Questo forum utilizza dei Cookie per tenere traccia di alcune informazioni. Quali notifica visiva di una nuova risposta in un vostro topic, Notifica visiva di un nuovo argomento, e Mantenimento dello stato Online del Registrato. Collegandosi al forum o Registrandosi, si accettano queste condizioni.

Tutti gli orari sono UTC+01:00




Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 39 messaggi ]  Vai alla pagina 1 2 Prossimo

Perché le gomme larghe tengono di più?
Per la maggiore impronta a terra. 79%  79%  [ 19 ]
Perché la pressione è distribuita meglio. 21%  21%  [ 5 ]
Voti totali: 24
Autore Messaggio
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 10:41 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun mar 13, 2006 11:56 pm
Messaggi: 12349
Vediamo un pò qual'è il parere diffuso su questo argomento.. Rispondete e partecipate numerosi...


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 10:52 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mer mar 28, 2007 7:10 pm
Messaggi: 9490
Località: Monterotondo di Gavi
io credo, magari erroneamente, che sia dovuto alla maggior impronta a terra, anche per quanto riguarda lo scaricamento a terra della potenza. Di solito hanno anche spalla più bassa e quindi maggior precisione in curva.

_________________
L'auto di Billy? Una splendida Fiat Flop Tjet Km zero scelta in un piazzale strapieno, strappandola dalle mani di Romani....
Busonazzo chi legge!


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 10:56 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun mar 13, 2006 11:56 pm
Messaggi: 12349
Immaginiamo, appunto, di lasciare tutto uguale. Stesso cerchio, stessa altezza della spalla (in valore assoluto, quindi il famoso /xx sarà più basso), stesso cerchio, stessa costruzione della carcassa, stessa mescola, stesso battistrada... E per il momento consideriamo solo la frenata...


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 11:46 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun gen 29, 2007 9:32 pm
Messaggi: 6040
Località: Appiano (Bz)
Io credo per la maggiore impronta a terra, ma essendo la risposta troppo ovvia probabilmente la risposta giusta sarà la seconda...

_________________
FREE TIBET


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 11:50 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar mar 20, 2007 8:55 am
Messaggi: 2778
Località: Provincia di Pisa
Strosek ha scritto:
Immaginiamo, appunto, di lasciare tutto uguale. Stesso cerchio, stessa altezza della spalla (in valore assoluto, quindi il famoso /xx sarà più basso), stesso cerchio, stessa costruzione della carcassa, stessa mescola, stesso battistrada... E per il momento consideriamo solo la frenata...


secondo me è per la maggire impronta a terra.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 12:50 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 2:41 pm
Messaggi: 24258
per andare controcorrente!!!! :allegria


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 1:19 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar lug 10, 2007 7:59 am
Messaggi: 651
Ravfour ha scritto:
Io credo per la maggiore impronta a terra, ma essendo la risposta troppo ovvia probabilmente la risposta giusta sarà la seconda...

stessa fortissima sensazione!

_________________
Entra piano in curva per uscirne forte, ma soprattutto... per uscirne


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 1:42 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar gen 23, 2007 3:06 pm
Messaggi: 24857
Località: Milano
Per la maggiore impronta a terra.. Il peso viene distribuito su uno spazio più ampio.

_________________
Fiat Panda Hobby - 39 cavalli, sì, ma non per tonnellata :alastio:


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 1:48 pm 
:allegria Ragazzi voi non credete che Pressione*Area =Peso debba rimanere costante? :allegria L'area non cambia, cambia il suo modo di lavorare.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 1:52 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 11:50 am
Messaggi: 10568
Ma allargando il battistrada non c'è anche un maggiore attrito?

_________________
Esiste una quantità di oggetti meccanici che aumentano gli stimoli sessuali di certe donne: primo fra questi è la Porsche 911.

Guidare di traverso è una delle cose più belle che un uomo possa fare da vestito.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 1:56 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar gen 23, 2007 3:06 pm
Messaggi: 24857
Località: Milano
Sì, certo, ma questo influisce negativamente in prestazioni come vel. max e accelerazione (oltre che in comfort e consumi), in curva è solo un punto a favore.

_________________
Fiat Panda Hobby - 39 cavalli, sì, ma non per tonnellata :alastio:


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 1:59 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun gen 29, 2007 9:32 pm
Messaggi: 6040
Località: Appiano (Bz)
Alastor ha scritto:
:allegria Ragazzi voi non credete che Pressione*Area =Peso debba rimanere costante? :allegria L'area non cambia, cambia il suo modo di lavorare.


P*V=k(costante) non era tipo una certa legge di Boyle?

_________________
FREE TIBET


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 2:03 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 11:50 am
Messaggi: 10568
Ravfour ha scritto:
Alastor ha scritto:
:allegria Ragazzi voi non credete che Pressione*Area =Peso debba rimanere costante? :allegria L'area non cambia, cambia il suo modo di lavorare.


P*V=k(costante) non era tipo una certa legge di Boyle?


Però rimanendo P x A = K, l'attrito, pur maggiore per la superficie, lavora con un carico inferiore ma distribuito su una superificie maggiore. Quindi la risposta è la seconda ma è al conseguenza diretta della prima!

_________________
Esiste una quantità di oggetti meccanici che aumentano gli stimoli sessuali di certe donne: primo fra questi è la Porsche 911.

Guidare di traverso è una delle cose più belle che un uomo possa fare da vestito.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 2:08 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun gen 29, 2007 9:32 pm
Messaggi: 6040
Località: Appiano (Bz)
Zebrone ha scritto:
Ravfour ha scritto:
Alastor ha scritto:
:allegria Ragazzi voi non credete che Pressione*Area =Peso debba rimanere costante? :allegria L'area non cambia, cambia il suo modo di lavorare.


P*V=k(costante) non era tipo una certa legge di Boyle?


Però rimanendo P x A = K, l'attrito, pur maggiore per la superficie, lavora con un carico inferiore ma distribuito su una superificie maggiore. Quindi la risposta è la seconda ma è al conseguenza diretta della prima!


aspetta, per area intendi l'impronta a terra (io parlavo di volume)?

Se la risposta è si allora dovrebbe non essere costante il rapporto. la pressione è costante, l'area dell'impronta a terra varia da gomma a gomma, quindi è una variabile. Il prodotto di P e A di una gomma 235 è differente da quello di una gomma 195, che ha un'impronta a terra minore (ok Strosek uccidimi se ho detto cacchiate :D).

_________________
FREE TIBET


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 2:13 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar mar 14, 2006 7:49 pm
Messaggi: 1187
Località: CarboCity
Sta diventando il topic per il "piccolo fisico napoletano" questo :D


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 2:16 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 11:50 am
Messaggi: 10568
Ravfour ha scritto:
Zebrone ha scritto:
Ravfour ha scritto:
Alastor ha scritto:
:allegria Ragazzi voi non credete che Pressione*Area =Peso debba rimanere costante? :allegria L'area non cambia, cambia il suo modo di lavorare.


P*V=k(costante) non era tipo una certa legge di Boyle?


Però rimanendo P x A = K, l'attrito, pur maggiore per la superficie, lavora con un carico inferiore ma distribuito su una superificie maggiore. Quindi la risposta è la seconda ma è al conseguenza diretta della prima!


aspetta, per area intendi l'impronta a terra (io parlavo di volume)?

Se la risposta è si allora dovrebbe non essere costante il rapporto. la pressione è costante, l'area dell'impronta a terra varia da gomma a gomma, quindi è una variabile. Il prodotto di P e A di una gomma 235 è differente da quello di una gomma 195, che ha un'impronta a terra minore (ok Strosek uccidimi se ho detto cacchiate :D).


Area è la superficie.

Se il peso del mezzo è costante, anche il rapporto P X Superficie dev'essere costante, quindi all'aumentare della superficie, il peso che risulta per ogni "pezzo di superficie" è inferiore, quindi il peso è meglio distribuito. L'attrito, pur essendo maggiore, subisce una spinta minore ma meglio distribuita sull'intera superficie. Non so se mi riesco a spiegare bene. :mrgreen:

_________________
Esiste una quantità di oggetti meccanici che aumentano gli stimoli sessuali di certe donne: primo fra questi è la Porsche 911.

Guidare di traverso è una delle cose più belle che un uomo possa fare da vestito.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 2:22 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun gen 29, 2007 9:32 pm
Messaggi: 6040
Località: Appiano (Bz)
Ah ok, ho capito.
A parità di peso esso si distribuisce meglio su una gomma più grande e l'attrito muta di conseguenza, questo è quello che vuoi dire.
Se pensi bene però le gomme da neve però solitamente sono molto molto "strette", per avere più attrito su una superficie minore. A parità di mescola se ci pensi bene fa più fatica ad avanzare su neve una 205 piuttosto che una 195.

_________________
FREE TIBET


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 2:30 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 11:50 am
Messaggi: 10568
Ravfour ha scritto:
Ah ok, ho capito.
A parità di peso esso si distribuisce meglio su una gomma più grande e l'attrito muta di conseguenza, questo è quello che vuoi dire.
Se pensi bene però le gomme da neve però solitamente sono molto molto "strette", per avere più attrito su una superficie minore. A parità di mescola se ci pensi bene fa più fatica ad avanzare su neve una 205 piuttosto che una 195.


Quello secondo me è dovuto al fatto che sotto la superficie delLO pneumatico si crea un sottile strato di neve quindi avere un'impronta a terra minore ti permette di "galleggiare" di meno su questo strato...



ALASTOOOOOR, STROSEEEEEK, AIUTOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

_________________
Esiste una quantità di oggetti meccanici che aumentano gli stimoli sessuali di certe donne: primo fra questi è la Porsche 911.

Guidare di traverso è una delle cose più belle che un uomo possa fare da vestito.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 2:34 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun gen 29, 2007 9:32 pm
Messaggi: 6040
Località: Appiano (Bz)
Zebrone ha scritto:
Ravfour ha scritto:
Ah ok, ho capito.
A parità di peso esso si distribuisce meglio su una gomma più grande e l'attrito muta di conseguenza, questo è quello che vuoi dire.
Se pensi bene però le gomme da neve però solitamente sono molto molto "strette", per avere più attrito su una superficie minore. A parità di mescola se ci pensi bene fa più fatica ad avanzare su neve una 205 piuttosto che una 195.


Quello secondo me è dovuto al fatto che sotto la superficie delLO pneumatico si crea un sottile strato di neve quindi avere un'impronta a terra minore ti permette di "galleggiare" di meno su questo strato...



ALASTOOOOOR, STROSEEEEEK, AIUTOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO


credo sia proprio il contrario (credo...eh), il pneumatico più fino ti permette di "penetrare" nella neve, di fenderla, oltretutto ci mette meno tempo a scaldarsi se non erro, essenso più piccolo, ma per quest'ultima cosa credo sia un discorso solo di mescola, non di altro.

_________________
FREE TIBET


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 2:37 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 11:50 am
Messaggi: 10568
Appunto, se hai meno superficie galleggi meno!!! Ma sotto qualiasi superificie, a causa della pressione, la neve o il ghiaccio fanno uno strato d'acqua, anche sotto ai ghiacciai!I Minore è la superificie dello strato di acqua che si genera, maggiore è la precisione ed il controllo che puoi esercitare.

_________________
Esiste una quantità di oggetti meccanici che aumentano gli stimoli sessuali di certe donne: primo fra questi è la Porsche 911.

Guidare di traverso è una delle cose più belle che un uomo possa fare da vestito.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 2:43 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun gen 29, 2007 9:32 pm
Messaggi: 6040
Località: Appiano (Bz)
Zebrone ha scritto:
Appunto, se hai meno superficie galleggi meno!!! Ma sotto qualiasi superificie, a causa della pressione, la neve o il ghiaccio fanno uno strato d'acqua, anche sotto ai ghiacciai!I Minore è la superificie dello strato di acqua che si genera, maggiore è la precisione ed il controllo che puoi esercitare.


Uhm, non so se questo discorso si può applicare anche alle gomme...francamente non credo proprio, non mi pare che sulla neve si crei uno strato d'acqua tra pneumatico e superficie nevosa, non ho mai sentito nulla del genere, non saprei che dirti, qui ci vorrebbero Strosek, Octane, Alastor a darci una mano...
Del resto gli pneumatici da neve sfruttano anche il contatto neve su neve, la neve che si infiltra nelle scanalature piccole ondulate, fatte apposta e fitte appositamente sulla superficie. Se noti infatti un pneumatico da neve "raccoglie" sempre molta molta neve, per la sua conformazione studiata.

_________________
FREE TIBET


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 2:52 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 11:50 am
Messaggi: 10568
Cita:
francamente non credo proprio, non mi pare che sulla neve si crei uno strato d'acqua tra pneumatico e superficie nevosa

Quello è sicuro. Te lo dimostro semplicemente.
L'acqua alla pressione di 1 atmosfera solidifica a 0 gradi, all'aumentare della pressione l'acqua solidificherà per congelamento a una temperatura inferiore. Perciò mantenendo la temperatura costante, con il passaggio del pneumatico l'acqua solidificata (neve) si troverà a una pressione maggiore di quella atmosferica e passerà allo stato liquido.

_________________
Esiste una quantità di oggetti meccanici che aumentano gli stimoli sessuali di certe donne: primo fra questi è la Porsche 911.

Guidare di traverso è una delle cose più belle che un uomo possa fare da vestito.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 2:53 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun mar 13, 2006 11:56 pm
Messaggi: 12349
Bravi, pian piano vi siste avvicinati alla realtà..
Fermiamo per un momento qualche condizione: parliamo di tenuta su asfalto e di un'auto dello stesso peso.
Per una semplice questione di equilibrio, immaginiamo che l'auto pesi 2000kg e che la distribuzione dei pesi sia simmetrica. Quindi ogni ruota davrà un carico verticale di 500kg. Per equilibrare il quale, la gomma si deforma. Osa il disocorso è: ma se su questa ruota ci sono sempre 500kg, se la carcassa è uguale ma cambia semplicemente la larghezza del pneumatico, diciamo 205 invece che 185, l'impronta sarà più larga ma anche più corta. Quindi l'area in sé rimane simile. Il fatto è che locamente, puntualmente, le pressioni cambiano, benché la loro risultate sia uguale, e sono più favorevoli nel confronto della gomma larga. In pratica, allargando la gomma, l'area di contatto rimane simile, ma le pressioni di contatto tra gomma e suolo sono distribuite diversamente, sono più uniformi nella gomma larga, consentendo una migliore tenuta di strada.

Se questo discorso vi è chiaro...potete gustarvi anche quello che viene dopo....


Se vogliamo metterlo in termini matematici, si ha che la forza orizzontale (esempio di frenata) Fx è uguale a Fz (carico verticale) x coeff. di attrito m.
Fx=Fz*m

Ma Fz = A*p ovvero area di contatto per pressione.
Detta così, sembra che allargando la gomma non cambi un cavolo: rimane uguale Fz, rimane uguale m...come può aumentare Fx?
Perché il coeff. di attrito non è costante al variare di Fz.. In pratica: se raddoppio il carico verticale su una gomma, la forza orizzontale Fx non raddoppierà, ma sarà un po' di meno.... In altri termini: il coeff. di attrito cala all'aumentare di Fz, hanno due andamento opposti.
Essendo le pressioni di contatto più uniformi con gomme larghe, sarà sfruttato meglio l'attrito, da qui la maggiore tenuta di strada.
Per lo stesso motivo, se prendo un'auto e la zavorro, la tenuta di strada sarà inferiore. Prendiamo un'auto pesante 4000kg.
Fx=2*Fz*m
In teoria avrei il doppio della forza orizzontale, quindi l'auto pesa il doppio ma io ho il doppio della forza frenante. Invece m cala rispetto a prima....


La neve è un altro paio di maniche. Lì è inutile avere un'ampia superficie di contatto, tanto la neve fresca non riesce a trasmettere forze. Tanto vale "raspare", raschiare lo strato superficiale e cercare di attaccarsi su quello sottostante, più duro. E, magari, cercare di creare una specie di canale o rotaia in cui far scorrere le gomme e far lavorare anche la spalla.

Infatti, pensa di scivolare sul pavimento lucido...come ti fermi? Pianti il palmo della mano, lo allarghi istantivamente, cercando di rendere uniforme la pressione tra palmo dell amano e pavimento.
Se invece scivoli sul ghiaccio, perchi di graffiare con le unghie.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 2:56 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: mar mar 14, 2006 7:49 pm
Messaggi: 1187
Località: CarboCity
In questo momento non ho la forza di seguire bene le vostre edotte spiegazioni, ma mi pare di aver intuito che scegliendo la 2 c'ho azzeccato? :allegria

_________________
"Ai consideres des fleg of de Iunaite Steiz nos onli a fleg of e cantri, bus is a iuniversal messagg of fridom e democrassi"


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 3:01 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun gen 29, 2007 9:32 pm
Messaggi: 6040
Località: Appiano (Bz)
Strosek ha scritto:
Bravi, pian piano vi siste avvicinati alla realtà..
Fermiamo per un momento qualche condizione: parliamo di tenuta su asfalto e di un'auto dello stesso peso.
Per una semplice questione di equilibrio, immaginiamo che l'auto pesi 2000kg e che la distribuzione dei pesi sia simmetrica. Quindi ogni ruota davrà un carico verticale di 500kg. Per equilibrare il quale, la gomma si deforma. Osa il disocorso è: ma se su questa ruota ci sono sempre 500kg, se la carcassa è uguale ma cambia semplicemente la larghezza del pneumatico, diciamo 205 invece che 185, l'impronta sarà più larga ma anche più corta. Quindi l'area in sé rimane simile. Il fatto è che locamente, puntualmente, le pressioni cambiano, benché la loro risultate sia uguale, e sono più favorevoli nel confronto della gomma larga. In pratica, allargando la gomma, l'area di contatto rimane simile, ma le pressioni di contatto tra gomma e suolo sono distribuite diversamente, sono più uniformi nella gomma larga, consentendo una migliore tenuta di strada.

Se questo discorso vi è chiaro...potete gustarvi anche quello che viene dopo....


Se vogliamo metterlo in termini matematici, si ha che la forza orizzontale (esempio di frenata) Fx è uguale a Fz (carico verticale) x coeff. di attrito m.
Fx=Fz*m

Ma Fz = A*p ovvero area di contatto per pressione.
Detta così, sembra che allargando la gomma non cambi un cavolo: rimane uguale Fz, rimane uguale m...come può aumentare Fx?
Perché il coeff. di attrito non è costante al variare di Fz.. In pratica: se raddoppio il carico verticale su una gomma, la forza orizzontale Fx non raddoppierà, ma sarà un po' di meno.... In altri termini: il coeff. di attrito cala all'aumentare di Fz, hanno due andamento opposti.
Essendo le pressioni di contatto più uniformi con gomme larghe, sarà sfruttato meglio l'attrito, da qui la maggiore tenuta di strada.
Per lo stesso motivo, se prendo un'auto e la zavorro, la tenuta di strada sarà inferiore. Prendiamo un'auto pesante 4000kg.
Fx=2*Fz*m
In teoria avrei il doppio della forza orizzontale, quindi l'auto pesa il doppio ma io ho il doppio della forza frenante. Invece m cala rispetto a prima....


La neve è un altro paio di maniche. Lì è inutile avere un'ampia superficie di contatto, tanto la neve fresca non riesce a trasmettere forze. Tanto vale "raspare", raschiare lo strato superficiale e cercare di attaccarsi su quello sottostante, più duro. E, magari, cercare di creare una specie di canale o rotaia in cui far scorrere le gomme e far lavorare anche la spalla.

Infatti, pensa di scivolare sul pavimento lucido...come ti fermi? Pianti il palmo della mano, lo allarghi istantivamente, cercando di rendere uniforme la pressione tra palmo dell amano e pavimento.
Se invece scivoli sul ghiaccio, perchi di graffiare con le unghie.


Chiarissimo tutto :ok
Su neve dunque il discorso cambia totalmente.

_________________
FREE TIBET


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 3:02 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 11:50 am
Messaggi: 10568
Ho capito, ho capiiiiito!!!!!! EEEEEEEEE!!!!


Gigi ma il mio discorso sul passaggio di stato dell'acqua è giusto?

_________________
Esiste una quantità di oggetti meccanici che aumentano gli stimoli sessuali di certe donne: primo fra questi è la Porsche 911.

Guidare di traverso è una delle cose più belle che un uomo possa fare da vestito.


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 3:04 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun gen 29, 2007 9:32 pm
Messaggi: 6040
Località: Appiano (Bz)
Zebrone ha scritto:
Cita:
francamente non credo proprio, non mi pare che sulla neve si crei uno strato d'acqua tra pneumatico e superficie nevosa

Quello è sicuro. Te lo dimostro semplicemente.
L'acqua alla pressione di 1 atmosfera solidifica a 0 gradi, all'aumentare della pressione l'acqua solidificherà per congelamento a una temperatura inferiore. Perciò mantenendo la temperatura costante, con il passaggio del pneumatico l'acqua solidificata (neve) si troverà a una pressione maggiore di quella atmosferica e passerà allo stato liquido.


Edo, quello che dici succede quando c'è nevischio e c'è poca neve sull'asfalto, lo vedi anche quando cammini che la neve si liquefa. Però quando c'è tanta neve questo non succede, la neve non si liquefa con la pressione dello pneumatico.

_________________
FREE TIBET


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 3:12 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lun mar 13, 2006 11:56 pm
Messaggi: 12349
Sincermente non so cosa possa succedere alla neve quando passa sotto un pneumatico... Il fenomeno fisico che dici, Edo, è vero...ma se poi in pratica sotto la gomma si forma uno strato di liquido, non saprei. Di sicuro, la largheza del pneumatico non è dominante su neve così come lo è su asfalto.. Pensa alle gomme da neve delle auto da rally!

Ovviamente se si prende una gomma 350 contro una gomma 155, cambierà anche l'area di contatto ;-)


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 3:21 pm 
Ravfour ha scritto:
Alastor ha scritto:
:allegria Ragazzi voi non credete che Pressione*Area =Peso debba rimanere costante? :allegria L'area non cambia, cambia il suo modo di lavorare.


P*V=k(costante) non era tipo una certa legge di Boyle?

Cosa c'entra l'equazione di stato dei gas perfetti? :allegria Ciò che dicevo è un semplice bilancio di forze, la forza peso è uguale al prodotto della pressione gomme per l'area d'appoggio. A parità di pressione l'area non può cambiare...


Top
   
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: dom mar 16, 2008 3:22 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: dom mar 12, 2006 11:50 am
Messaggi: 10568
Ravfour ha scritto:
Zebrone ha scritto:
Cita:
francamente non credo proprio, non mi pare che sulla neve si crei uno strato d'acqua tra pneumatico e superficie nevosa

Quello è sicuro. Te lo dimostro semplicemente.
L'acqua alla pressione di 1 atmosfera solidifica a 0 gradi, all'aumentare della pressione l'acqua solidificherà per congelamento a una temperatura inferiore. Perciò mantenendo la temperatura costante, con il passaggio del pneumatico l'acqua solidificata (neve) si troverà a una pressione maggiore di quella atmosferica e passerà allo stato liquido.


Edo, quello che dici succede quando c'è nevischio e c'è poca neve sull'asfalto, lo vedi anche quando cammini che la neve si liquefa. Però quando c'è tanta neve questo non succede, la neve non si liquefa con la pressione dello pneumatico.


E' la fisica che lo dice, non è una mia opinione, aumentando la pressione la neve si scioglie.

_________________
Esiste una quantità di oggetti meccanici che aumentano gli stimoli sessuali di certe donne: primo fra questi è la Porsche 911.

Guidare di traverso è una delle cose più belle che un uomo possa fare da vestito.


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 39 messaggi ]  Vai alla pagina 1 2 Prossimo

Tutti gli orari sono UTC+01:00


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Limited
Traduzione Italiana phpBBItalia.net