" lasciava il tempo che trovava, oppure possono pure chiuderla e dare a skoda ibiza e Ateca.

_________________
non posso aspettar l'Ateca... :mrgreen:


Top
   
MessaggioInviato: dom giu 11, 2017 3:22 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11121
FRANKFURT -- Volkswagen Group is looking at rehiring Opel CEO Karl-Thomas Neumann, possibly to lead its Audi brand, a source familiar with the matter told Reuters, following a report that Neumann will quit Opel.

Neumann plans to resign as General Motors prepares to sell its European business comprising Opel and Vauxhall to PSA Group, German newspaper Frankfurter Allgemeine Sonntagszeitung reported over the weekend.

Without citing its sources, the newspaper said Neumann saw the sale as the right strategic step, but was concerned PSA under-estimated the growing importance of electric cars.

The source said VW bosses were informally discussing giving Neumann, who quit VW in 2013 for the Opel top job, a prominent position, potentially as head of premium brand Audi.

VW and Opel declined to comment.

Audi CEO Rupert Stadler has come under fire for how he has handled the fallout from VW's diesel emissions scandal.

He only received a five-year contract extension last month because of an agreement among supervisory board members that he would not serve out his full term, two sources have told Reuters.

Pressure has built on Stadler after Munich prosecutors widened an investigation into the premium carmaker, and after Germany's transport ministry accused Audi of cheating on emissions tests.

In an interview with trade publication Automobilwoche, a sister publication of Automotive News Europe, Stadler over the weekend defended his record: "The diesel crisis has consumed and is still consuming resources. I'm still convinced that we have initiated the right strategic steps."

Neumann, 56, planned to inform Opel's supervisory board about his decision at its next meeting on June 22, Frankfurter Allgemeine Sonntagszeitung said, adding he wanted to stay on only until GM completed the sale of Opel to PSA, owner of the Peugeot, Citroen and DS brands.

Opel this week said the 2.2 billion euros ($2.5 billion) deal could be completed as early as July 31, pending regulatory approval from antitrust authorities.

Neumann joined GM in 2013 to lead the U.S. automaker's European operations after losing out in a management reshuffle at VW. In his former roles at VW, he was in charge of electro-mobility and head of China.

New Opel CEO

Opel plans to appoint an internal candidate to succeed Neumann, Frankfurter Allgemeine Sonntagszeitung reported. Top candidates are sales chief Peter Kuespert, finance boss Michael Lohscheller and marketing chief Tina Mueller, the paper said.

Secondo la Reuters l'attuale ceo di Opel Karl Thomas Neumann sarebbe in procinto di diventare il ceo di Audi. Non è una novità che la stella di Rupert Stadler sia in discesa continua, ha perso l'appoggio dei Porsche-Piech e anche i sindacati sono in rivolta. Meno di 3 anni fa Audi realizzava più profitti di Mercedes adesso i tedeschi di Stoccarda potrebbero arrivare a profitti operativi di 9 miliardi di euro mentre ad Ingolstadt a causa del Diesel gate rimarranno fermi a 4.
La casa dei quattro anelli sembra non trovar pace, sono ormai anni che la stabilità manageriale è un'assemza pesante.


Top
   
MessaggioInviato: mar giu 27, 2017 5:55 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11121
VW ha sborsato ben 9 miliardi di euro nei primi 6 mesi per le multe negli States e non è ancora finita perché entro fine anno arriveranno a 17 miliardi, ecco perché si rifiutano di offrire un minimo di rimborsi in Europa, voglio ricordare che i diesel truffaldini negli States erano 477.000 più 80.000 3.0 V6 tdi, in Europa sono 8,5 milioni.
Nel frattempo VW è riuscito a mandare a casa 9.000 tra operai e manager, entro il 2019 i prepensionamenti raggiungeranno le 23.000 unità.


Top
   
MessaggioInviato: dom lug 23, 2017 11:13 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11121
http://www.manager-magazin.de/unternehm ... 59292.html

Della serie solo alla Vw.....
Il capo del sindacato di Audi Peter Mosch e quello di Porsche Uwe Hück hanno de facto dato il benservito al management Audi. In quale altra azienda automobilistica al mondo è il sindacato ad imporre i candidati al consiglio di amministrazione? La situazione ad Ingolstadt è più che caotica, ormai sono passati quasi 2 anni dal diesel gate, non 2 giorni, e ancora si ricerca quali motori abbiano truffato e quali siano in regola.
Audi ha dovuto bloccare la commercializzazione della S5 perché hanno scoperto che erano state fatte delle modifiche software simile a quelle identificate come defeat device. A discolpa del management la situazione economica è ancora buona anche se impallidisce rispetto a quella di Mercedes. Audi tra il 2017 e il 2018 rinnoverà il 60% della gamma e i profitti dovrebbero salire.
Le accuse "urlate" dal sindacato sono pura ipocrisia, derivano dal fatto che Audi ha deciso di tagliare il numero dei contratti a termine ad Ingolstadt per ridurre i costi, inoltre Bruxelles ha ottenuto la produzione di un secondo suv elettrico che inizialmente era previsto per Ingolstadt.
Vorrei far notare che i sindacati non fiatavano quando i manager incassavano 67 milioni di euro in un anno e assumevano sempre più operai non necessari per farsi rinnovare i contratti.
A fine settembre la scure calerà e più di metà del management di Audi è a rischio, De Meo potrebbe tornare ad Audi o come capo delle vendite o come direttore finanziario mentre per il posto di ceo si parla o di Oliver Blume attuale capo di Porsche oppure di Karl Thomas Neumann ex ceo di Opel.


Top
   
MessaggioInviato: lun lug 31, 2017 4:26 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11121
BERLIN (Reuters) - Audi (NSUG.DE) aims to cut costs by 10 billion euros ($12 billion) by 2022 to help fund a shift to electric cars as it seeks to move on after the emissions scandal, sources close to the carmaker said.

Audi, Volkswagen's (VOWG_p.DE) main profit driver, plans to bring five new all-electric models to market in coming years, starting with the e-tron sport-utility vehicle (SUV) to be assembled from 2018 in Brussels.

Despite run-up costs for its electric-car programme, the luxury automaker wants to keep its operating profit margin at 8 percent a year at least, two sources close to Audi said. Its profit margin in the first half of this year was 8.9 percent.

The bulk of the 10 billion cost savings would come from cutting research and development costs, the sources said.

A spokesman at Audi's headquarters in Ingolstadt, Germany, declined comment. German business daily Handelsblatt reported the cost-savings target and profitability plans earlier on Sunday.

Audi also aims to free up funds for investments in zero-emission technology by developing a new production platform with Porsche, allowing both VW premium brands to save money by sharing components and modules.

Audi is grappling with car recalls, prosecutor investigations and persistent criticism from unions and managers over the diesel emissions scandal and its strategy post-dieselgate.

Sources told Reuters on Friday that four of the brand's seven top executives are earmarked for dismissal in the near future. On Sunday, sources said the dismissals were discussed by supervisory board members last Thursday but a formal decision has yet to be taken yet.

Audi è in pieno caos, già è certo che 4 dei manager (su 7) del board verranno messi alla porta e manca poco che anche Stadler sarà fatto fuori. D'altronde quando il diamante della corona diventa opaco a Wolfsburg inizia ad esserci il panico.
Stadler ha approvato un piano di tagli di 10 miliardi di euro in 5 anni, inoltre ci saranno 2 veicoli elettrici di dimensioni inferiori ai 4 metri. Ci sarà quindi la Q1 elettrica :briaco. Le famiglie Porsche-Piech vogliono al suo posto Karl Thomas Neumann, ex ceo di Opel.


Top
   
MessaggioInviato: gio set 07, 2017 10:17 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11121
FRANKFURT (Reuters) - Volkswagen (VOWG_p.DE) is actively working on deals to sell non-core assets accounting for as much as 20 percent of the German carmaker’s annual revenues, The Wall Street Journal quoted its chief executive as saying on Thursday.

Matthias Mueller told the Journal that a new team was working to sell businesses no longer considered critical.

The Volkswagen group last year generated just over 217 billion euros ($260 billion) in revenues.

Sources familiar with the matter told Reuters this month that Volkswagen had put the 1.5 billion-euro sale of Ducati motorcycles on hold after resistance from German trade unions and internal rifts on strategy.

Labor leaders at VW, who hold half the seats on the 20-member board, have strongly opposed a sale, regardless of price.

Mueller told the Journal that Volkswagen’s governance structure meant that the talks over Ducati would take time.

“The list (of asset disposals) has not been put away on the shelf. But we’re not going to let anyone tell us which decision to make,” the paper quoted him as saying.

He also said that any talk of a possible merger with Fiat Chrysler Automobiles (FCA) (FCHA.MI) was “speculation”.

“We’re a big company and don’t have any interest in getting any more bloated. There has been a lot of speculation about FCA, which we’ve noted, but it is just speculation and nothing more,” he said.

Fiat Chrysler Chief Executive Sergio Marchionne has previously wanted to merge with General Motors (GM.N) but was rebuffed repeatedly, and while he briefly flirted with the idea of a tie-up with Volkswagen, he said in June that there were no talks with anyone at present.

Pochi giorni fa Vw ha ammesso che la prevista vendita di Ducati richiederà più tempo perché nel consiglio di sorveglianza non c'è una maggioranza a favore. Müller non sembra scoraggiato e oggi rilancia al Wall Street Journal possibili cessioni per ben 40 miliardi di fatturato l'anno.
La comunità finanziaria ha più volte spinto nella direzione di uno snellimento del gruppo ma finora nessuno a Wolfsburg sembrava prestare ascolto.
Adesso per colpa delle multe del dieselgate le priorità stanno cambiando. Müller lancia anche un segnale all'esterno di non cercare alleanze, quindi porte chiuse per FCA.


Top
   
MessaggioInviato: mer set 13, 2017 10:02 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11121
Volkswagen is considering the future of its Up city car in Europe, according to company boss Herbert Diess.

While he said the Up was very popular in certain markets, such as Brazil, where VW is localising its production, Diess acknowledged that it was more challenging in Europe.

“We still see a future for that segment but we have to weigh up how much profit contribution and positive CO2 effects we get from [the Up],” said Diess, speaking at the Frankfurt motor show.



Frankfurt motor show - live report and update

“On small cars, it’s very hard to bring [their emissions] below 93g or 95g without adding a lot of cost.

“It becomes complicated. The electric Up makes much more sense.”

He also commented that, as emissions for bigger cars are reduced to less than 100g/km CO2, smaller cars, such as the Up, don't help with manufacturer's overall emission targets in the way they once did.

“We need [a CO2 lessening] contribution from these [smaller] cars or we have to question it - or up the price.”

Diess said no decision had been made on the future of the Up, but added: “Selling small cars is not easy. It’s a very European problem.”

The Up is also used as the basis for sister brand Skoda's Citigo. When asked whether the Citigo was also under threat, Skoda CEO Bernhard Maier said the car would continue to be produced - but didn't rule out a withdrawal from Europe. “Of course, every car needs a sustainable business model and we want to improve on all our KPIs but we must also remember the Citigo is the entry point to our brand. In emerging markets especially it plays a very strong role," he said.

"In those countries this is the segment that is growing fastest and for that reason I see a lot of opportunity in the case. It is also a car that could easily be electrified, which is something we're investigating. From our perspective I don't see the end of production coming.”

Vw starebbe pensando di cancellare la Up o di renderla elettrica, mi pare una cretinata incredibile, chi pagherebbe (almeno) 25.000 euro per una Up elettrica?


Top
   
MessaggioInviato: mer set 13, 2017 10:19 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 7:02 pm
Messaggi: 23576
Località: Ovunque ci sia una birra ghiacciata
Ma la up elettrica c'è già e l'ha provata anche 4r

http://www.quattroruote.it/prove/2015/l ... e_up_.html

Ps: edito: 27850 euro, secondo il listino 4r.


Top
   
MessaggioInviato: mer set 13, 2017 10:36 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11121
Quanto rappresenta del mix totale, l'1%? Fare una Up solo elettrica per me è una follia.


Top
   
MessaggioInviato: mer set 13, 2017 10:42 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 7:02 pm
Messaggi: 23576
Località: Ovunque ci sia una birra ghiacciata
Ma anche meno dell'1%, penso. Forse perdono soldi già adesso a produrre la versione normale, questo non lo, e quindi reputano che continuare a produrla non abbia senso. Non ne ho la più pallida idea.
Una Up elettrica, ad ogni modo, serve solo ed esclusivamente ad abbassare le emisisoni medie della gamma, possono ritenere che per produrre in perdita tanto vale produrre solo una versione utile agli altri modelli


Top
   
MessaggioInviato: mer set 13, 2017 11:09 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab set 16, 2006 2:41 pm
Messaggi: 21813
Località: London
domanda.

smart solo elettrica
up! solo elettrica

non è che loro sanno qualcosa che non sappiamo noi?

e-up! (dato 2016) piazzava circa 2000 pezzi all'anno. Niente.

le elettriche rappresentano però, OGGI, il 25% del nuovo in Norvegia, il 10% in Olanda.
Facile pensare che - nel segmento A/B - le % siano doppie.

_________________
non posso aspettar l'Ateca... :mrgreen:


Top
   
MessaggioInviato: mer set 13, 2017 11:22 am 
Non connesso
ADMIN
Avatar utente

Iscritto il: mar set 26, 2006 4:08 pm
Messaggi: 14252
Località: Monza
billy079 ha scritto:
domanda.

smart solo elettrica
up! solo elettrica

non è che loro sanno qualcosa che non sappiamo noi?

e-up! (dato 2016) piazzava circa 2000 pezzi all'anno. Niente.

le elettriche rappresentano però, OGGI, il 25% del nuovo in Norvegia, il 10% in Olanda.
Facile pensare che - nel segmento A/B - le % siano doppie.


è quello che mi sto chiedendo io vista la sfilza di proclami sulla gamma solo elettrica dal 2020..

_________________
"Scusi, ma lei ha preso la patente di guida veloce?"


Top
   
MessaggioInviato: mer set 13, 2017 11:29 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab set 16, 2006 2:41 pm
Messaggi: 21813
Località: London
sappiamo basta petrolio dal 2040 in tutta europa. quello è certo.
probabilmente la strada è elettrificare le gamme 15-20 anni prima, in modo da sostituire TOTALMENTE il parco per tale data?


vendite zoe solo EU

2017 - proiezione OLTRE 30mila pezzi
2016 21.240
2015 18.469
2014 11.090
2013 8.774
2012 13

_________________
non posso aspettar l'Ateca... :mrgreen:


Top
   
MessaggioInviato: mer set 13, 2017 11:52 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11121
In primis partirei dalla questione dei costi.
Vw è negata a costruire auto con bassi costi di produzione, sono incapaci. Il problema quindi della seconda generazione della Up è vero, la devono avere nella gamma per poter ridurre le emissioni ma non possono contare su volumi adeguati perché nei paesi emergenti o non viene venduta o non ha avuto successo.

Nel caso di Smart con l'idea di volumi ridotti e impiego principalmente nel car sharing lo posso capire ma per la Up assolutamente no. Per essere appetibile ad un pubblico vasto dovrebbe costare meno di 15.000 euro ( compresi incentivi), avere un' autonomia di almeno 400 km ( ergo 280 reali) ed essere offerta nel sistema car sharing. Nessuna di queste condizioni può essere soddisfatta da Vw attualmente.

Sarebbe molto più logico modificare leggermente la piattaforma attuale oppure cercare l'alleanza con qualche specialista tipo Suzuki ( ops.... :briaco ).


Top
   
MessaggioInviato: mer set 13, 2017 12:01 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab set 16, 2006 2:41 pm
Messaggi: 21813
Località: London
daimlerchrysler ha scritto:
In primis partirei dalla questione dei costi.
Vw è negata a costruire auto con bassi costi di produzione, sono incapaci. Il problema quindi della seconda generazione della Up è vero, la devono avere nella gamma per poter ridurre le emissioni ma non possono contare su volumi adeguati perché nei paesi emergenti o non viene venduta o non ha avuto successo.

Nel caso di Smart con l'idea di volumi ridotti e impiego principalmente nel car sharing lo posso capire ma per la Up assolutamente no. Per essere appetibile ad un pubblico vasto dovrebbe costare meno di 15.000 euro ( compresi incentivi), avere un' autonomia di almeno 400 km ( ergo 280 reali) ed essere offerta nel sistema car sharing. Nessuna di queste condizioni può essere soddisfatta da Vw attualmente.

Sarebbe molto più logico modificare leggermente la piattaforma attuale oppure cercare l'alleanza con qualche specialista tipo Suzuki ( ops.... :briaco ).



si si chiaro. mercedes HA per altro il suo carsharing, vw no (non che ci voglia un genio a crearlo)
per up! penso l'insuccesso sia più industriale (costi) che non commerciale (vendite) essendo la segmento A (non fiat) più venduta d'europa.
Ovvero dietro a panda e 500, ma davanti a tutti gli altri.

_________________
non posso aspettar l'Ateca... :mrgreen:


Top
   
MessaggioInviato: mer set 13, 2017 12:20 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 11121
Il trio tedesco ha raggiunto pienamente gli obbiettivi in Europa e un minimo di margine lo realizza, il,disastro è avvenuto nei paesi emergenti con un mega flop in Brasile e in India non ci hanno neanche provato. Winterkorn aveva in mente 500.000 NSF ( new small family cioè il pianale Up) all'anno, saranno arrivati al massimo a 250.000.


Top
   
MessaggioInviato: mer set 13, 2017 12:36 pm 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4027
Anche con le ultime versioni il trio Aygo è derivate francesi non è riuscito a superare up con le sue 2 tristi derivate?
Cmq almeno a qualcosa è servita up a non fare più vendere panda fuori Italia:-)

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010


Top
   
MessaggioInviato: mer set 13, 2017 1:25 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab set 16, 2006 2:41 pm
Messaggi: 21813
Località: London
Stefano_M ha scritto:
Anche con le ultime versioni il trio Aygo è derivate francesi non è riuscito a superare up con le sue 2 tristi derivate?
Cmq almeno a qualcosa è servita up a non fare più vendere panda fuori Italia:-)


no, il trio è dietro. ovviamente prendendo i singoli modelli.
se iniziamo a far le somme, a quel punto sarebbero da sommare pure smart e twingo (non che la cosa migliori!!) le coreane e via discorrendo.
ed FCA diventerebbe automaticamente irraggiungibile (dovendo per altro a rigore includere anche ypsilon)

a livello europa, per un new comer del segmento, il risultato è ottimo.
anche la variante skoda che sorpassa la smar f4 non è malvagio.
come al solito seat è la sorella triste e poco performante del gruppo.

per tornare in tema si vedono anche i numeri ridicoli delle proposte elettriche, che ovviamente, nel dettaglio, sono scarsamente interessanti per costi, prestazioni, design, ecc...
penso le immatricolazioni siano figlie di progetti specifici (P.A., Enel e via discorrendo)

cmq primo semestre 17

Minicar segment 2017-H1 2016-H1 Change Share
1 Fiat Panda 110.217 108.798 1% 15,9%
2 Fiat 500 107.888 103.343 4% 15,6%
3 Volkswagen Up! 52.216 53.914 -3% 7,5%
4 Hyundai i10 48.308 43.908 10% 7,0%
5 Toyota Aygo 46.631 46.777 0% 6,7%
6 Renault Twingo 41.700 46.816 -11% 6,0%
7 Smart Fortwo 33.951 36.264 -6% 4,9%
8 Kia Picanto 33.854 28.431 19% 4,9%
9 Peugeot 108 31.909 36.403 -12% 4,6%
10 Citroën C1 30.342 35.687 -15% 4,4%
11 Opel Karl / Vauxhall Viva 28.708 32.678 -12% 4,1%
12 Opel/Vauxhall Adam 26.268 28.811 -9% 3,8%
13 Suzuki Ignis 21.927 0 New 3,2%
14 Skoda Citigo 18.999 19.033 0% 2,7%
15 Smart Forfour 18.881 22.071 -14% 2,7%
16 Mitsubishi Space Star / Mirage 16.986 16.443 3% 2,5%
17 Suzuki Celerio 13.094 14.416 -9% 1,9%
18 Seat Mii 8.096 10.702 -24% 1,2%
19 Peugeot iOn 933 995 -6% 0,1%
20 Citroën C-Zero 533 752 -29% 0,1%
21 Citroën E-Mehari 215 356 -40% 0%
22 Mitsubishi i-MiEV 197 245 -20% 0%

23 Ford Ka 112 17.621 -99% 0%
24 DR Zero 102 122 -16% 0%
25 Mitsubishi Attrage 77 122 -37% 0%
26 Chevrolet Spark 2 93 -98% 0%
27 Opel/Vauxhall Agila 1 11 -91% 0%
28 Peugeot 107 1 4 -75% 0%
29 Suzuki Alto 1 4 -75% 0%

_________________
non posso aspettar l'Ateca... :mrgreen:


Top
   
MessaggioInviato: mer set 13, 2017 1:34 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 7:02 pm
Messaggi: 23576
Località: Ovunque ci sia una birra ghiacciata
Dipende da ocme si interpretano i numeri: Up è poco sopra la i10, con la differenza che in Europa Up ha il mercato tedesco che ne assorbe parecchie ( ok, sappiamo che in Germania non è il segmento A quello più venduto, ma è innegabile che in Germania Up sarà la A più venduta, come lo è panda in italia e via dicendo).
Ora, vedere una Up che vende poco più di un'i10, che non ha nessun mercato domestico di riferimento, a me da l'idea di flop, e nemmeno tanto piccolo, anche se la up vende comunque 50.000 esemplarti a semestre


Top
   
MessaggioInviato: mer set 13, 2017 1:41 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab set 16, 2006 2:41 pm
Messaggi: 21813
Località: London
cometa rossa ha scritto:
Dipende da ocme si interpretano i numeri: Up è poco sopra la i10, con la differenza che in Europa Up ha il mercato tedesco che ne assorbe parecchie ( ok, sappiamo che in Germania non è il segmento A quello più venduto, ma è innegabile che in Germania Up sarà la A più venduta, come lo è panda in italia e via dicendo).
Ora, vedere una Up che vende poco più di un'i10, che non ha nessun mercato domestico di riferimento, a me da l'idea di flop, e nemmeno tanto piccolo, anche se la up vende comunque 50.000 esemplarti a semestre


diciamo che il segm A è grande solo in italia, ed è blindato da fiat.
si nota infatti che dopo fiat (il cui 70% di panda è in italia - 50% di 500) partono gli altri, con notevole stacco

a quel punto, sinceramente, i numeri ci danno le dimensioni del mercato segm A senza italia, e da li partono tutti nella stessa situazione

Toy/PSA ha mercato interno (per Toy UK) e grande esperienza nel segmento
Koreani hanno sempre usato il segmento A (+SUV) per entrare nei paesi. E ora raccolgono i frutti
Renault e smart dovrebbero essere tra i maggiori esperti (con FCA) del settore
Vw arriva dopo 20 anni da lupo e con in mezzo una Fox disgraziata, con pochissima esperienza nel segmento e incapacità cronica di fare cose semplici ed economiche

visto lo scenario vedere la up! li sopra per me non è un successo, è oltre.

Avrei giustificato più facilmente una up! dietro al trio o sotto a twingo, linquindando la cosa con "beh è il primo tentativo"
invece...

_________________
non posso aspettar l'Ateca... :mrgreen:


Top
   
MessaggioInviato: mer set 13, 2017 1:52 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 7:02 pm
Messaggi: 23576
Località: Ovunque ci sia una birra ghiacciata
billy079 ha scritto:

visto lo scenario vedere la up! li sopra per me non è un successo, è oltre.


A ragionare così (legittimo, per carità) è un successo anche la Giulia; tolti i mercati interni vende poco meno della triade dopo lustri di modelli infelici (155 e 159, mentre la 156 è stata un successo)


Top
   
MessaggioInviato: mer set 13, 2017 1:57 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: sab set 16, 2006 2:41 pm
Messaggi: 21813
Località: London
cometa rossa ha scritto:
billy079 ha scritto:

visto lo scenario vedere la up! li sopra per me non è un successo, è oltre.


A ragionare così (legittimo, per carità) è un successo anche la Giulia; tolti i mercati interni vende poco meno della triade dopo lustri di modelli infelici (155 e 159, mentre la 156 è stata un successo)


ribadisco per me up! è un insuccesso industriale più che commerciale.
il target lo rispetta (quello europeo) ma con mezzi e mezzucci che non la rendono profittevole.
per non parlare del disastro mercati emergenti, dove speravano di poterla proporre, peccato costi più di un monovolume 7 posti...

_________________
non posso aspettar l'Ateca... :mrgreen:


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 628 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente 113 14 15 16 1721 Prossimo

Tutti gli orari sono UTC+01:00


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Limited
Traduzione Italiana phpBBItalia.net