Questo forum utilizza dei Cookie per tenere traccia di alcune informazioni. Quali notifica visiva di una nuova risposta in un vostro topic, Notifica visiva di un nuovo argomento, e Mantenimento dello stato Online del Registrato. Collegandosi al forum o Registrandosi, si accettano queste condizioni.

Tutti gli orari sono UTC+01:00




Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: FT Fiat & Peugeot..
MessaggioInviato: gio lug 24, 2014 5:09 pm 
Non connesso
ADMIN
Avatar utente

Iscritto il: gio mar 30, 2006 6:17 pm
Messaggi: 12993
Località: 1640 Riverside Drive, Hill Valley
Secondo me sti quotidiani finanziari non sanno più cosa inventarsi per l'estate :briaco


Peugeot Citroen e Fiat-Chrysler starebbero valutando una ipotesi di fusione che porterebbe alla creazione del quinto produttore mondiale di auto con una potenza produttiva di otto milioni di veicoli all'anno. È quanto riporta il Financial Times secondo cui i due gruppi avrebbero avviato discussioni
Il Sole 24 Ore - leggi su http://24o.it/4vPAD6

_________________
Alfa 147 JTDm Immagine
Mazda MX-5 NC 1.8 Immagine


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio lug 24, 2014 5:26 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 10773
Domani Fiat flirterà con Ford, dopodomani con gm, tra 3 giorni con BMW, tra 4 con Toyota...... :allegria


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio lug 24, 2014 5:37 pm 
Non connesso

Iscritto il: dom nov 21, 2010 8:25 pm
Messaggi: 9125
Località: Earth - Sol III
E venne Volkswagen che fagocitò Peugeot, che si fuse con Fiat, che acquisto la Chrysler, che al mercato mio padre comprò...


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: gio lug 24, 2014 10:29 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar giu 06, 2006 4:00 pm
Messaggi: 14609
Località: Bologna
Ma Peugeot non é mezza cinese ormai?

Comunque sia la Francia non ha vinto i mondiali, quindi la scusa dell'euforia non regge piú..... 8)

_________________
Sai che cosa diceva quel tale? In Italia sotto i Borgia, per trent'anni, hanno avuto assassinii, guerre, terrore e massacri, ma hanno prodotto Michelangelo, Leonardo da Vinci e il Rinascimento. In Svizzera hanno avuto amore fraterno, cinquecento anni di pace e democrazia, e che cos' hanno prodotto? Gli orologi a cucù.( O.Welles)


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven lug 25, 2014 7:36 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar ott 04, 2011 3:58 pm
Messaggi: 5468
ma poi non ho capito: da quando Fiat è diventata un boccone così goloso?

_________________
Al secolo BlackBlizzard


Basso addì 11/09/2014 dixit "appena ho un w.e. libero ci butto un occhio"


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven lug 25, 2014 10:29 am 
Non connesso

Iscritto il: dom nov 21, 2010 8:25 pm
Messaggi: 9125
Località: Earth - Sol III
Da quando hanno promesso che non faranno più la Flavia, immagino...


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: ven mar 13, 2015 10:16 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 10773
«Un'alleanza con General Motors o con Ford è tecnicamente possibile». È così che Sergio Marchionne ha risposto ieri a chi gli chiedeva se sia possibile un matrimonio di Fiat Chrysler con una delle due grandi case di Detroit .

È stato niente più di un accenno, ma il mercato lo ha preso sul serio: il titolo Fca è salito di quasi il 2%, portando al 21% il guadagno dell'ultimo mese, un record che nessun altro concorrente può vantare. Soprattutto se si pensa che, per quanto positivi, i risultati di vendita di febbraio annunciati da Fiat Chrysler solo il 3 marzo scorso, si sono attestati ben al di sotto delle previsioni degli analisti. La Borsa di solito non perdona chi manca gli obiettivi, ma Fca è stato l'unico titolo del comparto auto a non risentirne affatto. Risultato: negli ultimi 12 mesi le azioni Fca hanno guadagnato più del 101% a fronte di un modestissimo rialzo del 10% dell'indice-guida S&P 500. Per non parlare del confronto con i concorrenti, cominciando prprio dalle due case americane indicate ieri da Marchionne come le possibili partner di una fusione: Gm è salita dell'1,7% in 12 mesi e Ford del 5,2%, una miseria al confronto con la performance della casa italiana.

Se si vuole dunque capire non solo perchè Marchionne ha cominciato a svelare i nomi dei possibili partner di Fca, ma anche le ragioni che spingono il mercato finanziario a scommettere così tanto sul futuro del gruppo, bisogna guardare in direzioni diverse da quelle valgono per gli altri. In due sole parole, alle operazioni straordinarie. Anche se l'ex gruppo torinese ha fatto importanti passi avanti nello sviluppo e nel lancio dei nuovi modelli e continua a beneficiare del successo della Jeep negli Usa e su ogni altro mercato, non c'è dubbio che il valore raggiunto dall'azienda - circa 20 miliardi di euro in capitalizzazione - rifletta oggi solo in minima parte la componente vendite, utili e prospettive industriali.

Il mercato compra infatti Fca essenzialmente per due motivi: il primo è l'imminente spin-off della Ferrari agli azionisti Fca e la quotazione separata del suo titolo a Wall Street, operazione che potrebbe generare un valore ben superiore ai 7 miliardi di euro come ha ammesso ieri lo stesso top manager del Lingotto (oggi si parla di circa 12 miliardi di euro); il secondo, la certezza che subito dopo lo spin-off della Ferrari, il cui controllo passerà sotto Exor, Fiat-Fca sarà in grado con le risorse incassate di ridurre il peso del debito che gli grava sui conti: a fine 2014 era di circa 7,7 miliardi, ma per il 2015 si prevede (senza operazione Ferrari) un indebitamento di oltre 10 miliardi di euro, un carico eccessivo sotto ogni profilo. Queste due operazioni sono ritenute necessarie non tanto per la salute finanziaria dell'azienda, quanto per compiere la mossa decisiva: l'aggregazione tra Fiat-Chrysler (senza Ferrari) e un grande concorrente globale.

Da anni - e soprattutto da quando Fca ha spostato la propria sede legale e fiscale tra Londra e Amsterdam - l'attesa di questa mossa sostiene la corsa del titolo Fiat. E Marchionne è stato un vero maestro nel dosare il timing e la quantità delle informazioni da fornire al mercato. Prima dell'apertura di ieri a un matrimonio con Gm o Ford, Marchionne aveva infatti stimolato abilmente l'interesse della Borsa sul futuro di Fca con una frase sibillina all'Auto Show di Detroit nel gennaio scorso: «Per Fiat - disse Marchionne - è necessario trovare un terzo compagno di viaggio dopo Chrysler». Per non spegnere la cavalcata del titolo e prolungare l'interesse degli investitori, ecco dunque arrivare ieri il nuovo tassello del puzzle. Alla domanda di un giornalista, Marchionne ha risposto che il candidato giusto non è un europeo, meno che mai un tedesco, e dei cinesi non ha neppure parlato: «Non credo - ha spiegato il manager - che il rapporto ideale sia con un partner che abbia una forte presenza in Europa. La strategia è trovare una soluzione stabile e permanente allo sviluppo industriale dell'auto a livello internazionale.

Bisogna far fronte al problema delle spese elevate, la domanda che dobbiamo porci è come riuscire a contenere il consumo di capitale». E qui arriviamo a General Motors. Chi più di Gm, un colosso globale che in Europa soffre la concorrenza tedesca e francese, ha oggi tanta cassa e azioni proprie da poter finanziare non solo gli investimenti industriali, ma anche un'eventuale acquisizione di Fca? Da mesi si dice dietro le quinte del Lingotto, che proprio General Motors (e certamente non la Ford) sarà il punto di arrivo della strategia di Marchionne e degli eredi Agnelli per dare un nuovo futuro alla Fiat: Gm è non soltanto il primo gruppo automobilistico americano e il più bisognoso di maggiore massa critica in Europa, ma è anche il gruppo con i legami più forti con il Governo americano, che è ancora azionista della casa dopo la bancarotta del 2009.

Ebbene, l'idea di un'aggregazione tra Gm e Chrysler era stata presa in considerazione sei anni fa proprio dall'amministrazione Obama, che prima di lanciare il piano di salvataggio delle le due case in bancarotta aveva accarezzato l'idea di fonderle e di investirci per creare un nuovo “campione nazionale”. Poi si fece avanti la Fiat e la ristrutturazione della Chrysler fu affidata a Marchionne. Oggi il quadro è cambiato: non solo Gm ha in cassa liquidità per 27 miliardi di dollari - di cui 5 saranno impiegati subito per un buy back delle proprie azioni - e ha urgenza di tornare a crescere sui concorrenti asiatici ed europei, ma c'è anche la stessa Chrysler che è destinata a passare di mano, come ha ribadito lo stesso Marchionne: una fusione tra le due società, con il ritorno di una Chrysler risanata e competitiva sotto la bandiera americana e con l'apporto di una Fca non gravata dal debito attuale, è un'idea che piace a tutti, a Washington e a Wall Street. Piace al Governo americano in carica ma uscente, e piace soprattutto al neo-eletto parlamento a maggioranza repubblicana, che sul nazionalismo industriale e sul «buy american» ha costruito l'ultima campagna americana.

Questa volta non è una rumor giornalistico ma è lo stesso Marchionne che ha definito una fusione di FCA con Gm oppure Ford fattibile e auspicabile.
Ormai dal 2009 la vecchia Fiat e' stata spolpata di tutti gli assets (CNH e Ferrari in primis) che generavano maggior valore delle vecchie attività automobilistiche tradizionali, gli Agnelli potrebbero essere pronti a cedere il controllo della casa italo-americana. Le azioni di FCA sono volate negli ultimi mesi, la capitalizzazione raggiunge il valore di 20 miliardi di euro, secondo tutti gli analisti e' esagerata ma potrebbe essere un'arma negoziale non da poco.
Non credo che allo stato attuale ci sia qualcosa di concreto per una fusione GM-FCA, Marchionne ha sempre avuto un'ottica di brevissimo periodo, non gli interessano gli aspetti industriali bensì solo massimizzare il valore per i propri azionisti. Nel medio-lungo termine è possibile che FCA finisca in mano a qualche altro grande costruttore ma ci vorrà del tempo.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab mar 21, 2015 12:56 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven giu 15, 2012 3:25 pm
Messaggi: 1160
Domanda: in caso di fusione con GM o Ford dove saranno collocate Magneti Marelli e Comau?


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: sab mar 21, 2015 1:32 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 10773
Siamo nel campo delle ipotesi, non sappiamo cosa potrebbe succedere. Gm e Ford hanno ceduto molti anni fa le proprie aziende fornitrici, Visteon e Delhi. Inutile dire che dopo pochi anni sono fallite.


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC+01:00


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Limited
Traduzione Italiana phpBBItalia.net