Questo forum utilizza dei Cookie per tenere traccia di alcune informazioni. Quali notifica visiva di una nuova risposta in un vostro topic, Notifica visiva di un nuovo argomento, e Mantenimento dello stato Online del Registrato. Collegandosi al forum o Registrandosi, si accettano queste condizioni.

Tutti gli orari sono UTC+01:00




Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 164 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente 1 2 3 4 5 6 Prossimo
Autore Messaggio
MessaggioInviato: dom dic 23, 2018 12:08 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 12353
UGII ha scritto:
Una Caporetto. Non basta il nome... Jaguar come Alfa



Ci sono troppi modelli con volumi esigui, secondo gli analisti ci saranno 5.000 licenziamenti nel piano che verrà svelato a gennaio.
Ci sono grossi errori nel Product planning, anche la Velar deve essere scontata per gonfiare i volumi. JLR è anche una delle più colpite dal crollo del diesel, dalle guerre tariffarie e dalla Brexit.


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


MessaggioInviato: dom dic 23, 2018 6:49 pm 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4529
F/PACE ha avuto anche una dura concorrenza interna di velar e sotto E/PACE... Che già di suo non vende molto, la clientela non è infinita...
Ripeto forse ha ragione chi dice che è meglio puntare direttamente sull'elettrico, ripeto stesso discorso per Maserati... Ma lu c'è anche una questione di sound..

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010 - 225.555 km


Top
   
MessaggioInviato: dom gen 06, 2019 12:05 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 12353
Imagine having your global car production centered in the UK and Brexit uncertainty being only fourth or fifth on your list of headaches. That is the nightmare facing Jaguar Land Rover as it slumped to a loss in the first half of 2018 amid falling sales, high costs and production freezes.

JLR has been an industry success story since Tata Motors purchased the struggling Land Rover SUV and Jaguar sports sedan brands from Ford Motor in 2008. Back then, JLR was “near bankruptcy,” says Ralph Speth, the former BMW executive who was hired to turn around the British company

Under Speth and his management team, also largely recruited from JLR's German premium rivals, sales almost tripled to 604,000 in the automaker's 2017 fiscal year from 241,000 in the 2011. JLR has capitalized on surging global sales of SUVs, posting record profit after record profit, peaking at 2.6 billion pounds (2.9 billion euros) in the 2015 financial year.

Fast forward to 2018 and the company lost 354 million pounds in the first six month of its current financial year (which runs until March 31, 2019). This caused S&P Global Ratings to lower the credit rating of Tata Motors and JLR deeper into junk status last month, citing weaker-than-expected profitability at JLR.

In response, JLR plans to slash costs by cutting jobs and reducing its r&d budget. Falling sales have already forced JLR to lower production and reduce the size of its contract staff. The closure of one of its four UK assembly plants is looking more likely and the fallout is expected to include a dramatic change of direction for the stuttering Jaguar brand.

Just before Christmas, Tata Motors publicly backed its troubled UK subsidiary amid speculation about JLR's future.

"There is no truth to the rumors that Tata Motors is looking to divest our stake in JLR or discontinue the Jaguar brand. We have great belief in the potential of JLR’s distinctive premium products and brands as well as in JLR’s design and engineering capabilities," Tata Motors and JLR Chairman, Natarajan Chandrasekaran, said in an emailed statement on Dec. 24.

China crisis
JLR Chief Financial Officer Ken Gregor told analysts during the company’s second-quarter results call in November that China has driven the sharp deterioration in profits. "It’s the single biggest challenge,” he said.

JLR’s sales slumped 44 percent in China during the quarter, a collapse that Gregor blamed on falling consumer confidence and import tariff changes. In response, JLR dramatically cut production to reduce the resulting buildup of unsold cars, both in the UK and at its joint-venture plant in Changshu, near Shanghai. “Changshu has basically been closed for most of October,” Gregor said.

China became JLR’s biggest market in 2017, accounting for 146,399 sales, according to company figures. The Range Rover Evoque was the first model produced at the Changshu plant when it opened in 2014. The Land Rover Discovery Sport along with the long-wheelbase versions of the Jaguar XE and XF sedans followed. The Jaguar E-Pace is poised to be the next model made in China.

JLR’s dealers in the world’s largest car market, however, don’t like the locally built cars. “They tell us that they lose money selling those vehicles,” Gregor said, adding that JLR plans to end the “vicious circle” of pushing ever-higher incentives to support an “unsustainable” level of volume in China. “If that means accepting lower volume to allow our own profitability to be rebuilt then that’s what we will look to support,” he said.

China’s downgrade to JLR’s fourth-largest global market, based on its 10-month figures, marks the end of the country being JLR’s cash machine. At one point, JLR was making 60,000 pounds of profit on each Range Rover SUV it sold in China, Bernstein analyst Max Warburton estimated. “Company profitability was too narrowly dependent on China,” Warburton told Automotive News Europe. “It papered over a lot of cracks elsewhere.”


Excess capacity
One of those cracks is excess capacity in JLR’s expanding production network. The Chinese downturn is coinciding with the opening of JLR’s new factory in Slovakia, the expansion of its Chinese plant, the production start for Jaguar’s E-Pace SUV and full-electric I-Pace, which are both being made by contract manufacturer Magna Steyr in Austria. Along with temporarily idling its Chinese plant, JLR has responded to falling demand by imposing a three-day workweek at its plant in Castle Bromwich, while in November it cut 500 contract workers at its engine plant in Wolverhampton and another 500 at its Solihull factory. All three facilities are in central England.

Three industry specialists who spoke with ANE believe JLR will end up shutting its Castle Bromwich site for good. “It will be a shopping center within five years,” Warburton predicted. The site is small, making about 50,000 vehicles a year, and the cars it does build are Jaguar’s slow-selling sedans. “The bigger question is: How do you build in Slovakia, and keep both Halewood and Solihull,” Warburton said. Solihull, home of the flagship Range Rover, lost the Land Rover Discovery when it was moved to the new Slovakia plant late last year, while Halewood, a former Ford plant in northwest England, makes JLR’s best-selling (and newly replaced) Range Rover Evoque as well as the Land Rover Discovery Sport.

Slovakia is scheduled to make the replacement for the Land Rover Defender starting this year, but its sheer size -- 150,000 vehicles a year with the potential to increase to 300,000 -- and its much lower cost base means it needs more work. It was due to build the Jaguar XE and XF when their replacements arrived around 2023, according to previous IHS Markit predictions. It seems unlikely, however, those cars will survive.


A bold plan under review at JLR is to transform Jaguar into an electric brand, a source said. Jaguar has already successfully launched the battery-powered I-Pace SUV, beating rivals from Mercedes and Audi to market.
Jaguar falters
Jaguar weighed on Land Rover’s success while Ford owned the two brands and Jaguar’s troubles look to have returned. Just as Ford failed to successfully expand Jaguar’s lineup with the X-Type midsize sedan, JLR has also failed to succeed with either the XE or the bigger XF, despite both using a bespoke, rear-wheel-drive aluminum platform that helped them at least match the dynamic abilities of their BMW equivalents. XE sales were down 22 percent through October 2018 to 26,218 while demand for the XF slipped 20 percent to 27,872, according to JLR figures.

Despite that, Jaguar is shifting around four times the volume that it had when Tata first took over, mainly because of the F-Pace and the recently launched E-Pace SUVs. Ominously however, global sales of the brand’s best-selling F-Pace fell 25 percent through October, suggesting the E-Pace is cannibalizing some of its sister model’s sales.

The sedans have been hamstrung both by their anonymous looks and stiff competition from BMW, Audi and Mercedes-Benz, IHS Markit principal analyst Tim Urquhart said. “The XE and XF are competent but against the Germans they’re a bit of a waste of time,” he said, adding that they probably won’t survive, which means a bold plan is needed for the brand. “Standing still and keeping as it as it is, is not an option,” Urquhart said.

The bold plan is to transform Jaguar into an electric brand. “It’s definitely an advanced plan and is only a matter of time before it’s signed off,” said a person with knowledge of the situation, who asked to remain anonymous. Jaguar has already successfully launched the battery-powered I-Pace SUV, beating rivals from Mercedes and Audi to market, while the XJ sedan will be reinvented as an electric car, UK media reports say.

The problem is that it won’t help profitability, not initially. JLR CFO Gregor admitted that the I-Pace’s margins are lower despite being priced 15 percent above an equivalently equipped F-Pace. In fact, he said the I-Pace was more useful to help JLR reach tougher forthcoming CO2 targets in markets such as Europe and China. “Those electric vehicles are really important for balancing out the vehicles that have higher CO2 footprints,” he said. They also mean Jaguar eventually will not need smaller cars to achieve that compliance, giving them more reason to kill the XE.


Multiple headwinds
These are some of the other challenges JLR is trying to overcome.

Brexit: Britain’s exit from the EU trading bloc at the end of March could cause all sorts of problems for JLR in terms of border friction or even tariffs, depending on what sort of deal is negotiated. A poor deal could wipe a billion pounds (1.12 billion euros) from JLR’s profits, the company says. One good manufacturing decision it made was locating a plant in Slovakia, giving JLR a presence in Europe after the UK leaves the EU. It’s already helping: In October Slovakia pushed to keep the CO2 derogations that means JLR has a much softer target for 2020-21.
U.S. tariffs: President Donald Trump has repeatedly threatened tariffs on cars from Europe. Barclays Research described JLR as being “significantly exposed” in a recent report while JLR sources estimate tariffs would cost the company around a billion pounds annually. North America was JLR’s biggest sales market through 10 months of last year, beating Europe and the UK.
Quality: JLR has worked to improve the traditionally poor reliability of its cars, but the Jaguar and Land Rover brands still finished second-to-last and last, respectively, on JD Power’s 2018 U.S. quality study.
Diesel: JLR believes sales have been hurt by the shift away from diesel in Europe, where 84 percent of JLR’s vehicles are sold with the powertrain.

The turnaround
JLR needs to make the tough decisions rival Volvo made a long time ago, a senior UK car industry executive told ANE on condition of anonymity, “They need someone like [Volvo CEO Hakan] Samuelsson. He ditched the old production plans, kicked out six-cylinder engines and diesels and said: ‘We don’t try to do everything because we can’t’,” he said. “I don’t see any signs JLR is thinking like that.”

JLR admits that the days of achieving a 14 percent EBIT margin, which it did during its 2015 financial year, are long gone. The automaker is targeting a figure of between 7 percent and 9 percent, CFO Gregor said. During its previous financial year JLR’s EBIT margin slumped to 3.8 percent. “That’s not a figure we like at all,” Gregor said.

S&P said recently launched and upcoming products may help prop up growth, though competition in the luxury car market may hurt margins.

JLR’s problems are not unique. Global uncertainties, the shift to electric and competing demands on tech investment are cutting automaker profit forecasts globally. JLR, however, is on the back-foot to a greater extent than any of its bigger premium rivals. To counter this, JLR has formulated a turnaround plan called Project Charge. The plan calls for savings of 2.5 billion pounds in 18 months. Of that total, 1 billion pounds will come from cutting 500 million pounds each from its investment plans for the 2019 and 2020 financial years.

S&P, however, considers the company’s cost cut target to be aggressive. It forecasts that “JLR will have significant negative free operating cash flows over the next two years, resulting in weak financial ratios for Tata Motors.”

Despite that, JLR’s cash flow will suffer in the short term. Said JLR Treasurer Ben Birgbauer during the Q2 analyst call: “We expect negative cash flow this year and it may be negative next year [and] in the following year as well.”

Job cuts are also likely at JLR, Gregor warned: “The sort of cost reductions that we are targeting are really not possible without also reducing employment costs and employment levels.”

If they are prepared to make tough decisions, the plan could work, Bernstein’s Warburton believes. “The issue with JLR is not one of revenues and margins, but costs and outgoings,” he said. “It’s just been running so fast it has gotten to a level of spending that’s eye-opening. In theory Land Rover is hugely profitable.”

Jaguar Land Rover is facing a host of problems including the costs associated with a shift to EVs and the ever-present problem of Brexit. To counter this the automaker aims to slash costs, cut jobs and reduce its r&d budget.

plan calls for savings of 2.5 billion pounds in 18 months. Of that total, 1 billion pounds will come from cutting 500 million pounds each from its investment plans for the 2019 and 2020 financial years.

In response, JLR has announced it wants to dramatically slash costs by cutting jobs and reducing its r&d budget. Falling sales have already forced JLR to cut production and reduce the size of its contract staff. The closure of one of its four UK assembly plants is looking more likely and the fallout is expected to include a dramatic change of direction for the stuttering Jaguar brand.

Eccellente articolo sulla crisi di JLR, che è stata piuttosto repentina. Nel 2015 raggiungevano un margine del 14%, adesso sono in passivo. Le agenzie di Rating hanno tagliato al livello spazzatura le obbligazioni della capogruppo Tata Motors e i proprietari indiani sono intervenuti pubblicamente dicendo che non vogliono vendere l’azienda britannica ne’ chiudere Jaguar.
La lista delle difficoltà è lunga, in cima troviamo i problemi la Cina.

1)Gli inglesi sono stati troppo ottimisti con le previsioni di vendita per l’ estremo oriente e nel 2018 le vendite sono crollate del 44%, sono rimaste invendute grosse quantità di auto e il livello di stontistica ha raso al suolo là redditività. N.b. non è un problema esclusivo di Jaguar, Mercédes lo ha avuto nel 2013, Audi nel 2017 e BMW nel 2015, dato che i costruttori occidentali non possono bullizzare i propri concessionari cinesi come fanno nel resto del mondo.

2) costi fuori controllo: in pochi anni la gamma è aumentata in modo importante, al contrario di Volvo cars che ha rinunciato a sviluppare i V6 e può contare su una discreta condivisione con la capogruppo Geely, JLR ha voluto fare tutto da sola. I costi per il raddoppio della gamma e l’ apertura delle fabbriche in Cina e Slovacchia non vengono coperti dai ricavi. La fabbrica cinese è molto sottoutilizzata, quella slovacca anche. In Gran Bretagna Castle Brownich (che produce berline Jaguar) è a fortissimo rischio.

3) Jaguar: non è mai stato un segreto che Jaguar sia il ventre molle del gruppo, già dai tempi di Ford. Purtroppo per Tata ci hanno investito parecchio. La XE e la XF sono pesanti flop e la E-Type è partita male riuscendo a cannibalizzare la F-Type. Si parla apertamente di rendere il marchio esclusivamente elettrico, abbandonando diversi segmenti tra cui quello della XE.

Non parliamo poi della possibilità di una hard Brexit che sarebbe una catastrofe.

Chissà se dietro le smentite Tata non stia pensando ad una cessione o quantomeno ad alleanze. Ad esempio un ritorno dei marchi inglesi (solo Land Rover era finita ai bavaresi) sotto l’egida di Monaco non sarebbe un’idea tanto folle.


Allegati:
933F3A6C-B7C2-4A4A-9BED-B257812F9715.jpeg
933F3A6C-B7C2-4A4A-9BED-B257812F9715.jpeg [ 86.88 KiB | Visto 992 volte ]
688D530E-CF89-4FFD-A795-8377159947E2.jpeg
688D530E-CF89-4FFD-A795-8377159947E2.jpeg [ 78.43 KiB | Visto 992 volte ]
Top
   
MessaggioInviato: gio gen 10, 2019 10:03 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 12353
https://www.autocar.co.uk/car-news/indu ... day-report

Stasera verrà annunciato il piano di ristrutturazione di JLR, sono previsti almeno 5.000 tagli.


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


MessaggioInviato: sab feb 09, 2019 10:42 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 12353
Jaguar Land Rover, reeling from a $4 billion writedown, a slump in China sales and uncertainty around Brexit, said conditions aren’t right for it to borrow from the bond market and that it’s seeking alternative funding.

The luxury automaker needs to raise $1 billion within 14 months to replace maturing bonds, while feeding an investment program for electric cars that’s burning through cash. To support its needs, JLR could increase a receivables facility or turn to other bank financing, with further options including leasing assets and tapping export credit, Treasurer Ben Birgbauer said in an interview.

JLR’s owner Tata Motors shocked investors Thursday when it revealed the extent of the problems its UK arm is having in China. Sales of Jaguar sports cars and Land Rover SUVs dropped 35 percent in the world’s biggest auto market in the nine months to Dec. 31, sending the unit to a 273 million-pound ($354 million) loss and knocking as much as 30 percent off Tata stock.

“Market conditions presently are less favorable in general and our bonds are trading below par, reflecting our recent financial performance,” Birgbauer said by telephone. “We have always said we monitor the debt market and look to issue debt when market conditions are more favorable.”

Britain’s biggest carmaker is slashing 4,500 jobs, or about 10 percent of the workforce, as it responds to slowing sales. That’s on top of the 1,500 people who left the company in 2018. The measures will trigger a one-off charge of 200 million pounds in the current quarter.


JLR’s 4.5 percent bonds maturing Jan. 2026 have dropped to a low of 77 cents on the euro, equivalent to a yield of about 8.9 percent, according to prices compiled by Bloomberg.

The company is not planning to change its preference for unsecured financing, Birgbauer said. Remaining resources include a 1.9 billion-pound undrawn credit facility and 2.5 billion pounds of cash, based on the quarterly numbers published by Tata.

Dealer crisis


One major problem facing JLR in China is an ineffective dealer network, according to a presentation from the UK business. Only 18 percent of outlets are in so-called tier-one cities like Shanghai and Beijing, and more than one-third have been open for three years or less.

The company now plans to overhaul the operation, cutting back on deliveries to reduce stock and investing in measures to boost its brand, logo and slogans.

Executives said on a conference call with investors that it’s not possible to predict when China volumes will begin to recover, highlighting international trade tensions and how much stimulus the state chooses to provide as determining factors. JLR says it can still grow global sales in fiscal 2020 with the help of other markets and the launch of revamped Range Rover Evoque.

Prior to this week concerns about JLR’s performance had centered on the impact of Brexit and a government clampdown on diesel-powered vehicles in depressing UK car sales.

Royal London Asset Management had already reduced its exposure to JLR in response to “Brexit-specific risks and their ability to maintain access to the financial markets,” said head of global high yield Azhar Hussain.

Appetite among investors for riskier European debt has yet to bounce back after volatility swept through the market at the end of last year. There’s been very few sales of junk debt in Europe this year and high-yield spreads remain much wider than prior to their fourth-quarter blowout.


La fase “incredibile rilancio di JLR” è passata da tempo ormai. Tata Motors ha dovuto riconoscere ben 4 miliardi di ammortamenti per JLR, de facto l’azienda deve ammettere che gli investimenti non verranno mai recuperati. Le azioni di Tata Motors hanno perso in una giornata il 30%. Ci saranno 4.500 tagli, soprattutto in Gran Bretagna. Questi licenziamenti potranno essere ancora di più se ci sarà il no deal Brexit. Io trovo che siano stati compiuti errori gravi nella pianificazione del prodotto. Nel caso della E Pace, si vede che hanno voluto ottenere il massimo risultato con la minima spesa. La Velar sbatte contro la RR Sport. Le berline Jaguar vendono pochissimo. L’errore peggiore è stato commesso sul mercato cinese, avevano aspettative troppo alte, si ritrovano adesso con una fabbrica che lavora 4 giorni al mese. È successo anche a Ford, PSA e FCA in Cina.
Alcuni analisti ipotizzano la vendita di JLR ad un gruppo, in quel caso Jaguar sarebbe a forte rischio.


Top
   
MessaggioInviato: gio mag 09, 2019 3:35 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 12353
ters) - India’s Tata Motors said on Thursday there was no truth to a report saying a sale of Jaguar Land Rover to French automotive group PSA could be imminent.

The logo of Tata Motors is pictured at at the 37th Bangkok International Motor Show in Bangkok, Thailand, March 22, 2016. REUTERS/Chaiwat Subprasom/File Photo
The Press Association said leaked information suggested a sale could be imminent, citing a “post-sale integration document”, which outlines the benefits of the two companies joining forces.

“As a matter of policy, we do not comment on media speculation. But we can confirm there is no truth to these rumors,” a Tata Motors spokesperson said.

Tata Motors ha negato l’imminente vendita di Jaguar/Land Rover a PSA, solo indiscrezioni o verità di fondo? Lo scoop parlava di piano di ristrutturazione di JLR già approvato da Tavares.


Top
   
MessaggioInviato: gio mag 09, 2019 3:44 pm 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4529
Se tagliano prima di nascere la nuova land defender... Che di defender ha zero non farebbero una brutta mossa.

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010 - 225.555 km


Top
   
MessaggioInviato: gio mag 09, 2019 3:45 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 2:41 pm
Messaggi: 20382
Stefano_M ha scritto:
Se tagliano prima di nascere la nuova land defender... Che di defender ha zero non farebbero una brutta mossa.


Se fossi in te manderei un curriculum.


Top
   
MessaggioInviato: gio mag 09, 2019 4:07 pm 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4529
Temprone ha scritto:
Stefano_M ha scritto:
Se tagliano prima di nascere la nuova land defender... Che di defender ha zero non farebbero una brutta mossa.


Se fossi in te manderei un curriculum.

Beh vedremo quanto avrà...

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010 - 225.555 km


Top
   
MessaggioInviato: gio mag 09, 2019 4:09 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 2:41 pm
Messaggi: 20382
Stefano_M ha scritto:
Temprone ha scritto:
Stefano_M ha scritto:
Se tagliano prima di nascere la nuova land defender... Che di defender ha zero non farebbero una brutta mossa.


Se fossi in te manderei un curriculum.

Beh vedremo quanto avrà...



mi ricorda un commento di secoli...

" la porsche fa il cayenne?? Non ne venderà e farà perdere clienti anche alla 911".

Il problema della nuova defender è di essere arrivata troppo tardi.


Top
   
MessaggioInviato: gio mag 09, 2019 4:25 pm 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4529
Interessante come ancora ieri ho letto commenti sulla iq simili a quelli del cayenne che riporti qui, che non centrano nulla col topic..

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010 - 225.555 km


Top
   
MessaggioInviato: gio mag 09, 2019 4:37 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 2:41 pm
Messaggi: 20382
Stefano_M ha scritto:
Interessante come ancora ieri ho letto commenti sulla iq simili a quelli del cayenne che riporti qui, che non centrano nulla col topic..


mi ha tratto in inganno il tuo

"Beh vedremo quanto avrà..."

pensavo fosse un " quanto venderà".


Top
   
MessaggioInviato: gio mag 09, 2019 4:40 pm 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4529
Temprone ha scritto:
Stefano_M ha scritto:
Interessante come ancora ieri ho letto commenti sulla iq simili a quelli del cayenne che riporti qui, che non centrano nulla col topic..


mi ha tratto in inganno il tuo

"Beh vedremo quanto avrà..."

pensavo fosse un " quanto venderà".


Volevo scrivere quanto avrà di defender originale, fosse stile ultime G, wrangler, jymni, venderebbe a palate.... ma dai prototipi pare la vecchia discovery... Vedremo.

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010 - 225.555 km


Top
   
MessaggioInviato: gio mag 09, 2019 10:03 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 12353
Riflettevo sulle precedenti esperienze di fusioni/acquisizioni tra costruttori generalisti e quelli premium e penso che questa possibile alleanza PSA-JLR non nascerebbe sotto i migliori auspici. Le alleanze che hanno avuto più successo (mi riferisco a Nissan-Renault e Fiat-Chrysler) hanno riguardato costruttori generalisti in cui non si pensava minimamente che una condivisione spinta di componenti avrebbe in alcun modo rovinato l’ immagine di un marchio.
Nei casi BMW-Rover e Daimlerchrysler moltissime occasioni di risparmi vennero abbandonate per paura di macchiare i marchi nobili. Nel 2006 di fronte all’ ennesimo crollo del gruppo Chrysler e alla fine delle alleanze con Hyundai e Mitsubishi Zetsche sviluppò un piano per creare 3 piattaforme comuni tra Mercedes e i marchi Chrysler. Ci sarebbe stata una piattaforma in comune tra Kl. A e PT Cruiser, un’altra per le berline a trazione posteriore e l’ ultima per i suv. La resistenza fu totale e si trovò più facile abbandonare la nave che affondava.
Maserati e Alfa hanno ottenuto solo vantaggi parziali dall’ alleanza con Chrysler, entrambi i marchi sono molto al di sotto delle aspettative. Stendo un velo pietoso sui disastri provocati da Ford con JLR e Volvo.

Cosa otterrebbe PSA da JLR? Sicuramente 2 marchi prestigiosi di cui uno redditizio e l’ altro no.
Tanti debiti ma anche l’ ingresso su mercati promettenti. Molte fabbriche sottoutilizzate ed una bomba non da poco come il rischio Brexit.
Utilizzare 2 piattaforme può essere possibile per gestire Opel ma non puoi pensare di sviluppare la Range Rover sulla 3008. Opel ha fatto grandi progressi ma non è ancora completamente rilanciata, pensare che PSA possa sobbarcarsi anche JLR mi sembra inopportuno.


Top
   
MessaggioInviato: gio mag 09, 2019 10:11 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven lug 13, 2007 3:17 pm
Messaggi: 3652
daimlerchrysler ha scritto:
Utilizzare 2 piattaforme può essere possibile per gestire Opel ma non puoi pensare di sviluppare la Range Rover sulla 3008.
mah, visto quello che stanno facendo gli altri e osservando come si evolve la "qualità" della domanda, sempre meno attenta all'hardware e distratta dai pannelli touch ... non mi stupirei troppo. Magari non proprio della 3008, ma con la 508, per dire.


Top
   
MessaggioInviato: gio mag 09, 2019 10:13 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven lug 13, 2007 3:17 pm
Messaggi: 3652
daimlerchrysler ha scritto:
Nei casi BMW-Rover e Daimlerchrysler moltissime occasioni di risparmi vennero abbandonate per paura di macchiare i marchi nobili. Nel 2006 di fronte all’ ennesimo crollo del gruppo Chrysler e alla fine delle alleanze con Hyundai e Mitsubishi Zetsche sviluppò un piano per creare 3 piattaforme comuni tra Mercedes e i marchi Chrysler. Ci sarebbe stata una piattaforma in comune tra Kl. A e PT Cruiser, un’altra per le berline a trazione posteriore e l’ ultima per i suv. La resistenza fu totale e si trovò più facile abbandonare la nave che affondava.
Maserati e Alfa hanno ottenuto solo vantaggi parziali dall’ alleanza con Chrysler, entrambi i marchi sono molto al di sotto delle aspettative. Stendo un velo pietoso sui disastri provocati da Ford con JLR e Volvo
E' sulla base di questi ragionamenti che a Stoccarda hanno deciso di mettere nel cofano della C-Klasse il motore della Dacia? :ridi


Top
   
MessaggioInviato: gio mag 09, 2019 10:19 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven lug 13, 2007 3:17 pm
Messaggi: 3652
daimlerchrysler ha scritto:
Cosa otterrebbe PSA da JLR? Sicuramente 2 marchi prestigiosi di cui uno redditizio e l’ altro no.
Tanti debiti ma anche l’ ingresso su mercati promettenti. Molte fabbriche sottoutilizzate ed una bomba non da poco come il rischio Brexit.
Utilizzare 2 piattaforme può essere possibile per gestire Opel ma non puoi pensare di sviluppare la Range Rover sulla 3008. Opel ha fatto grandi progressi ma non è ancora completamente rilanciata, pensare che PSA possa sobbarcarsi anche JLR mi sembra inopportuno.
Seriamente: JLR potrebbe dare le chiavi del mercato USA a PSA? Se sì, è già una cosa interessante. Quanto alla Brexit, per come sta andando alla fine rischia di essere una Brexit per modo di dire. Dazi non ce ne saranno, vedrai, non conviene a nessuno, soprattutto non conviene ai continentali.

Differente il discorso di sostenibilità finanziaria dell'eventuale acquisizione: fino a quando lo Stato francese potrà sostenere PSA?


Top
   
MessaggioInviato: ven mag 10, 2019 6:20 am 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4529
Il telaio che jlr usa per evoque, anche l'ultimo è solo um restyling, e e-pace è anacronistico, pesantissimo derivato, se non sbaglio da quello di focus di anni 2000 appesantito per offroad, visto l'utilizzo che si fa di tali vetture andrebbe meglio anche il b wide di fca:-) , peugeot ha roba ben più moderna in casa.
Se ford con volvo avesse fatto tanti disastri come continua a scrivere Dc ora avrebbe fatto la fine di saab. Volvo è sopravvissuta grazie a xc60 progettata sotto era Ford, proprio su questo numero di quattroruote un capo volvo dice che ford non aveva poi lavorata male citando proprio xc90/60, ovvio che coi cinesi hanno più libertà e soprattutto soldi:-)

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010 - 225.555 km


Top
   
MessaggioInviato: ven mag 10, 2019 10:46 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 12353
Stefano_M ha scritto:
Il telaio che jlr usa per evoque, anche l'ultimo è solo um restyling, e e-pace è anacronistico, pesantissimo derivato, se non sbaglio da quello di focus di anni 2000 appesantito per offroad, visto l'utilizzo che si fa di tali vetture andrebbe meglio anche il b wide di fca:-) , peugeot ha roba ben più moderna in casa.
Se ford con volvo avesse fatto tanti disastri come continua a scrivere Dc ora avrebbe fatto la fine di saab. Volvo è sopravvissuta grazie a xc60 progettata sotto era Ford, proprio su questo numero di quattroruote un capo volvo dice che ford non aveva poi lavorata male citando proprio xc90/60, ovvio che coi cinesi hanno più libertà e soprattutto soldi:-)



Il pessimo andamento di Volvo Cars sotto Ford è un dato di fatto. Passare da 1 miliardo di dollari di utili nel 2004 a 5 anni di perdite consecutive non è una gestione oculata. (Va beh Donald Trump perdeva miliardi di dollari, andava in bancarotta 6 volte ed è stato eletto perché è un ottimo uomo d’ affari :piangi2 )
Volvo cars non ha fatto la fine di Saab perché era ben più grossa e ha trovato un acquirente dalle tasche larghe.
La XC60 era su un pianale Volvo non condiviso con Ford, le varie C30, V40 etc.. su base Focus sono tutte andate sotto le attese.
Si può benissimo basare la Evoque su pianale 3008 ma la Range Rover sport o la Velar penso proprio di no. Le fonti inglesi parlavano di accordo imminente, JLR è così mal combinata?


Top
   
MessaggioInviato: ven mag 10, 2019 11:26 am 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4529
daimlerchrysler ha scritto:
Stefano_M ha scritto:
Il telaio che jlr usa per evoque, anche l'ultimo è solo um restyling, e e-pace è anacronistico, pesantissimo derivato, se non sbaglio da quello di focus di anni 2000 appesantito per offroad, visto l'utilizzo che si fa di tali vetture andrebbe meglio anche il b wide di fca:-) , peugeot ha roba ben più moderna in casa.
Se ford con volvo avesse fatto tanti disastri come continua a scrivere Dc ora avrebbe fatto la fine di saab. Volvo è sopravvissuta grazie a xc60 progettata sotto era Ford, proprio su questo numero di quattroruote un capo volvo dice che ford non aveva poi lavorata male citando proprio xc90/60, ovvio che coi cinesi hanno più libertà e soprattutto soldi:-)



Il pessimo andamento di Volvo Cars sotto Ford è un dato di fatto. Passare da 1 miliardo di dollari di utili nel 2004 a 5 anni di perdite consecutive non è una gestione oculata. (Va beh Donald Trump perdeva miliardi di dollari, andava in bancarotta 6 volte ed è stato eletto perché è un ottimo uomo d’ affari :piangi2 )
Volvo cars non ha fatto la fine di Saab perché era ben più grossa e ha trovato un acquirente dalle tasche larghe.
La XC60 era su un pianale Volvo non condiviso con Ford, le varie C30, V40 etc.. su base Focus sono tutte andate sotto le attese.
Si può benissimo basare la Evoque su pianale 3008 ma la Range Rover sport o la Velar penso proprio di no. Le fonti inglesi parlavano di accordo imminente, JLR è così mal combinata?

Un acquirente con tasche larghe non avrebbe mai comprato saab dove gm, a differenza di ford, aveva smantellamento tutto.
Infatti velar ha pianale jag, range pianale land... Sono i piccoli che hanno bisogno di un pianale moderno.

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010 - 225.555 km


Top
   
MessaggioInviato: ven mag 10, 2019 11:41 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 12353
Tra l’ altro il ceo di JLR Ralph Speth non ha chiarito cosa faranno con la gamma delle berline di Jaguar, con 3 modelli arrivano a stento a 60.000 unità, dovranno tagliare in qualche modo.
Con l’eventuale acquisizione di JLR si troverebbe molti problemi in casa, non so quanto le opportunità valgano i rischi. Nonostante le dichiarazioni trionfalistiche di Tavares ( “Con Ds facciamo gli stessi margini di Audi”) un vero marchio premium servirebbe.


Top
   
MessaggioInviato: ven mag 10, 2019 4:51 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 2:41 pm
Messaggi: 20382
Stefano_M ha scritto:
Volvo è sopravvissuta grazie a xc60 progettata sotto era Ford, proprio su questo numero di quattroruote un capo volvo dice che ford non aveva poi lavorata male citando proprio xc90/60, ovvio che coi cinesi hanno più libertà e soprattutto soldi:-)


Veramente pensi quello che hai scritto?

Volvo sotto Ford era un futuro morto che camminava. Gli americani stavano distruggendo l'ennesimo marchio.
Sotto la proprietà di Geely hanno quasi raddoppiato le vendite, rifatto completamente la gamma, si sono posizionati al livello di audi o mercedes, hanno un sub brand elettrico, ecc ecc

Quello che scrivo mi è stato confermato da Lex Kerssemakers, responsabile Emea Volvo e numero due del marchio a livello globale ma sopratutto sono i numeri a parlare.


Top
   
MessaggioInviato: ven mag 10, 2019 5:04 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 12353
Temprone ha scritto:
Stefano_M ha scritto:
Volvo è sopravvissuta grazie a xc60 progettata sotto era Ford, proprio su questo numero di quattroruote un capo volvo dice che ford non aveva poi lavorata male citando proprio xc90/60, ovvio che coi cinesi hanno più libertà e soprattutto soldi:-)


Veramente pensi quello che hai scritto?

Volvo sotto Ford era un futuro morto che camminava. Gli americani stavano distruggendo l'ennesimo marchio.
Sotto la proprietà di Geely hanno quasi raddoppiato le vendite, rifatto completamente la gamma, si sono posizionati al livello di audi o mercedes, hanno un sub brand elettrico, ecc ecc

Quello che scrivo mi è stato confermato da Lex Kerssemakers, responsabile Emea Volvo e numero due del marchio a livello globale ma sopratutto sono i numeri a parlare.



Santo Temprone. :ok
Ford compro’ nel 1999 Volvo cars per 6,45 miliardi di dollari e l’ha venduta nel 2010 per 1,8 miliardi di euro.
Se Volvo cars non avesse avuto problemi avrebbero chiesto ben più soldi (infatti nel 2007 Mullaly chiese 7 miliardi a Ghosn che al massimo ne voleva sborsare 4)


Top
   
MessaggioInviato: sab mag 11, 2019 1:08 pm 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4529
Temprone ha scritto:
Stefano_M ha scritto:
Volvo è sopravvissuta grazie a xc60 progettata sotto era Ford, proprio su questo numero di quattroruote un capo volvo dice che ford non aveva poi lavorata male citando proprio xc90/60, ovvio che coi cinesi hanno più libertà e soprattutto soldi:-)


Veramente pensi quello che hai scritto?

Volvo sotto Ford era un futuro morto che camminava. Gli americani stavano distruggendo l'ennesimo marchio.
Sotto la proprietà di Geely hanno quasi raddoppiato le vendite, rifatto completamente la gamma, si sono posizionati al livello di audi o mercedes, hanno un sub brand elettrico, ecc ecc

Quello che scrivo mi è stato confermato da Lex Kerssemakers, responsabile Emea Volvo e numero due del marchio a livello globale ma sopratutto sono i numeri a parlare.

Scusa dove ho scritto che i cinesi stanno lavorando male?
Ok volvo con ford era un morto che cammina.... mentre saab con gm o anche rover con bmw erano solo morti....nemmeno camminavano:-)

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010 - 225.555 km


Top
   
MessaggioInviato: dom mag 19, 2019 12:05 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 12353
Nonostante i dinieghi da parte di Tata Motors le trattative tra gli indiani e PSA per la vendita di JLR sono ad uno stadio avanzato. Non è certo che si arrivi ad un accordo perché Tavares sta tirando molto la corda. Vuole pagare una cifra simbolica per i 2 marchi, vuole che i costi di sviluppo per i prossimi modelli vengano ancora assorbiti da Tata e che buona parte dei debiti vengano trasferiti. Gli indiani sono piuttosto disperati e non credono affatto al piano presentato da Speth. Certo che se Tavares riuscisse a portare a casa JLR potrebbe entrare nell’ Olimpo dei grandi dell’auto. Ha salvato PSA dal baratro, è riuscito a far tornare in attivo Opel dopo quasi 20 anni di passivo generando miliardi di utili. Gran parte dei costruttori si strappano i capelli su come far profitti in Europa e lui riesce ad essere più redditizio di Mercedes e BMW vendendo C3 aircross &company. DS è un disastro eppure non è in perdita. Non ha quasi investito nei mercati al di fuori dell’ Europa eppure riesce a mantenerli in nero.
Tanto di cappello.


Top
   
MessaggioInviato: dom mag 19, 2019 12:32 pm 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4529
daimlerchrysler ha scritto:
Nonostante i dinieghi da parte di Tata Motors le trattative tra gli indiani e PSA per la vendita di JLR sono ad uno stadio avanzato. Non è certo che si arrivi ad un accordo perché Tavares sta tirando molto la corda. Vuole pagare una cifra simbolica per i 2 marchi, vuole che i costi di sviluppo per i prossimi modelli vengano ancora assorbiti da Tata e che buona parte dei debiti vengano trasferiti. Gli indiani sono piuttosto disperati e non credono affatto al piano presentato da Speth. Certo che se Tavares riuscisse a portare a casa JLR potrebbe entrare nell’ Olimpo dei grandi dell’auto. Ha salvato PSA dal baratro, è riuscito a far tornare in attivo Opel dopo quasi 20 anni di passivo generando miliardi di utili. Gran parte dei costruttori si strappano i capelli su come far profitti in Europa e lui riesce ad essere più redditizio di Mercedes e BMW vendendo C3 aircross &company. DS è un disastro eppure non è in perdita. Non ha quasi investito nei mercati al di fuori dell’ Europa eppure riesce a mantenerli in nero.
Tanto di cappello.

Certamente con la caduta di ghosn ora il migliore è lui, cmq dai PSA fa anche buone auto come 3008 che non ha niente da invidiare alla vw....e che nonostante non siano scontatissime, a differenza di 208-308, vendono alla grande.

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010 - 225.555 km


Top
   
MessaggioInviato: dom mag 19, 2019 1:22 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 12353
Indubbiamente hanno centrato alla grande i C-suv, hanno un’ottima utilizzazione degli impianti e soprattutto una politica di sconti che gli permette di raggiungere margini eccellenti. Al di fuori dell’Europa praticamente non fanno soldi (in Cina ne perdono una marea), l’esatto contrario della gran parte dei concorrenti. L’acquisizione di Opel sembrava pura follia ed invece la casa tedesca fa profitti e sopratutto genera liquidità.
Vedremo se la seconda parte del regno di Tavares avrà lo stesso successo.


Top
   
MessaggioInviato: ven mag 31, 2019 10:26 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 12353
2019

Jaguar Land Rover (JLR) recently revealed a £3.6 billion annual loss, much of which was due to it reducing the value of company assets and a recognition of a reduction in future earnings.

The results came after two weeks of speculation that the PSA Group – owner of Peugeot, Citroën, DS and Vauxhall/Opel – had made a bid to buy JLR from Indian owner Tata.

A ‘post-integration’ document was reported to have been in circulation at the British car maker. JLR boss Ralf Speth did not rule out discussions between PSA and Tata but suggested he was not party to them. For its part, Tata said there was no truth in the rumours that it was about to “divest its stake in JLR”.



What Tata’s statement didn’t say was that it might divest some of its stake in JLR, entering a co-operation with PSA that could make sense for both companies. This currently looks to be the most likely outcome, according to Autocar sources.


One investor said he believed that some kind of PSA-JLR tie-up was “inevitable”, a sentiment backed up by former Land Rover chief engineer Charles Tennant, who told the Coventry Telegraph that JLR was in a “death spiral”.

So is JLR really in trouble, or is this major bump in the road simply due to the collapse of JLR’s sales in China? The hard figures suggest that there is trouble ahead.

According to JLR’s accounts for 2018-19, sales in North America were up by 8.1% to 139,800 and up in the UK by 8.7% to 117,900 units. But sales across the EU were down by 4.5% and they crashed in China by 34%. North America is now JLR’s biggest market.

Behind those headline figures, there were big drops in the 2018-19 sales of the Evoque and Discovery Sport (both down by around 30%) as buyers waited for the new models, but this should spring back over the next 12 months. A 20% fall in F-Pace sales is not helpful for a comparatively young model, though.



However, sales of the E-Pace grew strongly, as did sales of the Velar. The Range Rover Sport was up to a profit-enhancing 80,000 sales globally.

Investment in the new MLA multi-fuel platform is weighing on the company, though. JLR spent a significant £3.8bn in 2018-19 on investment, of which 62% was on new products and 14% on electrification.

Sources also told Autocar that the JLR operation in China is in particular difficulty. Rocky relationships with dealer networks need to be repaired after significant sales and marketing mistakes were made.

Sources also claim that JLR’s relationship with Chery, its joint-venture partner in China, is also not as settled as it might be. Rocky releationships with dealer networks need to be repaired after significant sales and marketing mistakes were made, with insider concern JLR won't be able to turn that operation around.

Stories of quality problems with Chinese production are also common in the local media. The JLR-Chery combine builds the Evoque, Discovery Sport, E-Pace and long-wheelbase XE and XF for the Chinese market.

If we boil all that down, JLR’s predicament looks something like this: sales of less than 600,000 units across 13 model lines is a recipe for trouble down the line. And although the company is merging most of its cars onto the MLA platform, it is an expensive architecture and the investment needed to redesign its current bestsellers and launch three new model lines will be vast.

Even selling more than 700,000 cars by 2021 may not generate the cash needed for the future of the business. Rival firm BMW, for example, sold more than three times that in 2018. Moreover, JLR’s financial projections predict profit margins in the 3-4% range for the next three years and 4-6% by 2023. Tricky, when a recession is entirely possible in the medium term.

Take, for example, the current Evoque/Discovery Sport platform, which is due to be phased out in 2025, leaving no replacement architecture for these big-selling cars and, one investor claimed, no money in the bank for a project that needs to start in 18 months or so.

Outline plans for a range of smaller, more affordable and low-CO2 ‘city Land Rovers’ are also dead. Jaguar’s future in saloon cars has to be in question, too, despite official protestations.

How could an alliance with PSA help JLR?

Tata, Jaguar Land Rover's owner, is looking for a partner for a new medium-sized platform for its own future models. Chery was in the frame, but PSA could present itself as a better match.

PSA’s well-regarded EMP architecture could be upgradable for the next Evoque and Discovery Sport, perhaps fitted with an electrically driven rear axle. It could also underpin a family of Land Rovers priced below £30k, helping JLR build much-needed scale and appease dealers.

An alliance with PSA would also provide significant cover for JLR’s fleet CO2 rating, especially if JLR loses its derogation from meeting the 95g/km target in 2021.

PSA’s alliance with Dongfeng in China is said to be rocky, so a bespoke PSA-JLR venture in the country could help both partners start with a clean sheet, and JLR would have access to PSA dealers, allowing a neat brand ‘ladder’ from Citroën to Peugeot, DS and then Land Rover as a flagship.

PSA is also looking to get a foothold in the US, where JLR already has an established dealer network that it describes as “solidly profitable”.

As a first step in a PSA-JLR alliance, this all looks like a sound move. Any deal would probably lead to some major changes in JLR’s future plans, rather than ensuring business as usual. But major upheaval for JLR looks unavoidable.

Premium car firms - how it was looking last year

Mercedes-Benz (brand)

Earnings/profit - £6.26bnProfit margin - 7.8%Research and development - £6.03bnSales - 2.38 million cars

Audi (brand)

Earnings/profit - £4.05bn Profit margin - 7.8% R&D - £3.62bn Sales - 1.88 million cars

BMW Group

Earnings/profit - £8.64bn Profit margin - 7.2% R&D - £7.05bn Sales - 2.12 million cars

Jaguar Land Rover

Earnings/profit – £358m (£1.07bn in 2017) Profit margin – 0.7% (3.8% in 2017) R&D - £3.8bn Sales - 578,900 cars (614,300 in 2017)

1)Jaguar terminerà la produzione della XJ questa estate.

2) le voci su un matrimonio con PSA tendono a non diminuire nonostante i dinieghi di Tata. Secondo gli analisti PSA potrebbe fornire il pianale C-D per i veicoli compatti di JLR mentre dal segmento E in su sarebbero gli inglesi a dare il tono. JLR avrebbe anche una protezione dalla Brexit e dai limiti di emissione del 2021.


Top
   
MessaggioInviato: ven mag 31, 2019 10:33 am 
Non connesso

Iscritto il: mer ott 03, 2012 10:51 am
Messaggi: 4529
Come si diceva meglio il c/d psa del macigno di evoque/e pace/disco sport, segmento E psa??

_________________
ALFA ROMEO GIULIETTA jtdm-2 20 170cv- distinctive-pack premium-pack sport 18 - Luglio 2010 - 225.555 km


Top
   
MessaggioInviato: ven mag 31, 2019 10:39 am 
Non connesso
ADMIN
Avatar utente

Iscritto il: mar set 26, 2006 4:08 pm
Messaggi: 14683
Località: Monza
Stefano_M ha scritto:
Come si diceva meglio il c/d psa del macigno di evoque/e pace/disco sport, segmento E psa??


Fino a non molto tempo fa aveva C6/xm e 60*.. è un segmento che hanno di fatto abbandonato. La 508 si chiama così proprio perché è andata a sostituire 407 e 607, anche se poi è una D un po' abbondante

_________________
"Scusi, ma lei ha preso la patente di guida veloce?"


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 164 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente 1 2 3 4 5 6 Prossimo

Tutti gli orari sono UTC+01:00


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Limited
Traduzione Italiana phpBBItalia.net