Questo forum utilizza dei Cookie per tenere traccia di alcune informazioni. Quali notifica visiva di una nuova risposta in un vostro topic, Notifica visiva di un nuovo argomento, e Mantenimento dello stato Online del Registrato. Collegandosi al forum o Registrandosi, si accettano queste condizioni.

Tutti gli orari sono UTC+01:00




Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 73 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente 1 2 3
Autore Messaggio
MessaggioInviato: mer lug 10, 2019 8:46 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 12343
parent company BMW has given the green light to a heavily reworked electric-powered production version of the Rocketman - the British company’s ultra-compact urban-based concept, first displayed in 2011.

Set to be launched in 2022, the three-door hatchback is planned to be an electric powered entry-level model within a realigned Mini line-up, with production set to take place at Spotlight Automotive - a newly established joint venture operation run by BMW and its partner Great Wall Motors in Jiangsu, China.

“We’re advancing plans for a model along the lines of the Rocketman. It’s a car we have been looking at for a long time, but to build it profitably at the price point we think customers are prepared to pay, you need a joint venture partner to share costs. Great Wall Motors has provided that opportunity with a shared electric car platform that will be used by Mini,” a senior BMW official revealed to Autocar.



OUR VERDICT
Mini 3-door Hatch
Mini Cooper S
Now in its third generation, we find out if the bigger, cleverer and more mature Mini can still entertain like it predecessors did


Find an Autocar car review




Driven this week
Hyundai Ioniq plug-in hybrid 2019 first drive review - hero front
8 JULY 2019
FIRST DRIVE
Hyundai Ioniq plug-in hybrid 2019 review
Smarter looks inside and out, plus upgraded infotainment for great-value plug...
Renault Megane Trophy R 2019 first drive review - hero front
5 JULY 2019
FIRST DRIVE
Renault Megane RS Trophy-R 2019 review
The Renault Megane RS Trophy-R, the hottest of Meganes, thrills like a great...
Skoda superb front action
5 JULY 2019
FIRST DRIVE
Skoda Superb 2.0 TDI Evo 2019 review
Executive car gains two new engines and minor aesthetic nip and tuck while...
Article continues below advertisement

Designed by a team working under the guidance of former Mini design director Anders Warming, the original 3419mm-long Rocketman was conceived to extend the Mini line-up into the city car segment, as a rival to the likes of the Smart Forfour. But despite a favourable response from potential buyers, its development was halted when talks broke down between BMW and Peugeot on a possible platform and engine sharing deal.

Through its joint venture with Great Wall Motors, BMW has reignited plans for the entry-level Mini model, which is planned to be produced exclusively in a joint venture factory in China for global markets, including the UK.

But while the original Rocketman was planned around a range of three-cylinder petrol and diesel engines, the Mini model being developed by Spotlight Automotive is set to use electric power exclusively, as part of the German car maker’s plans to launch 25 plug-in hybrid and pure electric models by the end of 2023.



It is planned to compliment Mini’s first ever electric model, the upcoming Cooper SE, in an expanded line-up.

News of Mini’s move to build a production version of the Rocketman in China comes close on the heels of Mercedes-Benz’s decision to sell 50 per cent of its Smart city car division to Chinese car maker Geely, which intends to develop a whole new generation of urban-based Smart models.


Ieri Mini ha presentato il suo primo modello elettrico di serie. Oltre alla Mini E è stata annunciata la Mini Rocketman, solo a trazione elettrica. BMW utilizzerà un pianale di Great Wall e la proporrà in Europa. Non solo tutte le future Smart ma anche le Mini elettriche verranno quindi esportate dalla Cina verso l’Europa.


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


MessaggioInviato: mer lug 10, 2019 12:20 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven lug 13, 2007 3:17 pm
Messaggi: 3652
Quindi non solo Bmw disegna le sue auto ad uso e consumo dei nuovi ricchi cinesi, ora ci mette anche i pianali cinesi??? Ma che vadano a quel paese


Top
   
MessaggioInviato: mer lug 10, 2019 12:43 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 12343
Manager magazin un anno fa riportò che BMW volesse "appaltare" lo sviluppo delle future Mini a Great wall. Adesso la Rocketman sarà creata e prodotta dai cinesi, lo stesso succederà con Smart di cui Daimler curerà solo il design. L'R&D sarà svolto da Geely.


Top
   
MessaggioInviato: mer lug 10, 2019 12:50 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven lug 13, 2007 3:17 pm
Messaggi: 3652
daimlerchrysler ha scritto:
Manager magazin un anno fa riportò che BMW volesse "appaltare" lo sviluppo delle future Mini a Great wall. Adesso la Rocketman sarà creata e prodotta dai cinesi, lo stesso succederà con Smart di cui Daimler curerà solo il design. L'R&D sarà svolto da Geely.
Che triste epilogo per l’automotive europea :piangi2


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


MessaggioInviato: mer lug 10, 2019 1:11 pm 
Non connesso
ADMIN
Avatar utente

Iscritto il: mar set 26, 2006 4:08 pm
Messaggi: 14683
Località: Monza
mauro65 ha scritto:
Che triste epilogo per l’automotive europea :piangi2


sempre che l'auto elettrica sia effettivamente il futuro..

_________________
"Scusi, ma lei ha preso la patente di guida veloce?"


Top
   
MessaggioInviato: mer lug 10, 2019 8:02 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven lug 13, 2007 3:17 pm
Messaggi: 3652
daimlerchrysler ha scritto:
Ha perfettamente ragione Fröhlich. Stefan Sommer, capo della divisione componenti di Vw ed ex ceo di ZF (quindi uno che se ne intende) ha ammesso che Vw deve convincere gli incerti fornitori a produrre più batterie.
Vw sottovaluta il ruolo dell’ibrido nel ridurre le emissioni.
Forse dovremmo aprire un 3d specifico sull'elettrificazione. Intanto metto qui.

https://www.ilsole24ore.com/art/auto-el ... to-ACZ7OhX

Auto elettriche, allarme analisti: gli investimenti porteranno a un «deserto del profitto»

Un deserto del profitto. Così Alix Partners, una società di consulenza, descrive il territorio verso cui si sta addentrando l'industria automobilistica. Siamo al terzo indizio in poche settimane.
Prima Standard & Poor's ha avvisato che l'outlook sui margini tende al brutto a causa dei troppi investimenti, a fronte dei quali la risposta del mercato appare quanto meno improbabile. Poi è stata la volta addirittura del numero due di Bmw, che ha fatto coming out sulla completa indisponibilità dei cittadini europei ad acquistare auto solo elettriche. Con tre indizi, comincia a materializzarsi una prova: ma di cosa?

Gli analisti guardano con preoccupazione ad alcuni indicatori del settore. Il più importante è la quantità impressionante di soldi che i costruttori stanno investendo, da qui al 2023: 225 miliardi di dollari per l'elettrificazione della gamma e altri 50 per la guida autonoma, stando alle stime di Alix Partners. Per dare un riferimento, 275 miliardi è la metà dei 553 miliardi di Ebit che i costruttori di auto e veicoli leggeri hanno generato nel quinquennio 2014/18. Sebbene non siano un'automatica erosione dei profitti di pari importo e per quanti risparmi possano fare, e li stanno facendo (e chissà che questo non si riveli parte del problema), è facile comprendere la dimensione della minore redditività.

A questo punto, va detto che l'impresa deve costantemente fare investimenti, per andare incontro alle opportunità di nuova domanda che si prospettano all'orizzonte. Quando, si prospettano. Se, si prospettano. Gli analisti in verità dipingono un trend tutt'altro che espansivo nei prossimi anni. Il primo mercato del Mondo, la Cina, che ha generato in questo decennio i due terzi della crescita, pare stia tirando il freno: si proietta un meno 8% quest'anno. Gli Stati Uniti sono entrati nella fase calante del ciclo e l'Europa, per bene che possa fare, non darà i volumi necessari. Insomma, investimenti sì, ma non per vendere più macchine: sorge il dubbio se Herny Ford li farebbe.

Da dove arriva la spinta all’elettrico
Ma allora, se non dal mercato, da dove arriva la spinta a simili impegni?
Quella verso l'elettrificazione dai governi, che impongono limiti alle emissioni impossibili da rispettare e inutili sotto il profilo ambientale, come ormai tutti sanno – limiti accompagnati da multe miliardarie.
Quella verso la guida autonoma dai giganti dell'ICT, che vogliono a tutti i costi tenere agganciati i clienti quando si spostano in macchina e che spingono la partita ben oltre la normale assistenza alla guida (i cosiddetti ADAS – advanced driver assistance systems). Il punto è che né gli informatici e men che meno i governi conoscono gli automobilisti bene quanto i costruttori di auto, che da oltre cento anni gli offrono il prodotto giusto, che regolarmente comprano. Non sanno cosa vogliono e cosa invece giudicano inutile o irrilevante. Cosa è cambiato in questo primo scorcio di secolo? Intanto, la politica per la prima volta, in occidente, compie scelte che prescindono dall'interesse e dalle possibilità dei costruttori. Poi, mai prima sulla scena c'era stata un'altra industria che aveva insieme capacità d'innovazione e risorse enormi.

Davanti a questi due fenomeni, i costruttori forse si sono sentiti un po' incalzati. In altri termini, è la prima volta che non sono loro, i car makers, a dettare l'agenda dello sviluppo. Per fare un piccolo esempio banale, le cinture di sicurezza a tre attacchi furono installate di serie nel 1959 da Volvo e poi dagli altri costruttori, ma solo nel corso degli anni '70 divennero obbligatorie in Europa. Si sa che decidere sotto pressione non è mai foriero di buone scelte, specie per chi non c'è abituato.
Quale che sia la causa, è più importante capire l'impatto che avranno questi cospicui investimenti con poco mercato e scarsi profitti.
Un generale indebolimento finanziario dell'industria automobilistica, che già lo scorso anno ha mandato un'avvisaglia: una flessione del 20% dei profitti, pari a 25 miliardi di dollari, nonostante una contestuale riduzione di 44mila addetti, la prima dopo la crisi 2008/10.

Se un’industria debole diventa preda
Un'industria finanziariamente debole diventa facilmente scalabile da parte di chi punta ad accedere a tecnologie e nuovi mercati, come i produttori cinesi. Produttori che in questi ultimi anni hanno visto scendere l'utilizzo dei loro impianti intorno al 75% e, nell'ultimo anno, sotto il livello critico del 70%. Non è difficile ipotizzare come, dal loro punto di vista, si potrebbe sfruttare una tale capacità, allorché avessero accesso ai mercati occidentali con brand e reti già consolidate. In conclusione, è vero che i costruttori, dopo più di un secolo di mobilità individuale a motore, oltre a meritare fiducia e rispetto, hanno le spalle per reggere questa nuova sfida. Sicuramente le attuali strategie sono il frutto di analisi e di valutazioni accurate e approfondite. Magari è solo il caso di fare un tagliando, una specie di stress test, per controllare che tutto vada confermato.


Top
   
MessaggioInviato: mer lug 10, 2019 8:47 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 12343
Analisi molto interessante e dal mio punto di vista veritiera.
L’unione Europea sta dettando una trasformazione radicale del mondo automotive le cui conseguenze potrebbero essere catastrofali.


Top
   
MessaggioInviato: ven lug 12, 2019 9:53 pm 
Non connesso

Iscritto il: ven gen 11, 2019 2:47 pm
Messaggi: 488
Località: Bologna
Ho avuto un'interessante discussione con un alto papavero di Enel.. Stanno investendo molto sulle colonnine ma, parole sue, "non ho idea di come pensino di procurarsi la corrente e senza corrente non si carica un tubo".


Top
   
MessaggioInviato: sab lug 13, 2019 8:16 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven lug 13, 2007 3:17 pm
Messaggi: 3652
mjazz ha scritto:
Ho avuto un'interessante discussione con un alto papavero di Enel.. Stanno investendo molto sulle colonnine ma, parole sue, "non ho idea di come pensino di procurarsi la corrente e senza corrente non si carica un tubo".
Si sono portati avanti tariffando a 50 cent al kWh in modo da selezionare la domanda :ridi


Top
   
MessaggioInviato: ven lug 19, 2019 8:42 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 12343
https://www.quattroruote.it/news/indust ... o_ceo.html

Più sul sicuro BMW non poteva andare nella ricerca del nuovo CEO. È stato eletto Oliver Zipse attuale capo della produzione (come i predecessori Krüger e Reithofer). In tempi difficili forse sarebbe stato meglio osare ma i Quandt non hanno voluto. Si dice che all’interno di BMW molti consiglieri di sorveglianza abbiano ammesso che nel 2014 sarebbe stato meglio eleggere Diess al titolo di CEO.


Top
   
MessaggioInviato: ven lug 19, 2019 8:59 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven lug 13, 2007 3:17 pm
Messaggi: 3652
daimlerchrysler ha scritto:
https://www.quattroruote.it/news/industria-finanza/2019/07/18/gruppo_bmw_oliver_zipse_e_il_nuovo_ceo.html
Più sul sicuro BMW non poteva andare nella ricerca del nuovo CEO. È stato eletto Oliver Zipse attuale capo della produzione (come i predecessori Krüger e Reithofer). In tempi difficili forse sarebbe stato meglio osare ma i Quandt non hanno voluto. Si dice che all’interno di BMW molti consiglieri di sorveglianza abbiano ammesso che nel 2014 sarebbe stato meglio eleggere Diess al titolo di CEO.
Secondo te perché Frolich non ce l'ha fatta?


Top
   
MessaggioInviato: ven lug 19, 2019 10:21 am 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 12343
Fröhlich ha 59 anni, secondo le regole del board BMW i membri del consiglio di amministrazione non devono superare i 60 anni, in più è molto assertivo (leggasi arrogante) nei confronti dei manager e dei sindacati. Chissà se Fröhlich lascerà Monaco, lo ritengo improbabile.


Top
   
MessaggioInviato: lun lug 22, 2019 6:41 pm 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: ven apr 28, 2006 6:03 pm
Messaggi: 12343
crossover] segment.”

NEW YORK — BMW Group is betting it can lure more customers to Mini by adding crossovers and two-door hatchbacks.

The German luxury automaker appears to be doubling down on its small-car brand even as it acknowledges the challenges of selling to Americans obsessed with light trucks.

BMW Group sales boss Pieter Nota, speaking to Automotive News this month on the sidelines of the Formula E race here, said turning around the Mini business in the U.S. will take new products, including fresh offerings in what Mini calls its Hardtop line.

But new developments also are coming in small crossovers, he said.

"That's a growing segment," Nota added, avoiding specific product plans. "Without revealing anything, we will see growth in that segment."

BMW is addressing an existential crisis for Mini: Customers, especially in the U.S., are ditching small cars for roomy crossovers.

"You see virtually every brand, including the super premiums, moving into these type of vehicles," said Jeff Schuster, president of global forecasting at LMC Automotive. "There is a core buyer for Mini now, and that group is not growing. So moving into this segment could attract new buyers.


"Porsche is a good example of success in stretching a brand into the crossover segment."

Crossovers accounted for 38 percent of the U.S. light-vehicle market last year, up from 27 percent five years ago. During that period, small-car market share shrank to 12 percent from 18 percent. Mini's largest model, the four-door Countryman compact crossover, was the brand's bestselling nameplate through June this year.

Mini's U.S. sales peaked at 66,502 in 2013. The brand declared that year that it would sell more than 100,000 vehicles per year here by 2020. But last year, U.S. sales fell 7.3 percent to 43,684. Sales through June of this year fell 22 percent to 17,583.

Poor sales have dented dealer profitability. That has prompted BMW Group to let Mini dealers downsize their stores or move operations into their BMW locations, sharing backroom expenses to help defray operating costs and real-estate overhead. Dealers are expected to differentiate the brands in the consolidated location, with Mini-branded showrooms and dedicated sales and service employees.

But if BMW Group executives in Munich are worried about Mini's prospects in the world's second-largest auto market, Nota didn't let on in New York.

Mini is an "iconic brand" and will have a leading role in the luxury small-car segment, he said. "We are optimistic that with the new models that will come‚ including the Mini Electric, but also John Cooper Works, we can see a healthy future for the Mini brand in the U.S.," Nota said.

BMW Group's strategy to stick it out in America's collapsing small-car market contrasts with Daimler's decision to yank Smart from the U.S., and Volkswagen's plan to mothball the Beetle.

Nota sees the competition's capitulation as a way to consolidate market share.

"Unlike some of our competitors, we are not turning our back to the U.S.," Nota said. "We see that even as an opportunity."

Electric Mini

If Mini has a future, it'll likely be electrified.

On July 9, BMW Group debuted its first serious series-production electric Mini — the Cooper SE. Assembly begins in November in Oxford, England, with U.S. deliveries expected in early 2020.

Based on the BMW i3s subcompact's battery-electric powertrain and the two-door Mini Hardtop's body style, the SE is powered by a 135-kilowatt motor that delivers 181 hp and is capable of going from 0 to 62 mph in 7.3 seconds. With a low center of gravity, thanks to a strategically positioned T-shaped 12-module battery, the SE remained in control in the sharp turns of the Formula E street circuit during a drive at the event.

"It was important to not just do the next electric car — we wanted to do Mini electric," Elena Eder, product development chief for Mini's electric program, said at a media briefing in New York. "It had to have the genes of Mini. It was very important to preserve the main characteristic of the Mini, which is the go-kart feeling and also the iconic design."

But the heart of the Cooper SE is a modest 32.6 kilowatt-hour battery that is expected to have an EPA-estimated range of about 114 miles on a full charge. In a world of 200-plus-mile electric vehicles, the SE could be a hard sell to a public wary of range anxiety.

"We wanted to avoid putting too much weight and too much cost into the car" with a larger battery, Nota said, noting the new model's range is "optimal" for in-town driving.

BMW Group execs were coy about plans to electrify the entire Mini lineup. The Mini Countryman's plug-in hybrid variant is currently the brand's sole electrified vehicle.

BMW Group does not plan to electrify the current generation of its other Mini models, "but for the next generation, we might still have surprises for you," Eder teased.

Nota reiterated that internal combustion engines will continue to power Minis.

"We see certainly a significant role for electric in Mini. But there is also going to be a place for our John Cooper Works because there is serious customer demand there," he said. "So, we will also have some really exciting combustion engines for the Mini brand."

Diversified approach

The Mini Cooper SE is part of BMW Group's ambitious plan to launch 25 electrified vehicles — more than half of which will be full electric — by 2023.

The automaker moved the deadline forward by two years to speed the "transformation toward emission-free mobility," Nota said. "In some markets, that is becoming a No. 1 selling argument."

Rather than go all-in on battery electrics, BMW Group is taking a more pragmatic strategy. Future BMW models will be designed to accommodate battery electric and combustion engine powertrains. And the company's factories will be designed to seamlessly switch between powertrains.

That diversified approach is a hedge against making a pricey bet on any one technology. Despite the hype, EV demand remains questionable and heavily reliant on tax incentives, government regulation and prevalence of vehicle charging infrastructure.

"What we see in global markets is that the rate of acceptance of electric mobility is differing," Nota said. "But we do see overall an increase in the acceptance of electrification.

BMW da anni riflette sul futuro ruolo di Mini all'interno del gruppo. Dal rilancio nel 2001 la casa britannica non ha mai perso soldi (al contrario di Smart) ma la redditività è comunque bassina e nonostante l'ampliamento della gamma le vendite crescono appena. Il direttore delle vendite del gruppo è allo stesso tempo ceo di Mini; il futuro del marchio sarà nei crossover e nelle piccole elettriche.


Top
   
Disable adblock

This site is supported by ads and donations.
If you see this text you are blocking our ads.
Please consider a Donation to support the site.


Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento  Rispondi all’argomento  [ 73 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente 1 2 3

Tutti gli orari sono UTC+01:00


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Limited
Traduzione Italiana phpBBItalia.net